QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 20 marzo 2012

IL COUS COUS, L'ASSESSORE E LA BEATA IGNORANZA

Riceviamo e pubblichiamo dalla nostra lettrice Laura

Buongiorno ragazzi, leggo sul Resto del Carlino un articolo che, SE riporta fedelmente le affermazioni dell'assessore alla mensa scolastica, mi fa rabbrividire e mi chiedo come vengano assegnate le deleghe.

http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/2012/03/17/682266-cous-cous-scuola-porto-recanati-macerata.shtml


Cito...

... Ma appena presentato il menù al Comune, l’assessore ci ha detto che l’amministrazione non era d’accordo perché ciò che noi chiamavamo cous cous non è una pietanza italiana, quindi da non servire ai bambini»
(...)
Ribatte l’assessore Roberto Sampaolo:

«Non è una pietanza italiana e l’amministrazione comunale non vuole creare un precedente con tutte le altre cucine. La nostra è una cucina mediterranea e vogliamo andare fieri della nostra tradizione culinaria».

Primo: il cus cus è un piatto tipico sì nordafricano MA anche tipico della Sicilia che, a dispetto di quello che pensa qualcuno, è IN ITALIA.
Secondo: la cucina mediterranea che cos'è?? Quella di mamma o quella che usa ingredienti quali olio di oliva, verdura, pasta di semola, legumi, ecc ecc. Guarda un po'... sono gli ingredienti proposti per il cus cus.
L'ignoranza è una brutta bestia...
Ma l'articolo dice anche un'altra cosa, ben più allarmante, che vale la pena diffondere. Parla la presidentessa del comitato mensa:

"I problemi della mensa sono ben altri. Ad esempio ci viene chiesto di eliminare i cibi biologici, perché troppo costosi o i latticini e derivati, ma a questo abbiamo detto no. Secondo noi non è il cous cous un problema, ma tutte queste altre richieste che andrebbero ad abbassare il costo del pasto, ma non garantirebbero più i giusti apporti energetici giornalieri per i bambini».

Grazie e buon lavoro

6 commenti:

  1. Ha ben detto la Allegrini: "è una questione di cultura". Quanto basta per giustificare la non introduzione. A breve ci chiederanno di rimuovere la Madonnina in piazzale Europa, visto che non rispecchia i valori della religione musulmana. Questa è integrazione? o invasione? Per integrazione intendevo l'adeguamento e la condivisione da parte dei cittadini stranieri alle nostre tradizioni... Scusate mi ero illuso

    RispondiElimina
  2. Drssa Gloria Mazza20 marzo 2012 13:38

    Sono medico di famiglia e pediatra. Lotto da una vita affinchè i miei pazienti capiscano che sana alimentazione significa soprattutto meno malattia. Poi leggi sul giornale che chi è deputato a governarci, non conosce neanche la geografia: il mar Mediterraneo non bagna solo l'Italia, bagna tante nazioni anche quelle che mangiano cous cous, che è un piatto che fa parte della dieta mediterranea (= dieta mediterranea: universalmente riconosciuta come la più sana e praticata dai paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo).Non mi voglio addentrare sul fatto che sedersi a tavola con chi è straniero e condividere il cibo, è il primo atto di reciproca integrazione e di reciproca conoscenza,perchè capisco che per l'attuale amministrazione è un concetto troppo complicato, ma togliere il biologico alle mense è uno schiaffo alla salute, gravissimo e che va combattuto. Il cibo biologico certificato sia dall'Italia che dalla Comunità Europea è un cibo esente da pesticidi e anticrittogamici, responsabili di gravissime malattie.Spero che i genitori e i responsabili della mensa si facciano sentire e portino avanti un discorso che non è solo alimentare, non è solo di salute, è soprattutto ideologico.

    RispondiElimina
  3. Quanto espresso dall`assessore è preconcetto e razzista, mentre le crisi economica sta punendo l`italia per incapacità di internazionalizzazione, alcuni soggetti hanno ancora le pretese di dettare le linee ......
    Caro Assessore l`unione sovietica non c`è più (purtroppo...) e il capitalismo all`italiana (anzi alla portorecanatese) che ha lei piace tanto ha fallito!!
    Si ascolti LET IT BE dei beatles...
    Massimo Montali

    RispondiElimina
  4. Lorenzo Riccetti capogruppo Uniti per Porto Recanati20 marzo 2012 14:36

    Altro che che cous cous la questione che preoccupa diverse famiglie portorecanatesi e di cui ci facciamo portavoce è la volontà, paventata dall’Amministrazione, di eliminare dalle mense scolastiche i cibi Biologici al fine di ottenere un risparmio di spesa.
    Come capogruppo di minoranza e padre di due bambine che utilizzano il servizio, spero che tutto ciò non sia corrispondente al vero e mi aspetto che l’Assessore Sampaolo smentisca immediatamente e pubblicamente l’esistenza di un tale ”insano” progetto.
    Infine, per spazzare via ogni forma di xenofobia alimentare ci permettiamo di invitare gli Amministratori a visitare il Cous Cous festival di San Vito Lo Capo (TP), che si svolge ogni anno nell’ultima settimana di settembre e dove si celebra un confronto tra paesi dell'area euro-mediterranea, prendendo spunto proprio dal cous cous, definito: “piatto della pace comune a moltissime culture”.

    RispondiElimina
  5. gira e rigira siamo sempre alle solite.risparmiere sul cibo delle mense scolastiche è vergognoso.
    é inutile negarlo che abbiamo una dirigenza culturalmente impreparata,ma questo non significa che possono fare ciò che vogliono.
    introdurre cibo biologico nelle mense scolastiche è sano e genuino e non capisco come mai si investono somme elevate sulla sicurezza della comunità(vedi hotel house)e non si può investire sulla sicurezza alimentare delle mense scolastiche.


    PASQUALE TELERA

    RispondiElimina
  6. Penso che la questione Cous Cous,sia l'ultimo dei problemi per PortoRecanati,certo controlli e massima attenzione per l'alimentazione dei nostri bambini,ma se il Cous Cous risulta gradito a loro perchè no...?????? del resto non siamo invasi da MC Donald con cibi in prevalenza di cultura Americana e cosa penserebbe l'Assessore Sampaolo se nel MONDO ci fosse una levata di scudi contro la cucina Mediterranea(ITALANA)specificatamente,con relativo boigottaggio da parte delle altre Nazioni alla nostra cucina e magari conseguente crollo in termini economici della richiesta dei nostri prodotti????? ma questa è la logica conseguenza di quando si danno deleghe giusto per accontentare,tappare buchi o peggio ancora,per logiche politiche a gente che occupano posti solo per portare a casa lo stipendiuccio di Assessore e questo non è altro che lo specchio della nostra attuale amministrazione che si tiene in piedi con lo scotch.

    RispondiElimina