QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 26 maggio 2014

GIORNALISTI E ALTRE RARITA'

In questa mattina di "transizione", a poche ore dal sapere chi sarà ad amministrare la nostra città nei prossimi cinque anni, vorremmo fare i complimenti a una voce che abbiamo sentito più volte in queste settimane intense.

Non capita spesso di leggere interviste a candidati sindaci come quelle apparse negli ultimi giorni sulle pagine degli amici di "Cronache Maceratesi" (per leggerle basta cliccare sui titoli in basso).

L'autore è un bravo giornalista portorecanatese con un'esperienza di tutto rispetto presso testate nazionali tra cui (per citarne solo alcune) il "Corriere della sera" e "Corriere.it", "Max", "Libero" e "Il Fatto Quotidiano".

 

Stiamo parlando di Alessandro Trevisani, 40 anni e qualcosa, laureato in filosofia (se non erriamo con una tesi su Hannah Arendt), grande amante ed esperto di fumetti, con un Master in giornalismo alla IULM.

Un gigante, professionalmente parlando.

 

Quel che ci ha colpito dei contributi di Alessandro è la sua grande capacità di scavare in ogni argomento e di fare domande precise, talvolta scomode (a volte talmente scomode da attirargli le ire o l'irritazione di qualche candidato). E un'attenzione rara all'umanità delle persone che intervista. Ecco quindi che emergono, accanto ai candidati sindaco Montali, Poeta e Ubaldi, anche Sabrina, Giammario e Rosalba.

 

Noi non siamo giornalisti, ma "semplici" blogger (anche se quel che facciamo non è sempre semplice), però crediamo che giornalismo locale non voglia per forza dire giornalismo di basso livello (per quanto riguarda qualità e libertà). Speriamo pertanto che la voce di Alessandro porti "un po' più su" l'asticella di quel che leggiamo ogni giorno.

 

Grazie, Alessandro... e un milione di questi articoli!
L'ARGANO

http://www.cronachemaceratesi.it/2014/05/19/sabrina-montali-si-alla-scuola-no-al-resort-la-mia-sinistra-contro-lideologia/464715/
http://www.cronachemaceratesi.it/2014/05/22/giammario-poeta-giu-le-mani-dal-centro-storico-e-dai-giovani/467374/
http://www.cronachemaceratesi.it/2014/05/11/rosalba-ubaldi-tra-polemiche-e-soddisfazioni-nessuno-ha-la-bacchetta-magica/462654/

 

19 commenti:

  1. Condivido a pieni voti! Bravo Alessandro!

    RispondiElimina
  2. Grandissimo giornalista, l'unico che può degnamente portare questo nome e sopratutto una persona per bene che per me vuol dire ancora molto.

    RispondiElimina
  3. Uno che ha tutti titoli che avete detto e che ha collaborato con i più grandi giornali italiani si sarebbe ridotto a scrivere per Cronache Maceratesi? Qualcosa non quadra. Argano, hai pisciato fuori dal vaso.

    RispondiElimina
  4. Non vi sentite un po' provinciali? Sapete esattamente quale sia stato in varie occasioni l'atteggiamento di questo Barbacetto dei poveri? L'avete per caso mandato voi quando assieme a Riccetti e compagnia è corso a palazzo Volpini per documentare con tanto di video camera una conferenza stampa mai esistita? Chi ha avvertito Riccetti e compagnia che c'era un tale appuntamento a palazzo Volpini? In giro se ne dicono tante e voi invece di pronunciarvi a favore della libertà dei cittadini pubblicizzate certe iniziative da quattro soldi come fossero da premio Pulitzer. Se Trevisani ha tutto il talento che gli attribuite, perché sprecarlo a Porto Recanati dove praticamente sta facendo il disoccupato? Saremo vecchi e decrepiti, ma vogliamo vivere senza rompipalle vicino, specialmente se sono autori di messinscena spacciate per scoop.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per la paranoia non ci sono medicine,bisognerebbe solo legarti stretto.

      Elimina
  5. A parte il fatto che seguito a lavorare anche per gli altri giornali, Cronache paga 10 euro di meno del Fatto online, un divario che riempio abbondantemente con l'amore che porto a un paese che invece a qualcuno pare una cosa su cui non "sprecare" il tempo.
    Forse questo qualcuno ha perso le elezioni e rosica, ma magari dovrebbe cercare i motivi della sua sconfitta nella sua mentalità piccolina da yuppie mancato. O da comare riuscita.
    Grazie Argano per questo post comunque immeritato: tu sei la fonte primaria di cittadini e giornalisti ogni mattina, e lo sanno bene tutti i portorecanatesi (tra l'altro tante ottime domande che fai a me manco sono mai venute in mente).
    AT

    RispondiElimina
  6. Bene Trevisani, sei proprio uno del "se non credete a me domandatelo a mia moglie". Vi fate i complimenti a vicenda tu e l'Argano? E allora una domanda a tutti e due. Io sono quello che su questo blog ha chiesto mille volte ai supporter della lista minestrone chi finanziasse la sua campagna elettorale. Ve n'è fregato mai niente a te e all'Argano di saperlo? Nemmeno una piccola fregola giornalistica per una richiesta come questa? Lo chiedo a voi e non ai giornali veri perché siete ossessivamente attratti dagli scoop da quattro soldi e dai cazzi degli altri. Trevisani, ti sei mai chiesto chi ha finanziato la campagna elettorale della lista minestrone? E che cosa hai mai rivelato di tanto sensazionale da meritare il plauso dell'Argano? Sai per chi hanno votato i muratori di Vento del sud'? Non lo sai o non vuoi saperlo perché da fastidio ai no global della Montali e al Pd? Non ti abbiamo mai sentito criticare Riccetti per il fatto di non aver mai tirato fuori la questione del Burchio in campagna elettorale, lui che come ben sai si è scatenato per procacciarsi 1.200 firme anti Burchio da spendere elettoralmente. Argano, devi dire queste cose e non sperticarti in elogi nei confronti di chi invece non ne marita. Come avrete capito sono un nemico dell'informazione mediatica così come viene concepita e attuata in Italia. Comunque, rispondete con concretezza a queste contestazioni e non sgattaiolate in artifici retorici degni del peggior giornalismo. Quanto al rosicare, caro Trevisani, non so se c'è qualcuno in giro con denti più affilati dei tuoi. Ad ogni modo sì, mi rosica tanto. Ma quando vedo in giro imbroglia carte che carpendo la buona fede dei semplici passano da profeti della verità e dell'onestà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quei signori in camice bianco ti stanno cercando per farti una punturina e metterti una camicia con le maniche lunghe,poi passerà ogni cosa,stai sereno.

      Elimina
    2. Giustizia e Libertà27 maggio 2014 13:37

      Fatti una tisana con il biancospino per calmarti e cardo mariano per depurarti il fegato ingrossato!

      Elimina
    3. Si, sappiamo che in Unione Sovietica si ricorreva a questi mezzucci. Ci dispiace soltanto che voi siate rimasti in Italia. La avreste trovato un bel po' da fare.

      Elimina
  7. Ma a farla a Sabrina Montali questa domanda, non ti é mai venuto in mente? Noi glie lo abbiamo chiesto ufficialmente chi la finanziava. Ci ha risposto che a fine campagna elettorale avrebbe messo a disposizione della cittadinanza ogni dato relativo ai finanziamenti ricevuti. Ecco, approfittane, sceivi a Sabrina. Noi, non so se l'hai capito, non siamo i cassieri di NPP.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, il cassiere è Reboli. Hai capito? Che cosa dobbiamo aspettarci che ci dica? Tante, tantissime, "troppissime" ombre davanti a noi, tenute sotto schermo perché si doveva abbattere la Ubaldi. La Ubaldi adesso non c'è più e muoio dalla voglia di vedere come tratterete la nuova padrona di casa. Se vi renderete conto che tutto è meno che padrona potete dirlo anche subito e se non avete il coraggio affidatevi al guru del giornalismo intelligente e coraggioso Alessandro Trevisani. Intanto domandategli se ha mai mosso una critica a Riccetti e a Poeta, e non è che non ce ne fossero anche a prenderle in prestito. Se vi dirà di sì, pubblicate il pezzo.

      Elimina
  8. la cosa dei finanziamenti l'ha giustamente chiesta Argano, e fa parte delle cose che colpevolmente io non ho chiesto alla Montali, ma è vero pure che non ho fatto la stessa domanda agli altri due.

    alla Montali ho chiesto però chi sta - se ci sta - dietro la sua lista, e se leggete la intervista non mi pare tenera verso di lei.

    il fatto è che la paranoia e il pensare male non aiutano sempre a vincere le elezioni, nemmeno a Porto Recanati.

    vorrei sapere poi quali carte ho imbrogliato ed essere magari segnalato all'Ordine dei giornalisti, dove risponderò serenamente delle mie misteriose mancanze.

    e comunque vi potete firmare, la guerra è finita.

    NB grazie per il rompipalle. non esiste complimento migliore per un giornalista. sulla conferenza stampa e altre favole torno poi, ma ho già postato sul mio Facebook sms di Elena Leonardi

    AT

    RispondiElimina
  9. NBB Riccetti che non ha parlato del Burchio è fantastica. Momenti ci prendiamo querela insieme.
    Quanto al Vento del Sud ho visto i capicantiere volteggiare intorno al più mite e sereno candidato della lista Ubaldi, fuori dai seggi. Ma nulla di più facile che non abbiano avuto tutti i voti che speravano. Facciamo la caccia ai muratori "dissidenti"? Dopo di te, mio prode anonimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trevisani, anche tu ti sei fatto un nome aggredendo il Burchio. Ma fino ad un certo punto perché quando Riccetti è entrato nella lista Montali del Burchio non si è parlato più. Un giornalista arguto, capace, intuitivo, preparato, leale, in altre parole unico come te, non se ne è accorto? Forse hai la vista un po' corta. Tant'è che hai visto solo voluminosi capicantiere volteggiare. Sapere per chi hanno votato non interessa ad un giornalista capace, intelligente, leale, coraggioso, curioso, in altre parole unico come te? Fare interviste da duro non è difficile, anzi è la cosa più facile e serve a farsi un nome, come vediamo in televisione tutti i giorni da mattina a sera. Ma poi quello che conta è che si debbono sapere le cose veramente importanti e non quelle marginali. Ma non è lo stile di una intervista che ci interessa. Noi parlavamo d'altro, da persone libere senza legami né con la politica né con i giornali né tanto meno con i blog. Semplicemente ci stupisce che l'Argano (tu ti sei salvato tacendo) pretenda di sapere dall'oste se il vino è buono. E infatti chiede alla Montali che finanzi la sua campagna elettorale. Argano, che cosa pretendevi che ti rispondesse? E allora medita su questo. Perché in campagna elettorale non si è parlato del del Burchio? Tu stesso Argano, per non parlare di Trevisani, ti sei scatenato fino al giorno prima. Avrebbe fatto piacere ai costruttori del Burchio se fosse entrato nella campagna elettorale? Pensate inoltre che le 1.200 firme anti Burchio conteranno qualcosa adesso che è cambiata l'amministrazione comunale? A chi sono servite quelle firme e a che scopo? Dove è finito Masaniello Reboli? Trevisani, ti aspettiamo al varco. Il rompipalle resta sempre tale anche se è un giornalista perché è una forma del carattere. Se a te piace esserlo preghiamo soltanto di non averti mai tra le nostre gambe. Fessi sì, ma non fino al masochismo.

      Elimina
    2. A casaaaaaaaaaaaaaaaa

      Elimina
  10. vojo vede se Tabacco' adesso sposta il suo ufficio personale da Palazzo Volpini ad altra sede per continuare a scrivere sotto dettatura!

    RispondiElimina
  11. minchia mi sono fatto un nome a Porto Recanati. me lo certifica il signor Anonimo.

    RispondiElimina

  12. rispondo sulla confstampa del 17 maggio sulla bandiera blu. e mi ci dilungo giusto per chiarezza e per soddisfare la curiosità dei cittadini per una cosa che ha fatto il giro di Facebook un 10 giorni fa.

    l'incontro è stato convocato dalla Leonardi con questa dicitura, anche per ciò che mi riguarda, sicché alle 12 come da invito mi sono recato in comune anche con la videocamera perché voleva fare delle domande al sindaco sull'Hotel House (è proibito?).

    ma forse l'Anonimo si confonde con la telecamera portata dalla Ilenia Di Felice, reporter sambenedettese di Vera Tv, che per coincidenza incontro nell'atrio mentre parla con Zoppi Paccamiccio e Riccetti.

    Riccetti che poco dopo sale e scatta una foto dove entro anch'io, e finirà sulla bacheca Fb di Fiaschetti. del resto la confstampa, se tale fosse stata, non si poteva fare.

    ecco, venendo al punto la conferenza stampa non si è tenuta, stanti le regole sulla par condicio in campagna elettorale, che non consente agli amministratori di comunicare in questa veste con gli organi di stampa. già arrivando ci avvertono di questo la Leonardi e la Addario, che sta uscendo dalle scale.

    al primo piano restiamo, con la Leonardi, io, Carbonetti, la Di Felice e poco dopo arriva la sindaco Ubaldi.

    conservo nella memoria del mio telefono 23 minuti e 39 secondi di registrazione di quella che per me - da invito - partiva effettivamente come confstampa, ma alla fine sarà una chiacchierata su qualsiasi cosa (chi vince le elezioni? quanti voti andranno alle liste? si possono fare interviste agli amministratori in campagna elettorale? - risposta all'ultima domanda: no, ergo la mia videocamera rimane riposta nell'astuccio, per la serenità di Anonimo) al termine della quale la Leonardi ci consegna i dati dell'Arpam di aprile (dato che io cito nel pezzo http://www.cronachemaceratesi.it/2014/05/17/i-socialisti-per-la-difesa-della-costa-e-la-bandiera-blu-negata/465586/), che tiene insieme il tutto con l'incontro del pomeriggio alla sede del Psi locale.

    alla fine Anonimo è vittima di un pastrocchione che mette insieme coincidenze e fatterelli riportati da comari inaffidabili. insomma, voci di corridoio. io ho citato tutti i fatti e i presenti, se Anonimo vuole gli faccio ascoltare il mio file, almeno lo posso vedere in faccia.

    se invece non vuole, vuol dire che le palle se le vuole rompere da solo, nel solipsismo delle sue fandonie. ammesso che ce le abbia, dentro le mutande, le palle. quanto ai commentucci da capinera sul mio coraggio ecc faccio presente che non mi sto vantando di nulla: credo di aver fatto un lavoro normale, migliorabile, spero decente, difettoso come tutte le cose degli uomini, e ho solo detto grazie a complimenti immeritati.

    ma se ad Anonimo seguita a rodere può recarsi al negozio degli animali a comprare i bastoncini per cani da riporto. io li compravo alla mia cagnetta, che ne godeva assai. sgranocchiandoli potrà ricavarne un po' di sollievo per il suo fegato. e qui chiudo.

    RispondiElimina