QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 15 marzo 2012

45 MILIONI DI EURO (VI SEMBRAN POCHI??)

Apprendiamo e pubblichiamo dal Resto del Carlino di ieri:

Le Fiamme gialle di Porto Recanati scoprono maxi evasione da 45milioni di euro

Dopo un controllo su una società

L'uomo denunciato aveva spostato la propria residenza fiscale a San Marino continuando però ad operare in Italia

La Guardia di Finanza ha scoperto, a seguito di un controllo su una società di Porto Recanati, un evasore totale che aveva spostato la propria residenza fiscale a San Marino: l'uomo non avrebbe dichiarato la bellezza di 45milioni di euro.
Un anno di lavoro, un certosino esame della documentazione bancaria dei 36 conti correnti accesi dall’azienda su banche nazionali e un analitico riscontro dei rapporti con i clienti e i fornitori, hanno consentito ai finanzieri di accertare che si trattava di una cosiddetta società estero-vestita, che cioè, pur avendo spostato formalmente la propria sede fuori dall’Italia, continuava a operare nel nostro Paese.
Consistente l’evasione fiscale accertata in cinque annualità con un picco di oltre 24 milioni non dichiarati solo nel 2007.
Ammonta a quasi 5 milioni l’importo dell’Iva evasa per le vendite effettuate in Italia dalla società recanatese.
Il titolare della società è stato denunciato all’autorità giudiziaria di Macerata.

Osservazione, magari inopportuna: perché i giornali, quando scrivono del piccolo ladro o del rapinatore in banca, indicano molto spesso il cognome e il nome mentre quando debbono raccontare un fatto che riguarda un evasore fiscale totale che ha sottratto alla comunità svariati milioni di euro rispettano la sua privacy non pubblicando il nome del gentiluomo denunciato e indagato?
Se qualcuno fosse in grado di darci una risposta ne saremmo lieti.

1 commento:

  1. stefano guerini15 marzo 2012 12:39

    vero.
    spesso anche quando vengono scoperte frodi alimentari, ci dicono che usavano latee avariato o altro ma non ci dicono mai il mome dell'azienda. perchè?

    RispondiElimina