QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 16 giugno 2014

A DIFESA DELLA CATEGORIA (ALLA QUALE NON APPARTENIAMO)

Questo é un blog. E lo hanno capito pure i sassi. E chi ci scrive, al massimo, può definirsi "blogger" o pseudo tale. Ovvero una persona che tenendo una sorta di diario giornaliero, interagisce con gli utenti lettori. Non siamo giornalisti "abilitati". Non siamo neppure pubblicisti. Qui si scrive un po' per cazzeggio, un po' per passione, un po' per dare la possibilità ad un popolo di appassionati alle vicende del paese, politiche e non, di esprimersi attraverso i commenti. Non stiamo simpatici a molta gente. Abbiamo abbastanza fosforo per capirlo. Altri forse, ci vedono come competitor comparsi dal nulla. Non ce ne può fregare di meno. Non abbiamo fini di lucro, non abbiamo introiti pubblicitari, ci paghiamo un abbonamento annuo al Corriere Adriatico di tasca nostra. Però quando in un consiglio comunale, un sindaco ufficialmente insediato da qualche minuto, grida al cielo che é in atto da parte di tutti gli addetti alla comunicazione (stampa e internet, si presuppone) una sorta di accordo di cartello per dividere politicamente la maggioranza chiamata a governare la nostra cittadina, allora ci sentiamo pienamente tirati in causa nella non velata accusa. E ci sembra giusto rispondere. Non abbiamo lacci e lacciuoli. E da queste parti abbiamo parlato sempre molto chiaro.

Per cui ricordiamo al sindaco che:

A) aveva preannunciato la formazione della sua giunta per il 4 Giugno. L'ha poi presentata il 10 Giugno. 6 interminabili giorni dopo....

B) nel foglio che ci é stato consegnato in conferenza stampa, era riportato che al consigliere Feliciotti fossero assegnate determinate deleghe. Durante la stessa conferenza stampa quelle deleghe non appartenevano più a Feliciotti ma ci é stato detto che sarebbero state ridistribuite. Feliciotti sembra che parlerà nei prossimi giorni. Se non ci ripensa.

C) nello stesso foglio che riportava deleghe e incarichi, le politiche giovanili venivano assegnate a Italo Canaletti. Nel consiglio comunale abbiamo appreso che le politiche giovanili vanno a Fiaschetti.

Quisquiglie si dirà. Forse é vero. Ma per un' elementare narrazione quotidiana di ciò che accade, questi indizi erano sintomatici di una qualche discrepanza che c'é stata. E che é stata rilevata. Speriamo che questa cosa non turbi. È il famoso diritto di cronaca e di critica che si spera sia garantito e libero anche con la giunta Montali. Senza vittimismi. Ma con la convinzione che dalla critica possa nascere un qualcosa di positivo.

Parliamo per noi: non possiamo certo elevarci a difensori di una categoria alla quale non apparteniamo. Ma almeno da queste parti non si scrive con l'intento di dividere. Ma davanti ad alcuni segnali, piuttosto eloquenti, é anche lecito, forse, porre dei dubbi interpretativi. E vi preghiamo di non dirci più che le cose sono vere solo quando fuoriescono dalle bocche di voi protagonisti. Non perché non ci si fidi dei protagonisti, sia chiaro. Ma la politica spesso é scienza complessa. Quel Renzi cui molti di voi fanno riferimento, del resto, aveva detto a Letta che doveva stare tranquillo.

Si é visto come é finita.......

 

Sotto: il foglio che ci era stato consegnato in conferenza stampa dal sindaco

 

 

39 commenti:

  1. E il bello deve ancora cominciare.
    Feliciotti ha rifiutato(per adesso.) deleghe in cui aveva molta competenze e che avrebbe veramente portato alcuni settori del paese nel terzo millennio(vedi foto),altri invece hanno accettato deleghe in cui dovranno lavorare molto di fantasia perché non sanno dove mettere le mani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido pienamente.
      Lino la Torre

      Elimina
  2. La Fermanelli che invita a distrarsi temporaneamente dal palazzo e il Sindaco appena in carica che soffre già di manie di persecuzione, addirittura riferendosi ai mezzi di informazione come ad un "cartello". Lo trovo bizzarro da parte di chi va sbandierando da due mesi la trasparenza, il confronto e l'ascolto di tutti. Mi chiedo se tale Amministrazione saprà mai accettare delle critiche costruttive sul suo operato.
    Se il buongiorno si vede dal mattino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specifichiamo che il sindaco non ha pronunciato la parola "cartello", ma che il concetto che chiaramente voleva far passare era appunto quello di una stampa/mezzi di comunicazione che puntassero a creare scientificamente "zizzania". Cosa, non ce ne voglia il nostro primo cittadino, inaccettabile.

      Elimina
    2. Se tutti voi aveste quel minimo di onestà intellettuale che richiedete al Sindaco e agli altri consiglieri dovreste ammettere che la stampa locale (anche in ragione del la proprietà di un giornale) è chiramente filo-ubaldiana. Nn credo servano esempi per ribadirlo

      Elimina
    3. ma che il burgiardò in questo sia campione non è una novità, per il resto " la messa è per chi l'ascolta" se dice cchi da no'...........

      Elimina
  3. un po' di fantapolitica non fa male a nessuno:se la Montali avesse già il sentore delle manovre per dividere la maggioranza in modo che la Ubaldi possa essere l'ancora di salvezza ? il partito democristiano non sarebbe poi tanto dispiaciuto di isolare upp.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la sponda l'hanno trovata nei grillini ... vi è sfuggito che Poeta ha votato la fiducia? Cose strane...

      Elimina
    2. anonimo delle 8.42 tu sei l'esempio lampante di "untore di zizzania".

      Elimina
    3. Candidato al premio andreotti:a pensar male si fa peccato ma....

      Elimina
  4. Grazie per la precisazione Argano ma il contenuto della riflessione non cambia. È l'atteggiamento nei confronti dei media locali che desta perplessità. Personalmente lo trovo indicativo di una certa predisposizione mentale, totalmente contrastante con quanto viene professato peraltro. E cosa che trovo preoccupante è che questo atteggiamento sia sostenuto da chi non si è ancora confrontato con le problematiche e le criticità dell'amministrare. Siamo già al punto di non sopportare la pressione?

    RispondiElimina
  5. Cara Montali and Company le critiche cari vanno accettate e con i fatti dimostrare il contrario! Gridare al complotto dopo non avere fatto nulla mi sembra ridicolo. I giornali hanno TUTTI un chi più chi meno marcato indirizzo editoriale, ma da lì a dire che vi è un piano per destabilizzare lo trovo un mero giustificativo a coprire le potenziali e future lacune amministrative... della serie cominciamo a mettere le mani avanti che non si sa quello ci aspetta!

    RispondiElimina
  6. Se tutti i giorni 2 o 3cento persone frequentano questo sito, forse lo fanno perchè trovano spunti più interessanti rispetto a quelli che si trovano nel Carlino o Corriere Adriatico. Per cui SU L'ARGANO non scriveranno giornalisti. Ma spesso si trovano contenuti che poi vengono ripresi dagli stessi giornalisti. E si frequentando questo sito da molto tempo mi sembra di poter dire che chi ci scrive non ha mai risparmiato nulla a nessuno. Questo va riconosciuto.

    RispondiElimina
  7. Argano tieni bene a mente che il Sig. Fiaschetti e anche Canaletti e anche altri devono rinunciare ai loro indennizzi completamente come andavano dichiarando in campagna elettorale. Gli impegni vanno rispettati e mantenuti, e ci tengo a sottolineare che qs cose la gente le aspetta al varco! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensiamo che questa cosa, nei commenti, tu e qualcun altro, l'avete scritta un centinaio di volte. E siamo sicurissimi che sia Fiaschetti che Canaletti vi avranno abbondantemente letto. Non temete: ci faranno sapere.

      Elimina
    2. Lascia stare ad alcuni sopraffini pensatori la sconfitta della Ubaldi proprio non è andata giu e nel filo dei loro discorsi il disco si è rotto sempre e solo su questo...che pena!!!

      Elimina
    3. Fai bene a sottolineare l'impegno di rinunciare all'indezzizzo. Bravo.Continua. Quello e' il fulcro. La devono finire di fare della politica un mestiere. Sottolinerei anche gli incarichi piu allettanti: presidenza farmacia, 1200e netti al mese senza fare nulla, astea e cosmari. Questi a chi vanno ?

      Elimina
    4. Molto interessante la questione soldi e partecipate. Da approfondire assolutamente anche le modalità con cui si accede a Cosmari, Astea, presidenza farmacia:servono competenze? Se si, quali? Chi sceglie ed in base a cosa? Qual'è l' indennizzo? Pretendiamo la tanto sbandierata TRASPARENZA.

      Elimina
    5. Ah il fulcro di un'amministrazione è sapere se gli assessori rinunciamo o meno alle indennità? Come giudicare allora la prima giunta Fabbracci che come primo atto di governo le aumentò ai limiti di legge?

      Elimina
    6. Anonimo dell 9:17, sono sempre state fatte nomine per le partecipate, non ti sei mai chiesto come? E adesso perché te lo chiedi?

      Elimina
    7. Poichè, cari anonimi che cercate di coprire la trasparenza, i passi si fanno per cambiare e non per starcene zitti poichè prima lo è stato e quindi lo sarà anche per il futuro. Adesso si cambia, CHIARO ? Ed è quello appunto, sbandierato per la trasparenza e la rinuncia alle indennità. Non cercate di coprire il problema. Ripeto: Il passato era schifoso, certo ma adesso hanno promesso il paradiso con Fiaschetti, bene, eseguite e vediamo. FUORI I NOMI DEI CANDIDATI PER FARMACIA COMUNALE, COSMARI, ASTEA. LE COMPETENZE, LA SCELTA SECONDO QUALI CRITERI, GLI STIPENDI CHE PERCEPIRANNO. Successivamente la pubblicazione delle presenze in commissioni, le idee, gli obiettivi semestrali raggiunti. QUESTO MINIMO DI TRASPARENZA LO DOVETE HAI CITTADINI.
      Lino la Torre

      Elimina
    8. Lino la Torre fai il bravo che alle provinciali hai preso il tuo voto e quello della tua famiglia.

      Elimina
    9. Anonimo delle 21.30,non è dalle preferenze prese alle provinciali che si definisce il quoziente intellettivo di una persona,ma dal tuo ragionamento si percepisce quanto tu l'abbia più piccolo di la Torre!

      Elimina
  8. Ma come fai Argano ad ospitare tutta questa inciviltà. Non puoi essere così vanitoso da lasciare che la gente sputi veleno contro i giornali pur di sentirti superiore a loro. Tu fai un mestiere che più discutibile non potrebbe essere proprio perché dai voce a decine se non centinaia di cialtroni mentre i giornali rispondono in proprio su ciò che scrivono. Tu fai questo mestiere per diletto, come dici sopra, i giornalisti lo fanno per professione. Se tu vai a rotoli non piange nessuno, se va a rotoli un giornale ne vanno di mezzo decine di famiglie. Possibile (te l'ho chiesto più di una volta) che non riesci a fermare idioti come ad esempio quello delle 9.07? Personalmente mi attiverò per vedere se ci sono mezzi legali a disposizione per mettere a tacere questi veri e propri selvaggi del web. Spero facciano altrettanto i giornalisti calunniati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Madonna mia. Era tanto che non ci pioveva addosso una minaccia di querela. Quasi ne sentivamo la mancanza. Ci hai riportato con i piedi per terra anonimo delle 14,20. Da ora in poi, nel pubblicare i commenti, saremo spietati.

      Elimina
  9. Comunque, per un senso di giustizia, ti consigliamo un esercizio. Apri GOOGLE. E digita il termine BUGIARDO' . Poi parti con le querele. Ti toccherà querelare mezzo mondo........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siccome sei sempre così saccente e sarcastico, diccelo tu argano cosa c'è scritto su google del bugiardò.

      Elimina
    2. Ok. Ti si é atrofizzata la scatola cerebrale. Ma avrai ancora, si spera, la capacità di muovere due dita su google!!!!!

      Elimina
  10. Argano, tu quantomeno sei stato impegnato in politica, e fare informazione libera ti espone ingiustamente al fuoco di quelli che ti sono vicini politicamente.
    io ti ho rivalutato e ti apprezzo!!! Spero ti faccia capire quanto è sbagliata la parte politica a te vicina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fuoco è arrivato da tutte le parti. Dalla parte cui tu ti riferisci è arrivato un tipo di fuoco inimmaginabile. Oltre ogni limite di decenza.

      Elimina
    2. Vi capisco benissimo!

      Elimina
  11. Si ma adesso sono al comando della città e le scuse come i buchi di bilancio lasciano il tempo che trovano, adesso le capacità ce l'hai o non ce l'hai....
    Senza scuse!!!

    RispondiElimina
  12. Caro Argano volevo porre una semplice domanda. E' vero come ho sentito dire da più parti che sia chi scrive sul Corriere che sul Carlino non sono giornalisti? E' vero che non sono regolarmente iscritti all'ordine a seguito di prova di abilitazione professionale regolarmente superata.
    Giustamente caro Argano ci tieni a dire che sei un semplice blogger. Riconosco la tua onestà ma come possiamo apprezzare quello che c'è altrove?
    Un ultima cosa. Fa veramente specie vedere in una foto apparsa sul servizio di Conache Maceratesi, il cronista (possiamo chiamarlo così?) del Corriere stazionare stabilmente dietro le spalle della ex oramai all'oppposizione, a mò di fido scudiero. Un'immagine che vale più di tante parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste un ordine dei giornalisti marche. Con un sito internet. Basta consultarlo. Chiedere a google...

      Elimina
    2. http://www.odg.marche.it/elenchi-giornalisti

      Come puoi vedere il tanto bistrattsto bufalari è regolarmente iscritto

      Elimina
  13. Caro Argano, complimenti per la serietà dimostrata. Come fa l'anonimo delle 18.19 a chiedersi dove stazionasse Tabacco' . Dall'altra parte non c'era nessuno e dietro le spalle dell'opposizione c'erano molte persone. Come fa una prona a fare quel tipo di osservazione? Poveri noi ! Questi sono davvero miseri e nn dico altro altrimenti voi mi censurate. Ma lo stanno dicendo tutti, meno che Porreeca e Reboli, miseri anche loro. Questa Aministrazione non si può contestare, non si può giudicare, non di puo' discutere. Ma chi si credono di essere? Alla faccia della trasparen e di lasciar parlare e decidere il popolo. Parole, parole, parole....quanto dureranno le parole ? Intanto aspettiamo il bilancio partecipato. Ma lo sanno cosa significa? Significa che saremo noi a dei de dove allocare le risorse e loro a metterle. Credete che sarà così ? Poveri noiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito tutto del bilancio partecipato.....ma mi faccia il piacere

      Elimina
  14. Abbiamo letto un post che parlava di un portorecanatese che dopo aver compiuto studi universitari in Filosofia, ha superato con successo un Master in giornalismo organizzato a Milano e che a seguito di lunga gavetta ha deciso di dedicarsi al suo paese natale. Ebbene dai commenti si è potuto leggere un ventaglio piuttosto ampio che andava dal sarcarsmo feroce dell'essere tornato in provincia fino alla più bieca critica di farsi troppo gli affari degli altri. La cosa mi ha lasciato molto perplesso conoscendo l'onestà della persona. Nel leggere i commenti ho avvertito una certa gelosia e invidia nei confronti di un ragazzo, che seppur nato fortunato come sostiene qualcuno qui dentro, ha deciso di rendere un servizio pubblico ai suoi compaesani. Cosa leggo invece qui? Una levata di scudi a favore di un cronista che ha accumulato anni di articoli che definire "super partes" mi sembra azzardato a dir poco. Sapete cari Argano e Anonimo delle 22.06 dove passa la differenza? Che prima la stampa incensava lodi sperticate a qualsiasi iniziativa dell'amministrazione, compresa la festa di compleanno della nonna centenaria (ma chissenefrega!), mentre l'umore del "popolo" di Porto Recanati era di tutt'altro avviso, oggi invece assistiamo ad una critica serrata sulle intenzioni di una giunta appena insediata, compreso te caro Argano, senza prendere in considerazione che la stragrande maggioranza del "popolo" portorecanatese ha espresso in modo insindacabile il proprio umore. Una differenza non da poco, Carissimi, non raccontate le vostre turbe, paure, fantasie ma osservate realtà e con onestà raccontatela come meglio sapete fare. Lo so che dopo tanto tempo è difficile ma provate a cominciare adesso visto che nessuno vi costringe a fare diversamente.

    RispondiElimina
  15. Si da il caso che gli scritti rimangano. E si da il caso che in questo blog sono custoditi più di mille post. E si da il caso che nello stesso tempo che ti è occorso per scrivere le bugie di cui sopra avresti potuto andare indietro nel tempo. E prendere atto che in questo blog, durante l'amministrazione Ubaldi, si è preso di petto ogni argomento. Quando parte dell'attuale governo (allora opposizione) passava periodi di ingiustificato letargo. E lo si è esaminato, sottoposto all'attenzione, aspramente criticato. Chi non ammette questo, come tu fai in maniera chiara, è intellettualmente disonesto. Per cui, caro anonimo, queste predicozze vai a farla a qualcun altro. Non da queste parti.

    RispondiElimina