QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 4 luglio 2011

A VOI SEMBRA NORMALE?

Partiamo dall'antefatto: nei giorni scorsi in molti (tra sindaci e associazioni) hanno preso posizione contro il rigassificatore di Falconara, tra questi il signor Carlo Neumann,  presidente dell'Associazione turistica "Riviera del Conero" (di cui fa parte, tra l'altro, anche Porto Recanati), che aveva scritto una lettera in cui si diceva nettamente contrario a tutti gli impianti di questo genere:

Ora, però, immaginiamo il peggiore degli incubi: la Regione che si spinge al punto di acquistare una pagina di un giornale locale per perorare la causa del rigassificatore, spiegare che è un impianto innocuo e non inquinante e che anzi porterà tanto benessere al territorio.


Se pensate che questo sia un incubo, ogni tanto gli incubi diventano realtà...



SIGNORE E SIGNORI... A VOI UNA PAGINA (A CASO) DEL MESSAGGERO DEL 01.07.2011

(cliccate per ingrandire e leggere)

Vi giuriamo che non è un fotomontaggio, né una nostra creazione, ve la mostriamo tale e quale!
Ora la nostra domanda è questa: a voi sembra normale che una regione fornisca ai cittadini informazioni a senso unico come queste, spendendo addirittura soldi per acquistare una pagina intera di un quotidiano (annunciando  peraltro l'"ingresso in società" con chi realizzerà il rigassificatore)?

A voi la risposta...

Ci attendiamo, naturalmente, una "grandinata" di commenti

11 commenti:

  1. E' la politica che diventa affari. E come ogni business ha bisogno di pubblicità tramite i giornali. E' il nuovo che avanza. Il Modello Macerata che inizia a far danni. Questa accozzaglia di pseudo amministratori hanno imparato bene quali sono le priorità da perseguire.
    E diventano addirittura soci di attività imprenditoriali che minacciano la nostra sicurezza e la nostra salute.
    V E R G O G N A !!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. E bravo il governatore Spacca! Lui si che fa gli interessi delle Marche. Fedele a quanto detto in campagna elettorale, e alle rassicurazioni date alle persone. Ora si nascondono tutti dietro la parola "responsabile". Secondo me l'unico gesto responsabile è di dimettersi.

    RispondiElimina
  3. Evviva il PD!!!! Dalla parte dei cittadini e contro lo sfruttamento del territorio. Anche a Porto Recanati, sono tutti in religioso silenzio, gli unici dialoghi che fanno sono sotto banco con L'UDC

    RispondiElimina
  4. Vergogna,venduti! Ecco il progresso di Spacca. Cosa faranno dire adesso a Dustin Hoffman? "Venite nelle Marche, se prendete l'aereo per Falconara o il treno potrete ammirare il nuovo rigassificatore, gioiello di Spacca".

    RispondiElimina
  5. Gianni Costantini4 luglio 2011 12:32

    Beh .. che dire....
    Questa è proprio geniale.
    Siccome sanno che questo rigassificatore in un contesto così già compromesso come quello di Falconara, non lo vuole proprio nessuno, allora cosa ti combinano questi fenomeni ?
    Fanno pagare a noi il 30% dell'impianto.
    Sono andati oltre ad ogni più orrida immaginazione.
    Spacca, vergognati. Te e tutto il PD !!!!!!

    RispondiElimina
  6. Roberto Assisi4 luglio 2011 12:38

    Come si potrebbe fare, a livello legale, per dissociarsi da questa spesa pubblica che l'acquisto del 30% dell'impiango comporterà ?
    Ci sono forme per tutelarci ?
    Io non voglio partecipare, come contribuente, a questa spesa. E voglio che questo sia chiaro.

    RispondiElimina
  7. Non ho capito una cosa, il sistema di monitoraggio viene effettuato anche dalla regione e quest'ultima fa parte della società che gestisce l'impianto?
    Considerato come Spacca ha cambiato le carte in tavola, siamo certi e tranquilli sull'affidabilità di tale controllo.

    RispondiElimina
  8. Alle prossime elezioni amministrative di Porto Recanati ci aspettiamo una lista civica formata da persone vere, perchè questa volta il PD se lo sogna che ingoiamo il modello Macerata. Sarebbe opportuno però che faceste arrivare al sito di Spacca tutto questo e anche al sito del PD di Porto Recanati, che dopo il risultato delle provinciali e dei referendum, ancora non indice una conferenza per incontrare i cittadini. Siamo stanchi dei dormienti e sono certo che una lista civica in cui confluiscano persone veramente motivate,possa finalmente fare la differenza.

    RispondiElimina
  9. ...che fine ha fatto il comitato "no al rigassificatore" del consigliere Giovanni Giri?? Volatilizzato? O oscurato dal PD???

    RispondiElimina
  10. Gentile Anonimo, vorrei precisare alcune cose, per sua informazione.
    Il consigliere Giovanni Giri non ha nessun comitato del "no al rigassificatore", come dice lei, il Comitato vero è formato da cittadini che il rigassificatore non lo vogliono e ha una sua valentissima presidente, che a quanto ne so si è spesa molto anche per opporsi alla realizzazione dell'impianto di Falconara.
    Il sottoscritto non fa parte del comitato "Rigassificatore No Grazie".
    La mia battaglia contro i rigassificatori è da cittadino informato e da consigliere comunale di Porto Recanati.
    Vorrei infine assicurarle che "il consigliere" Giovanni Giri non si lascia oscurare da nessuno, Pd, Pdl, Udc, Lega, Rifondazione, Fli, SEL o Idv che siano, e che lo stesso è stato presente alle manifestazioni pubbliche e in Consiglio regionale (può constatarlo da sé in alcuni filmati delle inziative).
    Spero di essere stato esauriente.

    RispondiElimina
  11. dopo tutto il casino fatto contro il rigassificatore a porto recanati, ora che ce lo fanno a falconara Giri è muto, il PD a porto recanati, muto!, Uniti per Porto Recanati, muto!! così come tutti i Comuni di sinistra nel territorio, MUTI!!! vergogna!!!!

    RispondiElimina