QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 19 agosto 2014

ABBIAMO PERSO IL SENSO DI CIVILTA'

L'altro giorno, chi vi scrive, doveva uscire con la propria auto dal suo garage condominiale. É rimasto bloccato nella rampa di uscita. Sopra c'era un'auto parcheggiata che ostruiva il passaggio. In un passo carrabile. In un divieto di sosta. Il tizio aveva parcheggiato lì, strafottendosene di bloccare l'ingresso/uscita a decine di garage condominiali. Racconto questo, come estrema ratio di un italico comportamento di estrema inciviltà che non ha più limiti e che si perpreta con quotidiana fisiologica ripetività.
Giorni fa, giravo in bici, lungomare. La gentile signora moglie di persona molto nota in città, teneva al guinzaglio il suo cane. Che colpito da bisogno di defecare ha pensato bene di inondare con i propri escrementi l'ingresso di una lussuosa abitazione che a quell'ora aveva il portone chiuso. La signora non ha raccolto i copiosi escrementi. Li ha lasciati lì. Perché il suo cane ha la cacca reale. Profumata. Ed adorna gli ingressi delle abitazioni. Così, evidentemente, pensa la gentile signora.
I mercatini abbondano nella nostra cittadina. A questi commercianti noi, possessori del bene comune, cediamo pezzi del nostro territorio puliti. Qualcuno saprebbe spiegarmi perché questi signori, quando smontano le loro bancarelle, si sentono autorizzati di trattare il nostro Corso o il nostro Lungomare come una discarica a cielo aperto? Non potremmo munirli di sacchetti gialli, blu, umido e cartone dove i lor signori possono riporre la propria immondizia prima di lasciare i pubblici luoghi? É scritto su qualche contratto che debbono lasciarci carreggiate di pubbliche strade lercie di rifiuti?
Vi siete mai fatti un giro nei nostri parchi? Abbondano di lattine, brik vuoti, cartacce. E a pochi metri ci sono i bidoni della immondizia. Troppa fatica buttarli lì dentro. Ah dimenticavo: per i fumatori.... Il posacenere dell'auto pieno di cicche non si scarica abbassando il finestrino in mezzo alla pubblica strada. Lo fareste nel vostro salotto? Va differenziato!!!
L'immondizia non si lascia fuori il pomeriggio o la sera del giorno in cui é prevista la raccolta. Se il mercoledì é previsto il sacchetto blu della plastica, lo dovete mettere fuori il mercoledì mattina. Non il martedì pomeriggio o sera. Se facessimo tutti così, trasformeremmo Porto Recanati in un maxi addobbo di color blu. Di grascia. Bellissimo.....
I bidoni dell'umido servono per l'umido. Non servono per buttare via il giocattolo rotto che vostro figlio non usa più. Se avete deciso di andare all'Ikea per cambiare il divano, non é che poi siete autorizzati a lasciare il vecchio a Scossicci accanto ai bidoni di raccolta rifiuti. Dovete portarlo al punto di raccolta. Capito?
I parcheggi dei motorini, sono per i motorini. I marciapiedi si chiamano così perché ci marciano a piedi le persone. Non sono velodromi.
É inutile cari turisti dei centri limitrofi che cerchiate il parcheggio a due passi dal centro. Di questi tempi non si trova. Non siamo strutturati per farvi parcheggiare tutti a un minuto dal lungomare. Pertanto, se ce la fate, evitate di invadere con le gomme dei vostri Suv i nostri marciapiedi. Evitate di sviluppare in modo così fantasioso la vostra creatività incivile pur di non fare duecento metri a piedi. Il codice della strada vige anche a Porto Recanati. Lo sapete?
Il problema vero, dunque, é costituito dalla nostra inciviltà. Che purtroppo rimane impunita. Inutile sottolinearlo, ma buttare una cicca per terra, o anticipare l'esposizione di un sacchetto dell'immondizia o parcheggiare sopra un marciapiede, in molti civilissimi paesi del nord europa, costa carissimo. Multe salate. Auto rimosse. Patenti ritirate.
Un nostro turista estero l'altro giorno mi diceva: perché girate tutti in bici la notte senza i fanali accesi? L'ho guardato come se venisse da Marte. E purtroppo non ho saputo rispondergli. Eppure, i fanali accesi della bici, di notte, sono previsti dal nostro codice della strada. Ovvero da una legge di quel burlone di Stato Italiano.....
Ma vaglielo a spiegare che da noi, questo, rispetto ai problemi che abbiamo, dovuti alla mancanza di educazione e senso civico, è un dettaglio al quale non facciamo neppure caso!!!
ORA PARLIAMO D'ALTRO.....
Ha poco a che vedere con questo post, ma abbiamo saputo in anteprima che dal 25 Agosto avremo un nuovo Segretario Generale del Comune. Si tratta della Dottoressa Maria Donato proveniente dal Comune di Vallefoglia (PU). A lei va il nostro in bocca al lupo per l'incarico che la attende.

16 commenti:

  1. Non abbiamo perso il senso del rispetto delle regole,è una caratteristica per cui noi italiani(non tutti per fortuna) siamo famosi in tutto il mondo per non avere,ci contraddistingue,poi diciamo che sono gli altri che non sono normali,così è sempre stato,così sempre sarà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre sara' non ci piace,applichiamo le leggi che ci sono,multiamo chi lo merita senza tirare fuori la scusa dei turisti.chi va in vacanza si adegua a quello che trova

      Elimina
  2. Tutto giusto. Ma i primi a "voler bene"al nostro paese dovremmo essere noi. Sino a lunedi 18 ore 22,00 il sottopasso di via Loreto aveva ancora i resti della notte di Ferragosto! Chi si e' dimenticato di pulirlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanta gente possa essere passata su quel sottopasso, resta di fondo l'inciviltà di chi ha sporcato. A meno che tu non sia una lumaca che quando cammina lascia bava a terra.
      Bravi Argano.

      Elimina
    2. Naturalmente, quelli che li hanno lasciato la spazzatura!

      Elimina
  3. NESSUN COMMENTO A TANTA COMUNE INCIVILTA' anche perchè noi italioti siamo convinti che ad incorrere in queste elementari norme del vivere "incivile" siano sempre gli altri, crediamo di essere più " svelti " o più "intelligenti" ......mah ! che tristezza ! E pensare che basta tanto poco.....

    RispondiElimina
  4. C'era qualcuno che ha detto "fatta l'Italia, dobbiamo fare gli italiani". È trascorso "qualche giorno", ma il significato di questa frase è purtroppo ancora reale ed attuale.

    RispondiElimina
  5. caro Argano, tu parli di come ci si dovrebbe comportare, per lsa spazzatura, per i bancarellari e per il codice della strada. ora io ti chiedo : ma chi controlla questa gente? chiedete agli spazzini. loro sanno chi butta fuori dagli orari, di chi sono i divani ma se nessuno controlla (vedi il classico parcheggio selvaggio lungo tutto il corso) ognuno fà quello che ritiene giusto. e se vedi una famigliola in bici con le luci accese anche di giorno e i caschetti indossati e allacciati be.........tranquillo non sono certo italiani.

    Pasquino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'italiano va bastonato. Purtroppo. Altrimenti non capisce.....

      Elimina
  6. Parole sante caro Argano, la lista potrebbe continuare all'infinito: cito solamente le biciclette contromano soprattutto in via Pietro Micca. Quello che però mi chiedo, e di rimbalzo a editore e lettori, è come fermare tutto questo. Abbiamo vigli che controllano i parcheggi solo quando devono battere cassa, allora mi viene pensato di controllare noi cittadini, facendo fare sonore figure di merda ai padroni di cani che lasciano a terra la suddetta. Io mi rispondo così: la soluzione radicale non esiste, quello che manca è il senso civico, la buona educazione ed il rispetto per il prossimo; cose che devono essere insegnate ai bambini, purtroppo gli adulti sono irrecuperabili. Non s può dire alla "vecchia purtannara" che in bici con le sporte della spesa contromano non ci può andare e che lo stop lo deve rispettare, lo capirà solo quando verrà presa sotto da una macchina. La "signora" che lascia cagare il cane capirà lo sbaglio quando sulla stessa merda ci andrà a scivolare. Il signore "co lo suvve che tando i vigili me conosce" si renderà conto quando vecchio sulla sedia a rotelle non riuscirà nemmeno ad uscire di casa perché un suo simile deve andare "due secondi" a prendere il caffè.
    Finisco qua aggiungendo l'ultima cosa che mi viene in mente: mi rivolgo ai residenti fuori dal centro e agli abitanti dei paesi limitrofi, il pass turistico costa 10€, una multa perché passate contromano o semplicemente ve ne fottete dell'ausiliario del traffico molto di più...non fate gli italiani, usate il cervello.

    RispondiElimina
  7. Siamo al festival del triviale, a quanto leggo.

    RispondiElimina
  8. De Chellis Emanuele19 agosto 2014 19:02

    Parole sante!!! È da un po che lo dico che siamo un paese de gasciari. Foto articoli...... non serve a niente, o almeno fino ad ora.

    RispondiElimina
  9. Io abito in via Beniamino Gigli dove vige il senso unico, rispettato da poche persone. Un giorno ad una signora che andava contromano ho ricordato che c'è il senso unico, risposta: lo so, ma io fò come me pare!!! Preciso che non viene rispettato neanche dalla postina e dalla Cosmari.

    RispondiElimina
  10. Capisco che " ha poco a che vedere con questo post", però che dire del nuovo Segretario Generale?
    Gentilmente concesso da Palmiro Ucchielli, come mai?
    Forse ha visto il grado di difficoltà in cui vertono i suoi amministratori di Porto Recanati e li vuole "aiutare" inviando una figura di suo diretto controllo per prendere le decisioni al posto loro?
    Chissà se la scelta del nuovo segretario è stata condivisa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata ignoranza!!!!!!!!, riflettere prima di parlare.

      Elimina
  11. Le leggi ci sono all'amministrazione l'obbligo di farle rispettare.

    RispondiElimina