QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 25 gennaio 2017

MI SCRIVE BUFALARI IN RELAZIONE AL COMUNICATO DI CITTÀ MIA

Ricevo e pubblico da Aurelio Bufalari (corrispondente locale del Corriere Adriatico)

 

Risposta a Città Mia

 

In merito al comunicato di Città Mia – Piazza Brancondi 2.0?? –apparso su questa testata martedì 24 gennaio 2017, dichiaro di non aver mai detto né scritto che l’Assam abbia effettuato sopraluoghi in piazza Brancondi, come invece afferma il comunicato. Non ho mai parlato né scritto a proposito di “un progetto che sembra già essere messo su carta e che risponde alle richieste dei cittadini degli operatori commerciali e addirittura assolve alle segnalazioni degli organismi istituzionali superiori (ASSAM)”, come invece asserisce Città MiaDi non aver mai detto né scritto che il giornalista scrittore Marcello Veneziani abbia criticato la poca luminosità di piazza Brancondi, come invece afferma il comunicato. Carlo Trevisani – citato nell’articolo – parla di considerazioni fatte da Veneziani all’interno della Sala Biagettidurante la conferenza e non di quando Veneziani è sceso dall’auto. Io ero lì, invece, per conto del mio giornale, e alla sua domanda “Dove siamo?” ho risposto personalmente che eravamo nella piazza principale di Porto Recanati. Che cosa c’entra dunque Trevisani? Se è stato citato nell’articolo è perché era lui l’organizzatore della conferenza.  Sette miliardi di persone che non erano sul posto possono testimoniare di non aver sentito, ma ciò non vuol dire che Veneziani non si sia posto quella domanda. Questo aneddoto l’ho raccontato e scritto decine di volte. Città Mia non sa quali e quanti cittadini e commercianti vorrebbero una piazza diversa e pretende che io li identifichi con le loro migliaia di nomi e cognomi. Città Mia non sa chi sono magari perché non parla con la gente come invece faccio io per mestiere. Infine la ciliegina sulla torta, che Città Mia mette in relazione – e non per caso – i miei articoli sulla piazza con un ipotetico progetto dell’amministrazione comunaleProgetto di cui non sono a conoscenza e di cui non ho mai parlato né scritto. E questa è la cosa più grave del comunicato, che per mera speculazione politica coinvolge in modo denigratorio la mia persona e il giornale per cui scrivo. Infine una questione di coerenza. Il comunicato – dopo aver messo in dubbio la mia parola – sostiene, rivolgendosi al Comune, che “Diversi gruppi ed associazioni si sono già espresse su proposte di riqualificazioneE che “Sarebbe un esercizio di proficua ed efficiente democrazia, coinvolgere tutta la popolazione, in quella che potrà essere una svolta fondamentale del nostro assetto urbanistico”. E ciò conferma clamorosamente quanto prima si voleva negare, e cioè che la cittadinanza è fortemente interessata a una riqualificazione della piazza. L’assurdità del comunicato da parte di un gruppo politico che invece di fare le pulci alla politica e fare proposte per il bene della città va a sindacare sul mestiere di persone che con la politica non hanno niente a che vedere. Preciso infine che il comunicato è stato preceduto da giorni e giorni di attacchi denigratori e diffamatori alla mia persona da parte di alcuni personaggi locali e che rispecchia fedelmente quanto detto da tali personaggi. Per cui mi riservo di portare la questione in sede legale.     

 

 

4 commenti:

  1. Ma bufalari quanto paga per scrivere sul bugiardo'?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto tu su questo blog.

      Elimina
  2. bella battuta ,abbattiamo le mani...e le piante!

    RispondiElimina
  3. Ah Bufalà, ma quanto te costa a dì che la storia del progetto de la piazza l'hai avuta da "fonte attendibile"? Mica è 'no scandalo!

    RispondiElimina