QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 24 marzo 2017

DAL BURCHIO AL CALCIO?

La Maceratese Calcio è tecnicamente fallita. Non paga gli stipendi a calciatori e al personale addetto da mesi.
Secondo il Resto del Carlino chi potrebbe andare a salvarla?'
Due imprenditori. O meglio, un imprenditore, Paoloni (quello del marciapiede del Burchio) e un gruppo imprenditoriale (la Coneroblu che il Burchio lo dovrebbe edificare).

Fantasia o realtà?


 

12 commenti:

  1. Quando agli Italiani dai il calcio diventi un eroe. Ottima strategia, se non fosse così sfacciatamente palese...

    RispondiElimina
  2. Commistione fra calcio e palazzinari...esempi a non finire,anche vicini,molto vicini!

    RispondiElimina
  3. Non vorrai dire che se finanzi il calcio puoi trasformare le tue aree agricole in aree edificabili?

    RispondiElimina
  4. "Cio' che sappiamo e' una goccia,cio' che ignoriamo un oceano"...E noi non possiamo continuare ad ignorare,dobbiamo sapere come stanno le cose,siamo i Cittadini di PORTO RECANATI!!!Perche' non vogliamo fare la fine di quello che a forza di lasciar perdere,si fece portar via la moglie......Basta,basta,basta,siamo in DEMOCRAZIA,non in dittatura!!!!

    RispondiElimina
  5. Panem et circenses...

    RispondiElimina
  6. Lanfranco Picchio24 marzo 2017 12:42

    Altri Cerolini crescono..

    RispondiElimina
  7. Fra un po' verranno candidati alla beatificazione: salvano porto recanati, salvano la maceratese, fanno ponti, strade e chi più ne ha più ne metta...Che eroi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla prossima processione ci sarà l 'inchino davanti alla casa di qualcuno/a?

      Elimina
  8. Cose giá viste , solo che poi quando si accorgono che diventa un pozzo senza fine mollano lasciando un mare di debiti.
    Vedi recente esperienza del Porto Recanati con l'ex presidente e promotore del Burchio di cui tutti conoscono il nome.

    RispondiElimina
  9. C'è u n condominio "turistico" in riva al mare a Porto Recanati, con tanto di piscina che dopo mezzogiorno (ora solare) finisce... all'ombra, costruito da un personaggio legatissimo al calcio e che grazie al calcio ha visto la strada spianata per tutte le sue iniziative edilizie. Il condominio è pomposamente chiamato "Colosseo" e rappresenta uno degli scempi urbanistico-ambientali più clamorosi della riviera adriatica. Ma chi si è mai opposto al "presidentissimo"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non solo ho partecipato alla presentazione del progetto, oltre al cosiddetto Colosseo era previsto un porticciolo turistico e per le imbarcazioni da pesca, di tutto questo cosa ci è rimasto? Tirate voi le giuste conseguenze.

      Elimina