QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 16 aprile 2012

I CULTORI DELLA LEGALITA' E DEI REGOLAMENTI (A SENSO ALTERNATO)

Ci ha molto incuriosito leggere, sabato scorso, l'articolo che vi proponiamo sotto sul Corriere Adriatico:



Proviamo a riepilogare:  il consiglio comunale aveva tra i punti all'ordine del giorno la surroga del consigliere Giovanni Giri. Tale surroga, come abbiamo già specificato in maniera dettagliata con questo post, si sarebbe dovuta formalizzare entro il 19 febbraio cioè, come prevede il Testo Unico degli Enti Locali, entro dieci giorni dalle dimissioni del consigliere (che erano state protocollate in data 9 febbraio). Ciò, ovviamente, in barba ai regolamenti non è avvenuto. Creando un deficit nel funzionamento della democrazia.

Pertanto, se abbiamo capito bene, è successo questo: il capogruppo di maggioranza Fabbracci ha accusato in un consiglio comunale convocato più di 50 giorni dopo il termine previsto dai regolamenti il consigliere di opposizione Fiaschetti di non attenersi agli stessi regolamenti.

Perché la legge è legge. Punto. E i rigorosi regolamenti che disciplinano le modalità di svolgimento dei consigli comunali vanno severamente applicati.

Solo quando fa comodo, naturalmente...

Grazie a radiobombo.it

6 commenti:

  1. Fiaschetti Attilio16 aprile 2012 18:51

    Gent. Redazione sono Fiaschetti e voglio dire la mia sul post da voi pubblicato. Se non ho capito male con la foto della” legge è uguale per tutti” si vuole imputare a me un errore nel dibattito dell'interrogazione. Nella realtà non è così,infatti, il regolamento comunale parla chiaro: il consigliere illustra l'interrogazione e l'Assessore risponde e il Sindaco può eventualmente integrare la risposta. Dopo questo il Consigliere risponde specificando s'è soddisfatto o meno. Ma ha anche 5 minuti per motivare la sua posizione. Ciò che è capitato giovedì è gravissimo, perché l’atteggiamento dell'Assessore Fabracci mi ha negato la possibilità di svolgere il mio compito di Consigliere. La cosa grave è che un Assessore, che è stato 10 anni Sindaco, non sappia queste cose e che, nonostante l’avvertimento del Segretario sui 5 minuti di tempo a mia disposizione,abbia continuato nella sua posizione. Attilio Fiaschetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No caro Fiaschetti. Il senso del post e la foto volevano solo sottolineare il comportamento scorretto della giunta in tutta la vicenda "surroga del consigliere Giri". Se si pretende legalità bisogna anche garantirla. In tutte le occasioni.

      Elimina
    2. Fiaschetti Attilio17 aprile 2012 17:38

      Ok,grazie per la precisazione ma avevo capito male. Attilio Fiaschetti

      Elimina
  2. OCCUPIAMO IL COMUNUNE SIMBOLICAMENTE.E'UNA VERGOGNA.

    RispondiElimina
  3. Mirco Frontini18 aprile 2012 10:33

    qui al porto la legge conta poco ! lo so per esperienza.. io con la mia azienda devo stare a norma di legge .. ma ma .. ci sono altre aziende che non solo non sono a norma .. ma che propio non dovrebbero stare dove si trovano . .. procurando anche allarme, perche da queste aziende entra ed esce gente scavalcando la recinsione anziche passare dal cancello .. ........... ma è un dato di fatto, chi deve controllare controlla un po come gli pare . si deduce che la legge non uguale per tutti ..

    RispondiElimina
  4. se controllate il piano comunale di protezione civile,avrete la risposta se certe aziende possono stare dove si trovano.....

    RispondiElimina