QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 17 luglio 2014

BURCHIO: IL SI DELLA PROVINCIA

Apprendiamo dalle colonne del Carlino del si della Provincia di Macerata al progetto Burchio. A giorni dunque il provvedimento approvato dalla giunta provinciale ritornerà a Palazzo Volpini dove entro 90 giorni il nostro governo cittadino dovrà pronunciarsi sulla realizzazione dell'opera.

 Non sappiamo se ci saranno margini di manovra per bloccarla o se la nostra giunta si limiterà al prendere atto di un progetto, il cui iter autorizzativo era stato messo in piedi dall'amministrazione Ubaldi. Rimane la questione meramente politica: contro il Burchio si era palesemente espressa parte della coalizione ora al governo. In special modo Uniti per Porto Recanati con il suo leader Lorenzo Riccetti in testa si è palesemente esposto al fianco di coloro che si sono prodigati per raccogliere le firme per fermare il progetto. Cosa succederà ora? Ci si limiterà nel riferire: "non potevamo farci nulla" oppure si andrà ad una analisi a 360 gradi di tutte le opzioni che possono portare allo stop alla realizzazione dell'opera? Molti elettori se lo stanno chiedendo.


64 commenti:

  1. Ne vedremo delle belle ... Sara molto esilarante veder alzare la mano per votare si a quelli di upp e fiaschetti, dato che possono fare ben poco ... Alla faccia di chi ha creduto alle loro promesse fasulle.

    RispondiElimina
  2. Io a quel consiglio comunale voglio sedermi vicino a Reboli. Non rubatemi la sedia vicino a Reboliiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no caro la sedia vicino a Reboli è già stata prenotata e pagata da me, non sei informato, è stata battuta all'asta e l'ho aggiudicata x 1028,00 €. Battono all'asta quella dietro a lui, sbrigati!!!!

      Elimina
  3. Se si fa chiediamo le dimissioni della Montali !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no fateli governare e fate conoscere chi sono questi soggetti..... devono sparire...

      Elimina
    2. Chiedi le dimissioni e poi ? Tanto lei resta li ... che se ne va perché lo dici te?

      Elimina
    3. Resta, resta, ci tiene tanto a salire sui palchi !

      Elimina
  4. Gli elettori che erano contrari al progetto devono capire che in quella fase era possibile opporsi ma in questa nuova fase che la Provincia ha approvato tutto non ci si può più fare niente e quindi penso che il sindaco abbia ragione nel dire "ok noi potevamo fare di meglio ma tant'è dobbiamo proseguire quello che ci è stato lasciato". Del resto adesso siamo al governo e dobbiamo farlo responsabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante la campagna elettorale la situazione era già quella di adesso. O qualcuno, pensava che la Ubaldi non avesse concoradto la variante con la provincia e la regione? L'ha detto lei stessa in Consiglio che era tutto a posto. E questo era noto a tutti anche e soprattutto ai Riccetti, Montali e & che se la sono venduta in cambio di voti durante la campagna elettorale. Vergoggna.

      Elimina
    2. Per fortuna che c'è stato chi ha avuto le palle per proporre qualcosa di interessante per il futuro di Porto Recanati. Con questi di adesso non si sarebbe deciso neanche il magazzino per gli attrezzi dei netturbini.

      Elimina
  5. giammario poeta17 luglio 2014 09:41

    ... il Comune provvede all'approvazione della Variante in adeguamento al parere della Giunta Provinciale entro 120 gg dal suo ricevimento. Decorso tale termine il Comune è tenuto a provvedere alla rielaborazione della Vatiante.
    qualora ritenga di respingere tali rilievi, controdeduce entro 90 gg reivia in provincia (si allungano i tempi in questo caso). Una volta arrivato il nuovo parere della provincia ripartono i 90 gg a dispposizione del Comune per Approvare. Decorso tale termine bisogna rifare la Variante.
    Quanto sopra è legge art. 26 lex 34 commi 6,7,8
    in ogni caso qualora la Giunta esprima coerenza con quanto manifestato in campagna elettorale non dovrà piu' portare in Consiglio Comunale detta Variante facendo decadere i termini dei 120 gg a disposizione dalla data di ricevimento. Ricordo ai lettori che il Vice Sindaco si è schierato insieme ad alcuni Assessori e Consiglieri di Maggioranza contro tale Variante addirittura anche contro i lavori del "Marciapiede della Discordia". No al consumo dei suoli, no al Burchio con tanto di raccolta firme che avrebbero poi contribuito alla vittoria elettorale della maxzicoalizione. Questo è il grande appuntamento al quale è chiamato il Governo della città in rappresentanza di un elettorato che andrebbe a mio avviso rispettato ed onorato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giammario Poeta, un uomo morale (sic), a quanto leggo.

      Elimina
  6. Portorecanati non vuole lo SCEMPIO del Burchio,questa e la cosa che conta oltre tutte le approvazionii dello sceriffo e company.la giunta risetti la volonta popolare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dillo a Fiaschetti, che è un uomo d'onore e che siamo sicuri manterrà la promessa di buttare giù il Burchio, come ha mantenuto quella di non allearsi con chi non rinunciava agli emolumenti comunali. Con quelli ci sta bello in poltrona a palazzo Volpini, e vagliela a scollare dal culo, se sei capace. Ma io non ce l'ho con Fiaschetti, ma con i portorecanatesi che sono un branco di quacquaracqua.

      Elimina
    2. Una risposta che ti fa onore Fiaschetti, da assessore ! Complimenti ! Le tue promesse tutte mantenute. Ricordati quante ne hai dette e scritte sulle sagre. Adesso chi ha autorizzato tutte quelle manifestazioni gastronomiche di cui i marciapiedi sono pieni di cartelli ? Promesse tutte mantenute. Bravo Fiaschetti

      Elimina
    3. Fiaschetti ma la sagre non le dovevi regolamentare? Facevi le foto al verde malcurato di Porto Recanati e hai fatto qualcosa a riguardo? Fiaschetti lo stipendio a cui promettevi di rinunciare in campagna elettorale dove sta?

      Elimina
    4. Caro argano come mai hai eliminato il bel commento di fiaschetti ?

      Elimina
    5. É stato un errore pubblicarlo. Conteneva termini impropri.

      Elimina
    6. No caro argano l'errore grave nn è stato pubblicarlo , ma che un assessore lo abbia scritto... Una fgura di rappresentanza non è ammissibile che si esprima pubblicamente in quei toni

      Elimina
    7. quaquaraqua. deriva dalle anatre, non dall'acqua. quindi senza c.
      scusate ma non ho resistito

      Elimina
  7. Dalla Montali e soprattutto da Riccetti/Reboli ci aspettiamo che facciano scudo con il loro corpo contro ogni individuo che vuole minimamente il Burchio. Devono fare di tutto per non consentire questa opera. Di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo non faranno nulla perché non possono e non vogliono.

      Elimina
  8. Non sono un politico e non conosco la legge in materia, ma mi sembra assurdo che non si possa evitare di costruire. La provincia ha approvato ed ora siamo COSTRETTI a costruire? Mi sembra che ci sia qualcosa di troppo semplicistico in questo ragionamento. La nuova amministrazione è stata eletta anche per l'opposizione di tanti a questo progetto. Penso che sia palese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il comune ha approvato la provincia pure... ti direi perché chi vuole fare l'investimento deve essere costretto a non costruire ? Mi sembra semplicistico che arriva riccetti e blocca tutto.
      Allora potrebbe anche arrivare e far spianare la tua casa no ?

      Elimina
    2. Diverso. La casa è già costruita. Il burchio è da costruire. Il fatto di voler fare un investimento non implica la necessità di dover trasgredire quelle che sono le regole dettate dal Piano Regolatore.

      Elimina
    3. Bravo, ano delle 12.14, hai cementificato e adesso ti stai facendo una buona coscienza dicendo che è successo prima del Burchio. E quale sarebbe secondo te la data limite in cui tutto cade in prescrizione? Va con Dio, emulo di berlusconi, la santa chiesa ti assolve.

      Elimina
    4. 10.27, perché non si dovrebbe costruire? Anche tu sei uno che ama abitare in palafitte o case di paglia? Io credo invece che tu abbia una bella casa, magari proprio a Montarice. Siete tutti plagiati da Riccetti, che con il mattone ha moltissima familiarità e grazie al mattone ha potuto diventare avvocato. Non che sia un peccato, ma sai dà un po' fastidio sentir predicare l'amore libero purché lontano dalla propria moglie.

      Elimina
    5. Piano regolatore? Appunto la variante è stata approvata dunque la costruzione è perfettamemte lecita quanto la casa dove abiti

      Elimina
    6. Intervengo per dire che forse Fiaschetti ha capito male l'appellativo "uomo d'onore", che non vuol dire mafioso, come probabilmente l'ha interpretata lui, ma persona che quando dà la parola la mantiene. In questo senso mi sembra che il buon Attilio sia un po' mancato, ultimamente. Comunque il sindaco dovrà prendere qualche provvedimento nei suoi confronti perché un rappresentante dei cittadini deve avere quel minimo di self control che gli permetta di dominare le situazioni in ogni caso. Sotto questo aspetto Fiaschetti deve rivedere qualcosa di se stesso, se gli sarà possibile.

      Elimina
  9. Tutti a piagnucolare per una collina che fino allo scorso anno molti neanche sapevano che esisteva...

    Vedrete alla fine chi ha illuso i cittadini con false promesse in campagna elettorale e chi è stato serio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serio in cosa? Nel promettere di cementificare ancora un po'? Non ci è bastata la lezione dei vari Mengoni, Bartoloni ecc.ecc...???

      Elimina
    2. Hanno basato la campagna elettorale non per il Burchio, ma su chi avrebbe gestito i soldi che tale progetto porta al comune, in modo di poter gestire il consenso .
      Niente di nuovo sotto il sole,solo cambiano gli attori.
      Questa è la Democrazia!!!!!!

      Elimina
    3. Siccome nessuno conosce una collina la si può perciò stesso spalmare di cemento?
      Quindi se nessuno conoscesse la periferia di Tokio la si potrebbe seppellire sotto il calcestruzzo, per dire. Tanto chi ce va mai a beve un caffè? Però che bei ragionamenti...

      Elimina
  10. Di questi tempi avere una prospettiva di lavoro per tante ditte locali di muratori sia una priorità, se poi si considera tutto lo sviluppo turistico che ci sarà con l'indotto è proprio da matti pensare di non procedere oltre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senti non ti sembra che in questi ultimi anni di prospettiva di lavoro i muratori ne abbiano avute fin troppe?
      Per loro che devo fare ,costruire pure in mare e sul fiume?
      Indotto?
      spiegami quale!

      Elimina
  11. Tutto ciò che è stato detto finora rischia di essere chiacchiere se come si dice è possibile bloccare tutto ma pagando risarcimento danni per milioni.. Non credo che agli amministratori vada a genio l'idea di mettere mano al portafoglio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Non si tratta solo di danni per la collettività ma i danni li pagheranno di persona coloro che decideranno, se lo faranno, di opporsi a qualcosa che ha tutte le giuste autorizzazioni, solo perché opera della precedente amministrazione. Vedrete che approveranno se non altro per non pagare...oltre che per le promesse fatte

      Elimina
  12. Occhi puntati sulla nuova giunta, che in campagna elettorale andava raccogliendo le firme contro il Burchio e adesso sta immobile. Mi ricordo tempo fa un commento che appariva spesso sull'argano: "Chi ha finanziato la campagna elettorale di NPP?". Adesso comincio a capire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero pensavi che riccetti potesse bloccare il progetto ? Alleandosi con il pd che in provincia ne è favorevole ?

      Ha preso le preferenze da voi pecoroni ed il posto grazie ai voti del pd...

      Vedremo se i suoi invasati anti burchio gli chiederanni conto oppure si faranno convincere da lui che purtroppo non ha potuto far nulla ...

      Elimina
  13. ..ma a Porto Recanati sono diventati tutti muratori? come mai?
    soprattutto come mai le lottizzazioni precedenti hanno visto impiego di imprese non locali, prima i nostri navigavano nell'oro e non ne avevano bisogno? o cosa è successo nel frattempo? Cosa ci facciamo degli incompiuti il gioco del monopoli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu ce l'hai con i muratori? I comunisti ne andavano fieri se potevano tira su mattoni e cemento. Ed in effetti le civiltà si sono evolute attorno alle case non attorno ai pagliai. Scagliarsi contro le case è qualunquismo dei più beceri perché si parla del bene esteriore più prezioso per l'uomo. Le case stanno dappertutto, ma qui dovrebbe esserci una zona franca chiamata Montarice. Dove Reboli e compagnia se ne stanno belli comodi nelle loro ville e attorno non vogliono più nessuno. Dimmi un motivo per il quale non si deve costruire a Montarice, amico bello, e non parlarmi di scempio perché lì non ci faranno nè penitenziari né porcilaie. Mi dirai cementificazione e dimostrerai di essere quello che sembri: un nulla pensante.

      Elimina
  14. Non so se c'è gente che ci fa o ci è...
    il progetto Burchio è stato approvato già due volte dall'amministrazione precedente e adesso anche dalla provincia,quindi i margini se ci sono sono molto ristretti, quindi se volete far pagare rimborsi stratosferici per danni al comune li tirate fuori voi,io anche se sono contro il Burchio non li voglio dare.
    l'amministrazione uscente ha lasciato in eredità molte concessioni che solo la crisi ha fermato,ma che ripartiranno appena il mercato lo concederà.
    Se poi c'è qualche sapientone che in campagna elettorale prometteva altro senza sapere be' sono affari suoi ma non incolpare tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbagli di grosso, ano delle 14.06, il Burchio non è stato mai approvato. Perché sennò tanti discorsi? L'approvazione dovrà avvenire ad opera di questa maggioranza, se approverà. .

      Elimina
  15. Il problema è quello del rispetto dei diritti acquisiti, a fronte di parere negativo espresso da tutta la coalizione di centrosinistra sulla lottizzazione del burchio approvata nei termini che conosciamo dalla ex giunta Ubaldi, è ora necessario capire se ci sono motivi per non autorizzare il proseguo dei lavori, se infatti detti motivi non emergessero in quanto la ditta appaltatrice ha già in tasca tutte le autorizzazioni previste dalla legge (comune, provincia, regione, beni culturali, etc) ho paura che l'unica cosa che si potrà fare è quella di ritardare l'iter, di controllare che vengano osservate scrupolosamente tutte le prescrizioni dettate dagli enti sovracomunali, evitare autorizzazioni di costruzione a stralci, evitare che vengano fatte variazioni di destinazione urbanistica in corso d'opera, se possibile inserire clausole di salvaguardia. Questo perchè i soldi investiti sino ad ora dalla società russo americana sono veramente tanti, e dovere resttituirli significherebbe default per la città di Portorecanati.

    RispondiElimina
  16. BURCHIO, la discussione è aperta! La vicenda del progetto del Burchio sulla quale anche il nostro gruppo politico si è espresso pubblicamente e credo con argomenti appropriati ritorna al centro dell'attenzione. Ci sono 90 giorni a disposizione per esprimere un parere e per approvare o meno il progetto in questione.
    Cari oppositori anonimi, cari critici nascosti dietro le quinte, ma ci vuole così tanto coraggio per esprimere un legittimo parere e metterci sotto la firma!?
    lln campagna elettorale la coalizione "NOI per Porto Recanati! ha espresso con limpidezza il proprio orientamento in merito allo sviluppo edilizio - urbanistico degli ultimi anni, criticandone le scelte e proponendo un diverso, più ordinato "modello di sviluppo". I danni provocati dalla cementificazione sono sotto gli occhi di tutti in termini di servizi carenti di viabilità, e più in generale di qualità della vita. Persino la zona prevista per l'edilizia cooperativa è divenuta luogo di sviluppo caotico e speculativo. Ora bisognerà correggere le distorsioni, E NON è SEMPLICE
    IN QUANTO VI SONO ATTI COMPIUTI, E NON A CASO, CHE VANNO IN TUTT'ALTRA , DIREZIONE. le forze che compongono la coalizione hanno detto la loro. Si tratta di ricercare se l'orientamento si confermerà contrario, come io credo, quegli argomenti e quelle motivazioni legali per intervenire.
    Porto Recanati non ha certo bisogno di altro cemento e non ha certo bisogno di "deturpare" una zona di grande pregio storico e ambientale con villette che rischierebbero in tempi di crisi di diventare qualche cosa di diverso da un resort a sei sette otto stelle. Ma fateci il piacere! Quindi contrari e coerenti con la critica strategica a quel modello di sviluppo perdente.
    E poi per favore non scomodiamo gli assetti politico istituzionali provinciali e regionali. La politica del nostro territorio deve nascere dal nostro territorio sulla base di valutazioni oggettive e non a supporto di alleanze politiche che nulla hanno in comune con la nostra realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che pa...e con sta cementificazione! Non sapete dire altro. Siete egoisti e miopi. E basta!

      Elimina
    2. Sono un elettore di questa nuova giunta, alla quale ho aderito più per il mio credo politico che per le persone che la compongono, la considero una miscellanea di anime il cui scopo principe era decapitare la UBALDI, oppure e questo non lo so, l'instaurazione di un tribunale a Porto Recanati vista la cospicua presenza di avvocati.
      Quello che non capiscono le persone della mia età, è perché si grida allo scandalo per la cementificazione fatta dalla UBALDI, quando le precedenti giunte sia di destra che di sinistra, hanno concesso di cementificare Montarice, da dove l'illustre paladino della rettitudine "vedi REBOLI", guarda il magnifico panorama, e si dimentica che la sua bella villetta ha cementificato la più bella zona di Porto Recanati. Hanno cementificato con MENGONI il quartiere Grotte/Montarice, lasciando la residenza per 20 anni a zoccole (vedi pantegane) e lucertole. Hanno fatto costruire a Rozzi il Colosseo di casa nostra o se volete il groviera per dirla come un mio amico milanese. Per non dire dell'edilizia anni 60÷70 con lo scempio Hotel House, House Pineta, grattacielo Bianchi.
      Questo paese da sempre ha prodotto un cattivo esempio di edilizia speculativa, e non sarà la cementificazione del Burchio che cambierà il corso degli eventi, il Burchio è stata la spada di alcuni politici attualmente al potere per combattere l'arroganza della giunta UBALDI. A mio avviso vista la collocazione della lottizzazione, con vista autostrada e fiume potenza, l'impatto non è poi così devastante. Chiudo con una riflessione, ma voi credete davvero che questa lottizzazione sia figlia della giunta UBALDI, e non della giunta SPACCA, viste le frequentazioni del nostro presidente nella terra degli zar????

      Elimina
    3. ..... E se invece di cementificare con questi progetti faraonici dessimo casa alle giovani coppie porto recanatesi? Pensate davvero che sarebbe una cattiva idea? E se qualche volta provassimo a pensare chi vive una situazione drammatica pausa la crisi economica ....E se ...se ... valorizzassimo il verde, i parchi l'arredo urbano, le nostre bellezze storiche e naturali' allora davvero sarebbe una "rivoluzione", una vera propria inversione di tendenza. Perché chi a Porto Recanati ci vive, vivrebbe meglio, chi da noi viene in vacanza se la godrebbe di più in quanto anche il turista di questi tempi ricerca bellezza, natura incontaminata, tipicità. Altro caro amico - sempre rigorosamente anonimo - "che palle con la cementificazione"..

      Elimina
    4. E chi le dovrebbe pagare quelle case ? Come gliele daresti le case alle giovani coppie? Gratis? Già c'è l'area Peep, e ci sono le case popolari. Che giustizia sarebbe se qualcuno per farsi casa ha dovuto fare un mutuo per i prossimi 25 anni e un altro senza fare niente si ritrova una casa ? Poi se uno vuole fare un hotel che potrà dare lavoro, che ci coglie la casa per le giovani coppie?

      Elimina
    5. I giovani debbono guadagnarsi il pane e la casa come tutti. Questo giovanilismo d'accatto è una cosa ributtante. I giovani hanno energie fisiche e psichiche, progetti ed entusiasmi e quindi tutto il corredo necessario alla propria autosufficienza. Se poi amano vivere con la paghetta di papà e non vogliono fare sacrifici magari andando a lavorare un po' lontani da casa, beh, non meritano tanta solidarietà. Porreca, lascia perdere i giovani, che nonostante il tuo stucchevole paternalismo non mostrano molta simpatia per chi ha una certa età.

      Elimina
  17. Per i giovani ci sono le case di mengoni all'asta si prendono con poche miglisia di euro altro che edilizia popolare

    RispondiElimina
  18. Quidi non è corretto dire "è fatta, è andata", così come non è corretto dire che il Comune "deve" esprimersi. Il Comune può anche non esprimersi, con le conseguenze giuridiche del caso.
    Ora, qualcuno dice che se il Comune non approva la variante dovrà pagare "risarcimenti milionari". Fa tristezza leggere queste frasi sugli organi di stampa. Vorrei capire come e perché il Comune sarebbe tenuto a risarcire, e soprattutto che cosa, giacché la Provincia ha modificato pesantemente la variante originale, la Soprintendenza si è messa di traverso fin dall'alba dei tempi e parecchie altre difficoltà potrebbero palesarsi in futuro: il Comune non è un negozio dove Coneroblu ha comprato un prodotto, il Comune è uno dei tanti attori in gioco, e sarebbe curioso se qualcuno chiedesse un risarcimento mettiamo per "indebito arricchimento", in cambio del marciapiedi di via Montarice, ad esempio, dopo che per mesi e mesi è stato descritto come un "dono" alla città.
    Ad ogni modo ecco il comunicato della Provincia:

    "BURCHIO, PIÙ TUTELE CON IL PARERE DI CONFORMITÀ DELLA PROVINCIA

    La Giunta provinciale ha espresso parere di conformità, con prescrizioni, per la variante parziale al Piano regolatore generale di Porto Recanati relativa alla nuova area turistica di località Burchio.
    Le prescrizioni impartite limitano, in particolare, la possibilità di edificare nella parte più alta dell'area, salvaguardando così l'edificio storico della Chiesa del Burchio e l'affaccio collinare costiero riconosciuto dal Piano territoriale di coordinamento (Ptc).
    Sono state inoltre apportate delle modifiche alle norme tecniche proposte, rendendo in questo modo la variante conforme ai Piani sovraordinati e coerente con gli obiettivi di tutela individuati in sede di Valutazione ambientale strategica (Vas). Con la variante si ottiene una riduzione del consumo di suolo per circa 3.400 mq.
    La modifica proposta comporta anche una riduzione della cubatura edificabile del Prg di circa 13.700 mc".

    Sarebbe davvero da leggere la delibera per capire a che cosa corrispondono queste cubature: spero almeno che non riguardino l'hotel. Forse hanno tagliato le villette sul pianoro in alto. Se hanno tagliato l'hotel è davvero il delitto perfetto: faranno solo casette, e con la firma delle istituzioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trevisani, sei un bambino, con i tuoi entusiasmi male indirizzati. Calma le tue foghe pseudo ambientaliste e soprattutto cerca di conoscere i problemi in profondità. Non come quando su Cronache dici che le prescrizioni della Provincia impongono che sia ritoccata, cioè ridimensionata, l'area pianeggiante che include l'insediamento archeologico di epoca romana. Quale? A Porto Recanati ce n'è solo uno: Potentia. Ti riferisci a quello? Oppure ti regoli con le mappe di Giammario Poeta?Con le vostre penne il Burchio finirà per essere assimilato ad una kasbah.

      Elimina

    2. Se ho entusiasmi da bambino forse è meglio non descrivere il genere di entusiasmi di certi anonimi che sarebbe carino portare allo scoperto (chissà quante persone del tutto disinteressate al progetto-resort verrebbero fuori, magari una??). 

      Ad ogni modo i beni archeologici presenti al Burchio sono stati documentati da Franck Vermeulen in un libro scritto con Edvige Percossi, l'archeologa ingaggiata dalla Coneroblu, che è perfettamente a conoscenza della manifattura d'anfore e della villa romana presenti nel pianoro a ovest, tanto che si augurano di farci un bel parco archeologico per poterle valorizzare una volta approvata la variante.

      http://www.cronachemaceratesi.it/2014/06/06/burchio-gli-studi-di-vermeulen-su-potentia-accendono-la-polemica/537344/

      La stessa sagoma della villa sul Burchio è visibile a occhio nudo dall'aereo, come si nota dalle foto scattate dalla troupe di Vermeulen nel maggio 2003, e la si può vedere nel libro cui accennavo, in pdf a pag 183 (figura 158), scaricabile dal link in fondo a questa pagina:

      http://www.marche.beniculturali.it/index.php?it/117/pubblicazioni-direzione-regionale&pag=2

      A sua disposizione, signor Anonimo, se volesse darmi informazioni più precise di quelle forniteci dai massimi esperti in materia, idonee a curare la mia e la loro superficialità.

      Elimina
  19. Qualcuno che parla a sproloquio,dovrebbe sapere che per diminuire i soldi ai consiglieri,le sagre ecc. ecc. ci vogliono delle delibere che cambiano dei regolamenti già scritti,quindi per adesso beccare i la stagione come è poi a settembre se ne parla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A rinunciare ai soldi non ci vuole nessuna delibera. Basta la volontà, ma si sa, non è facile rinunciarci anche se in campagna elettorale si era preso l'impegno.

      Elimina
  20. Ma la questione non credo sia così semplice, non penso si parli della restituzione delle somme per il marciapiede e luci, ma quanto le spese e mancati introiti che immagino anch'io siano di decine di milioni.

    RispondiElimina
  21. Trovo veramente incredibile che ci siano dei sabotatori di professione che invece di pensare allo sviluppo della città siano solo interessati allo stallo dell'attuale. Non si erano impegnati tra l'altro alla valorizzazione dei reperti archeologici? E chi lo farebbe il Comune con quei somme?

    RispondiElimina

  22. Leggo da Anonimo 18 luglio 2014 21:01 che la casa è il "maggior bene esteriore dell'uomo". E la campagna, il paesaggio, la serenità, l'occhio che vaga in un panorama sgombro da incompiute? Lo sapete che un hotel 6 stelle deve stare aperto 24h 12 mesi l'anno (servizio in camera personalizzato 24 h), altrimenti NON E' 6 STELLE?? E che la stessa Coneroblu ammise - parola di Alessandro Biagiola, presente all'incontro - che data la collocazione un po' infelice proprio tutto l'anno quelle strutture tanto celebrate aperte NON sarebbero state?

    Non si tratta qui di voler boicottare il turismo: si tratta di togliersi l'anello dal naso e di vedere l'affare nella mera rivalutazione del terreno, e chi se ne importa se le case si venderanno in 50 anni: il Burchio dà l'idea di un parcheggio di soldi (tanti) che certa gente preferisce congelare invece di spendere in un mercato stitico come quello odierno.
    E se pure facessero tutto come si deve sarebbe uno scambio di denari tra super-ricchi: Maresca che vende il terreno, la Coneroblu che se lo ritrova iper-rivalutato dalla variante, i nababbi in vacanza e chi gestisce l'impresa, con personale superqualificato (ma davvero, sapete che cos'è un hotel 5 stelle superior??) che NON CREDO PROPRIO sarebbe attinto a Porto Recanati.

    NB Intanto al Burchio lavora la 2P di Recanati, collettore di voti del Pd, grazie ai buoni uffici di Alessandro Biagiola (Pd, in maggioranza in Provincia con Rosalba Ubaldi) e Giancarlo Biagioli (architetto-factotum del Burchio, Pd recanatese, caduto in disgrazia quando finì in una storia di discariche abusive a metà anni 90).
    La Regione probabilmente si interessa all'ambaradan perché la Coneroblu fece un sopralluogo ​a La Fortezza (una lottizzazione del gruppo Lanari-Camiciola, interrotta per i noti disagi finanziari a Potenza Picena), e c'erano, a detta del corrispondente del Carlino, anche diversi consiglieri regionali.
    La Regione evidentemente si interessa alla lottizzazione di Potenza Picena, perché incompleta com'è ​è uno scempio. E il Burchio fa parte del puzzle: tu dai una cosa a me a Potenza, io do una cosa a te al Porto (mia ipotesi).
    E in tutto ciò Porto Recanati è la solita vacca da cui mungere il latte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico delle 14.08, il tuo cognome non sarà per caso Falcioni? A parte questo, per quel che riguarda la casa ribadisco che è il più grande bene esteriore per l'uomo, ma se tu vuoi fare della poesia con la campagna, la serenità e l'occhio che vaga, libero di farlo, ma non venire a rompere le palle a Porto Recanati.

      Elimina
    2. Giancarlo Biagioli21 luglio 2014 00:26

      Mi avevano avvertito che qualcuno tra le varie farneticazioni espresse nel suo "pezzo"aveva inserito il mio nome e su miei presunti problemi avuti con una discarica. Sappi caro anonimo che ho sempre esercitato con il massimo rigore la professione e da assessore qual ero al tempo di quell'episodio non ho mai avuto procedimenti né avvisi di garanzia. E devi sapere inoltre che a quel tentativo maldestro e delinquenziale di coinvolgermi ho reagito con la massima fermezza e durezza. Di quei ricordi ne vado ancora fiero come sanno tutti coloro che mi conoscono. Sappi anche che ho dato mandato ai miei legali di verificare gli estremi per perseguire la tua uscita su questo blog. Ed in questo fin d'ora chiedo la massima collaborazione della direzione dell'Argano. Un'altra questione totalmente sbagliata e mistificatoria riguarda la ipervalutazione che riceverebbe dalla variante: la Coneroblu non ha ricevuto nemmeno un metro cubo dal Comune, bensì ha acquisito (pagando) le volumetrie da altri privati da altre aree dello stesso tipo. Queste due mistificazioni calunniose mi premeva correggere.
      Per il resto può tenersi per buone le sue teorie complottiste non mi interessano affatto. Ogni tanto però si vada a ripassare il principio logico del rasoio di Occam, si eviterebbe e ci eviterebbe di perdere tempo dietro le fole.

      Elimina
  23. Abbiamo tutti la sindrome di Report, a quanto pare, e da perfetti ignoranti ci buttiamo su tutto quanto possa essere apparentato con la speculazione. Meglio ancora se edilizia, che tanto stimola la fantasia degli allocchi. Ho chiesto più di una volta chi finanziasse la campagna elettorale dei montaliani, ma non gliene è fregato niente a nessuno. Ho chiesto che titoli avrebbero i Reboli e Paccamiccio a urlare contro la cementificazione di Montarice quando loro sono stati i primi cementificatori. Silenzio assoluto. Ora si sta starnazzando istericamente attorno ad un resort come si trattasse di un penitenziario. E oltre tutto ci si accapiglia, da perfetti galli panamensi, su cose sapute e risapute. Argano, alza illivello della discussione se vuoi avere credibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene: basta Burchio. In uno dei prossimi post parleremo di "estetismo e decadentismo". Oppure se hai tu qualche argomento per tenere la discussione più "alta" siamo tutt'orecchie.

      Elimina
  24. http://www.radioerre.net/rassegnastampa1868.htm

    RispondiElimina