QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

sabato 4 marzo 2017

LA CONFERENZA STAMPA DI CITTÀ MIA

Si è tenuta ieri presso la sede del PD una conferenza stampa del gruppo politico CITTÀ MIA. I consiglieri di opposizione Giovanni Giri e Giancarla Grilli hanno ritenuto opportuno fare il punto della situazione alla luce di quanto accaduto nell'ultimo consiglio comunale, non rinunciando, nel contempo a fare un resoconto sulla arrività svolta in questi 9 mesi decorsi dalle elezioni dello scorso Giugno.
Il Consigliere Giri ha rimarcato ancora una volta, pur riconoscendo gli effetti di una legge elettorale vigente che premia con 11 consiglieri la coalizione vincente, come la spaccatura (anche in termine percentualistica dei voti) che si è avuta dal recente voto debba essere (e purtroppo non lo è) elemento da tenere in considerazione da chi è stato chiamato alla responsabilità di governo. Auspicando dunque un maggiore ascolto da parte del sindaco verso le opposizioni visto che queste ultime rappresentano una quota nettamente maggioritaria e, seppure con alcuni piccoli distinguo spesso di carattere tecnico, hanno dimostrato una coesione e una unità di intenti su molti dei temi trattati. 
La discussione è dunque scivolata verso il Burchio. E su questo argomento il Prof. Giri ha ribadito come il delicato territorio portorecanatese necessiti del massimo rispetto prima di essere ulteriormente sconvolto da una variante che prevede decine di migliaia di mc edificabili. Del resto, secondo Giri, si è visto come le incompiute (vedi complesso Torri di Avvistamento) abbiano già sfregiato il paese in modo quasi irreversibile. 
I rappresentanti della coalizione hanno poi puntualizzato due cose molto importanti per quanto riguarda la variante del Burchio che presto sarà discussa in Consiglio Comunale: 
- la prima relativa al fatto che Città Mia una volta conosciuto il progetto (che già ieri sera era in possesso documentale di altri gruppi di opposizione), si riserva di proporre, ai sensi di quanto previsto nello Statuto Comunale, un referendum consultivo con la raccolta di firme di 1/6 dell'elettorato arrivo.
- la seconda relativa al fatto che Città Mia vede positivamente la  costituzione di un eventuale Comitato che proprio sul Burchio abbia la possibilità di aprire una discussione coinvolgendo la cittadinanza. Purché questo Comitato sia presieduto da indipendenti.

Ha poi preso la parola la consigliera Giancarla Grilli che ha brevemente riassunto l'attività politica di opposizione del gruppo, elencando le mozioni presentate e specificando come su due casi: (parcheggi e trasparenza) a distanza di mesi dal voto positivo ottenuto  dalle  mozioni l'amministrazione comunale non abbia ancora provveduto a realizzare quello che si era approvato in Consiglio.

Lunedï Città Mia (e tutti gli altri gruppi) avranno a disposizione il progetto Burchio 2. Come cittadini invitamo i consiglieri di Città Mia a studiare il progetto è a spiegarlo alle cittadinanza. Per capire su cosa si differenzia da quello precedente bocciato dal Consiglio di Stato. Per capire se tiene conto del parere espresso dall'Autorità di Bacino che con l'ultimo aggiornamento del PAI ha implementato il rischio geologico di frana ad alcuni porzioni della collina interessate al progetto.

Insomma leggiamo dalla pagina Facebook di UPP di un progetto bifasico. Vorremmo capire meglio in che cosa consistono queste due fasi e se sono state influenzate dal recente aggiornamento del PAI.

State sintonizzati. 

 

25 commenti:

  1. Nessuna paura dei risarcimennesdun mea culpa per le colpe del passato? Si disconosce l'operato nefasto del pd ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercasi puro, incorruttibile, senza scheletri nell'armadio di famiglia (nemmeno una multa per divieto di sosta), magari anche sessualmente vergine, ideologicamente neutro, titolo di studio superiore, con stipendio fisso, automunito per proporre richiesta di referendum contro variante pro-Burchietto.

      Elimina
    2. Anonimo 10.51 Il marciapiede lo paghi tu?

      Elimina
    3. Perché el nostro libero arbitrio non sia spento, iudico potere essere vero che la fortuna sia arbitra della metà delle azioni nostre, ma che etiam lei ne lasci governare l'altra metà, o presso, a noi. Et assomiglio quella a uno di questi fiumi rovinosi, che, quando s'adirano, allagano e' piani, ruinano li arberi e li edifizii, lievono da questa parte terreno, pongono da quell'altra: ciascuno fugge loro dinanzi, ognuno cede allo impeto loro, sanza potervi in alcuna parte obstare. E, benché sieno cosí fatti, non resta però che li uomini, quando sono tempi quieti, non vi potessino fare provvedimenti, e con ripari et argini, in modo che, crescendo poi, o andrebbono per uno canale, o l'impeto loro non sarebbe né si licenzioso né si dannoso. Similmente interviene della fortuna: la quale dimonstra la sua potenzia dove non è ordinata virtù a resisterle, e quivi volta li sua impeti, dove la sa che non sono fatti li argini e li ripari a tenerla". ("Il principe", 25)

      Elimina
    4. ...ripeti dieci volte:'' chiunque tu sia, esci da questo corpo!''

      Elimina
    5. Lha detto il maestro della luce. Quella che manca a te.
      "Sono trasecolato a vedere in che stato di abbrutimento è costretto a vivere un popolo retto da un governo che si fonda sull' impostura" studia sempliciotto delle ore 10.13

      Elimina
    6. Abbattiamo le mani al maestro!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  2. Un partito senza vergogna. Ma questi non sono quelli che con mezzo partito non hanno votato contro il burchio in consiglio comunale e con l'altra metà è andati da Patruno a ridare il paese alla Ubadi per farglielo rifare? Se ero in loro non scappavo più de casa invece fanno la voce grossa adesso che non contano più gné. Eppoi me domando, lunedi avranno i documenti, e a chi li portano? agli esperti che dicevano che il comune falliva e che adesso difendono i lottizzatori.
    Che pena. Tempo un congresso e ve ritrovate segretario un amico de Rosalba che ve riva con la cariola e ve mette a tutti il cappelletto de carta da muratore e la paletta in mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non vediamo l'ora che arrivi un segretario cosi almeno chiudiamo per sempre il capitolo con quelli che hanno la testa per dividere le orecchie come te.
      Porto Recanati le teste come le tue le ha avute 11 mesi e non le merita davvero

      Elimina
    2. 11.03 a parte la marea di sciocchezze uscite dalla tua bocca, hai qualcosa di intelligente da proporre invece di sciirinare pregiudizi da vecchia pettegola ?

      Elimina
  3. Mozione per il referendum bocciata dal Consiglio? Poco male. Anzi. Adesso via alla mesa a punto dell'operazione referendaria, cominciando con la definizione puntuale e dettagliata del quesito referendario, della domanda cui i cittadini dovranno rispondere con un sì o con un no. Il quesito dev'essere giuridicamente preciso, toccando il cuore del provvedimento che darebbe disco verde alla variante. Poi la raccolta delle firme, anche questa da svolgere con estrema attenzione agli aspetti burocratici (ad esempio, chi può autenticare le firme), a scanso di accuse di brogli.
    Insomma la partita del referendum va studiata e giocata con grande attenzione e altrettanta professionalità politica e giuridica.
    I portorecanatesi non hanno bisogno di iniziative... folkloristiche!

    RispondiElimina
  4. Il pd o cittá mia...non si capisce cosa sia...portorecanatesi svegliatevi e non fatevi ingannare a questi non interessa nulla del burchio se si fará o non si fará a questi interessa solo la visibiitá...voglion farsi belli e fenomeni agli occhi dei cittadini ma quando hanno avuto la possibilità di fare qualcosa di buono concretamente hanno mandato in malora un paese riconsegnandolo nelle mani Dell' attuale amministrazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 11.49 il Burchio e' stato bocciato ? Ok ! Hai ragione tu! Ma come mai siamo qui a riparlarne?
      Ciao intelligentone!

      Elimina
  5. Un recente rapporto stilato dalla Protezione Civile e da Legambiente,dice che un rosario di disastri,si sarebbe evitato,se solo non si fosse costruito su zone franabili a rischio idrogeologico!!! Allora noi a Porto Recanati,siamo de Coccio,in consiglio comunale,si parla ancora di questo,ma basta,IETE A FADIGA'...riconoscete le critiche che vi si muovono ed ammettete,che ve state a sbaglia'(egoisti)pensate al futuro dei nostri giovani...Perche'l'opportunismo può produrre una gratificazione immediata,mentre l'altruismo conduce alla felicita'di un paese intero....CAPITOOOOOO!!!

    RispondiElimina
  6. Bravo Giri. Adesso attento a non fatte accoppá dai tuoi. Il PD fa il tesseramento e speriamo che non rria quelli del burchio e tessera nantro po de quelli che ha fatto vince la sindaca.

    RispondiElimina
  7. Lanfranco Picchio4 marzo 2017 16:11

    Argano scusa,domanda fra l'igenuo ed il rincoglionito,ma cosa vuol dire comitato pro-Burchio presieduto da indipendenti?

    RispondiElimina
  8. Mi rivolgo prevalentemente a quei commentatori " no Burchio, no PD "come del resto io sono,lasciamo lavorare Giancarla e Giovanni su questa cosa e incoraggiamoli ad andare avanti con estrema fermezza su questo tema del referendum , non tiriamo ancora in ballo gli errori passati del PD , loro , poco o nulla hanno a che fare con quel modo di fare politica.Continuando così non si fa altro che il gioco del "nemico".

    RispondiElimina
  9. Il mini-Burchio o Burchietto, ma sempre in versione espandibile per tornare alla versione originale a 40 villette, non piace a nessuno. Poco male, perchè offre l'occasione per cogliere al volo un'opportunità irripetibile.
    I recenti successi degli atleti azzurri nelle gare di sci di Coppa del Mondo stanno a dimostrare che gli italiani sono un popolo che ha lo sci alpino nel sangue, altro che santi, poeti e navigatori. Allora trasformiamo la collina del Burchio nella più grande stazione sciistica dell'Adriatico, con piste di varia lunghezza e difficoltà con illuminazione notturna, impianti d'innevamento artificiale, impianti di risalita da ogni versante (compreso quello di Loreto per favorire lo sci alpinismo religioso!), ristoranti e alberghi pluristellati, con "pacchetti" di vacanza completi per comitive straniere (preferibilmente dell'est), istituti di rieducazione minorile, amministratori comunali decrepiti, imprenditori edili falliti, dirigenti di banca senza... garanzie.
    Un progetto unico, da lanciare sul mercato già oggi con uno slogan accattivante: "La tua settimana bianca a due passi dal mare!" e da far realizzare dalla società "Porto Recanati Superski".
    Altro che referendum!

    RispondiElimina
  10. Lanfranco Picchio5 marzo 2017 14:36

    Ho sbagliato,il comitato non e'pro ma contro Burchio,comunque l'hai scritto tu che il comitato doveva essere presieduto da indipendenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho solo rriportato una cosa detta in conferenza stampa. E penso di averla riportata in modo corretto. Quello è stato detto. E quello io ho scritto.

      Elimina
    2. Lanfranco Picchio5 marzo 2017 15:59

      Ancora non mi hai risposto,o cujo'!

      Elimina
    3. Picchio ti rispondo io. Significa che il comitato (se si farà non lo so) non dovrà essere costituito dai soliti noti dei gruppi politici, altrimenti rischia solo di diventare una vetrina elettorale per qualcuno. Sarebbe il caso che si impegnino persone della società civile anche se magari coadiuvati dalle liste civiche di opposizione, ma sarebbe meglio evitare di inserire nel comitato chi magari già è stato in lista.

      Elimina
    4. Comitato sì, comitato no. Comitato con i partiti di opposizione, comitato senza i partiti di opposizione. Comitato della "società civile", comitato della "società civile" ma con i gruppi di opposizione di fianco. Comitato di perfetti sconosciuti, comitato con chi non è stato mai in lista per il Comune....
      Una raffica di seghe mentali per non fare nulla facendo credere ai gonzi del paese) di fare qualcosa. Ma poco, perchè non si sa mai, un domani forse la giunta...
      Intanto il Burchietto va avanti.

      Elimina
    5. Che stile questo "signor" Picchio!

      Elimina