QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

sabato 8 luglio 2017

DIMISSIONI COMITATO CASTENNOU: IL COMUNICATO

Nota dell'ex Comitato Castennou

Il Comitato in data 07.07.17 rassegnava le proprie dimissioni via Pec al Comune di Porto Recanati. Tale decisione è la conclusione di un percorso unilaterale poiché il Comitato, pur partecipando attivamente ad ogni iniziativa comunale, non veniva mai preso in considerazione nelle decisioni riguardanti il Quartiere. Numerosi sono gli episodi basti pensare a piazza Kromberg, il bocciodromo (noi siamo dovuti andare a richiedere i documenti all'Asur), l'affido dell'unica piazza del quartiere ad un'associazione, il risultato è sotto gli occhi di tutti, in ultimo la viabilità.
Il Comitato non si è mai risparmiato, si è confrontato su ogni decisione, è stato giudicato anche polemico per questo, ma esprimere la propria idea non significa essere polemici ma avere una propria opinione! Fino a prova contraria siamo cittadini e non sudditi.
Abbiamo accettato decisioni che non condividevamo rispettando l'Autorità che li emetteva ma non possiamo tollerare di essere presi per scemi. 
La verità è che nessuno ci ha voluto ascoltare e soprattutto qualcuno si è dimenticato che eravamo un organo rappresentativo anche se a volte quello stesso organo è stato lasciato solo da parte degli stessi residenti.

Bisognerebbe imparare che non si deve ascoltare per ribattere ma bensì per avere una nuova prospettiva e magari approfittare dell'occasione per poter imparare; la conoscenza è nascosta in ogni dove, nessuno può pensarsi così erudito da credere di avere la verità infusa.
Siamo dispiaciuti ma convinti che non ci sia stata lasciata alternativa ed a volte bisogna mollare la presa quando si capisce che l'impresa sarà comunque inutile.
Invitiamo a non inventare nulla poiché la verità è questa.
Ad maiora.

17 commenti:

  1. Ben fatto, i quartieri servono solo per il palio,così possono sfilare tronfi lungo le vie del paese.Nessuna collaborazione è possibile con chi vi emargina perché non fate parte della "greppia"

    RispondiElimina
  2. gioacchino di martino8 luglio 2017 11:12

    Peccato che il comunicato sia giunto dopo la conferenza del sindaco per l'autocelebrazione della sua giunta. Poteva essere vantato come un ulteriore obiettivo raggiunto: ASFALTARE CHI NON TOLLERA DI ESSERE PRESO PER SCEMO!

    RispondiElimina
  3. Segno che s'era fenite le panghine da pettura'...

    RispondiElimina
  4. Avete il sostegno di tutto il quartiere. certe decisioni imposte non giovano nè al quartiere tantomeno a chi le impone.

    RispondiElimina
  5. Un comunicato strano,che sembra dire " non hanno fatto mai quello che VOLEVAMO noi!".
    Mah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in pieno stile castennuese insomma

      Elimina
  6. Avrei preferito che foste rimasti e aveste lottato.

    RispondiElimina
  7. Era ora che qualcuno facesse qualcosa. Mi auguro che anche i comitati degli altri quartieri prendano la stessa decisione. Cominciamo a mandargli a monte il palio visto che si ricordano dei comitati di quartiere solo per quello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché il palio si fa per l'amministrazione in carica? O per la città? E poi all'amministrazione pensi che dispiaccia se non si fa il palio? Anche durante la giunta Montali non si è corso, eppure mica è caduta per il palio. Sei proprio un commentatore di scarsa intelligenza e sicuramente di bassa istruzione

      Elimina
    2. Caro anonimo 1:24,
      a questa amministrazione dispiace eccome se non si corre il palio anche perché è stato "creato" da una giunta del nostro attuale vice sindaco, ti sei invece chiesto come mai sotto la Montali non si è fatta la corsa? E che dire di Canaletti nominato da poco presidente? La sicuramente scarsa istruzione e intelligenza lascia la prossima volta che la giudichino i lettori, magari daranno un parere anche sulla tua di intelligenza.

      Elimina
    3. veramente canaletti è stato votato dopo essersi candidato dai soci e tesserati del ente palio. potevi candidarti pure tu, ma a te piace più scaldare la tastiera del PC. in più continuo a non capire cosa c'entra non disputare il palio con la tua protesta. donca ghandi sai!!!

      Elimina
  8. I quartieri ormai sono quasi tutti politicizzati, con persone che li usano come trampolino per candidarsi a qualcos'altro.Quante persone che stanno nei comitati erano candidati alle ultime amministrative oppure fanno parte anche di qualche partito o movimento?

    RispondiElimina
  9. Da stamattina sappiamo dai giornali forse, perché si è dimesso il comitato.
    Orgoglio.L'orgoglio ferito dal veder bocciato democraticamente dall'assemblea da loro stessi richiesta,la srl di P.Brandendo,un loro cavallo di battaglia .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Correggo.
      Ztl di P.Brancondi.

      Elimina
    2. Io credo che oltre che sbagliare a scrivere, tu abbia delle grosse difficoltà a leggere.

      Elimina
  10. Sono stato talmente preso in contropiede da queste dimissioni che per brindare ho dovuto accontentarmi di una buona birra rossa!

    RispondiElimina