QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 22 marzo 2013

POSTE PIÚ: LA PAROLA ALLA DIFESA

In esito all"articolo apparso stamane sulle colonne di questo blog, inerente al locale ufficio di Poste Piú, riceviamo e e pubblichiamo dalla titolare Sig.ra Capone Maria Rosaria e dal suo legale Avv. Luca Viggiano il seguente comunicato stampa:

 

 

 

2 commenti:

  1. utente posta +25 marzo 2013 19:12

    poche ciance i pagamenti effettuati in posta più sono stati o no regolarmente versati??????

    RispondiElimina
  2. Ho usufruito dei servizi di posta più (solo per spedezione posta tramite raccomandata) e ho trovato il servizio estremamente efficente e a un prezzo di molto inferiore a quello praticato dalle Poste Italiane.
    Spero tanto che la questione si risolva nel più breve tempo possibile perchè a Porto Recanati c'e la necessità di avere una alternativa alle Poste italiane sia per il prezzo da pagare sia per evitare le interminabili code che spesso si trovano all'ufficio postale del borgo marinaro

    RispondiElimina