QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 1 dicembre 2016

UNITI PER PORTO RECANATI SUL CONSIGLIO COMUNALE DI IERI

CRONACA DI UN CONSIGLIO DI STRAORDINARIA FOLLIA

 

Che non sarebbe stato un Consiglio tranquillo lo avevamo intuito da subito, ma la realtà è andata oltre ogni funesta immaginazione.

I diritti delle minoranze hanno cominciato ad essere calpestati nel momento in cui la riunione dei capigruppo è stata convocata “oggi per domani” e la documentazione riguardante i tredici (tredici!) punti all’ordine del giorno è stata inviata 48 ore prima, sebbene il regolamento preveda un preavviso di almeno tre giorni. Tanto basterebbe per far dichiarare nulle tutte le delibere assunte.

Quando, all’inizio della seduta, è stata fatta la contestazione, il Sindaco si è limitato a garantire maggiore regolarità per il futuro per poi proseguire nella discussione come nulla fosse. Alla richiesta di un Consiglio comunale straordinario sul tema emergenza terremoto e gestione sfollati, ad un mese esatto dal devastante evento sismico che ha portato in città quasi mille persone, il primo cittadino lo ha definito “una perdita di tempo”, e ha invitato i Consiglieri a recarsi nel suo ufficio per chiedere informazioni, invece di “girovagare per gli uffici in cerca di chissà che cosa”. E’ un peccato che Mozzicafreddo non abbia consapevolezza che non sta più guidando un ufficio privato ma un’Istituzione: è troppo comodo far uscire comunicati unilaterali e indire conferenze stampa in cui “cantarsela e suonarsela da soli”. 

Tre punti riguardavano le variazioni di bilancio, rispetto ai quali non possiamo che ribadire come, a sei mesi dal suo insediamento, questa amministrazione non faccia ancora emergere un progetto di ampio respiro per la città. 

Per quanto riguarda il nuovo regolamento delle sagre, è statointrodotto il limite temporale di durata di due giorni. Contestualmente, però, si è stabilita una totale discrezionalità per la Giunta di derogare al vincolo. Ciò è per noi illogico, oltre che criticabile.

Il “bello” è arrivato, poi, quando è stata trattata la revoca del regolamento del mercatino natalizio. All’esito dell’avviso - che prevedeva casette alla Diaz - andato deserto, si è giunti all’assegnazione di otto casette per somministrazione alimenti in Piazza Brancondi con il metodo del “passaparola”, con tanto di esenzione dal pagamento dell’occupazione di suolo pubblico in assenza di un rilevante interesse pubblico agiustificarla.  

Dopo un esecrabile intermezzo con scambi di urla e improperi che ha coinvolto consiglieri di maggioranza, minoranza e pubblico, l’apoteossi è avuta sul “regolamento taxi”Il consigliere delegato Sampaolo, titolare di una licenza nel Comune di Recanati, con la quale opera spesso sul territorio di Porto Recanati, non solo ha redatto la proposta di modifica, ma si apprestava ad esporla e a votarla, con l’incomprensibile placet del segretario Massi. Messo di fronte al macroscopico conflitto d’interessi, il Consigliere abbandonava la seduta e consegnava la relazione al Sindaco che imperturbabile la metteva ai voti. 

In conclusione, la mozione di Città Mia sui parcheggi a pagamento di via dei Cementieri, che avrebbero dovuto permettere l’installazione dei varchi elettronici agli ingressi della città, ci ha fornito l’occasione per evidenziare che, ad oggi, tale impegno non è stato rispettato nonostante le rassicurazioni del Sindaco. Stessa sorte ha subito il Piano della Mobilità Urbana, ormai palesemente affossato, in quanto proposto dalla precedente amministrazione. Ai cittadini sono rimasti solo gli oneri. A marzo 2017, quando scadrà l’attuale bando per la gestione dei parcheggi, in assenza di un atto di pianificazione, ce ne aspettiamo un altro per venticinque anni come per l’illuminazione pubblica. 

 

Uniti per Porto Recanati

 

24 commenti:

  1. Upp , l'asino che dice cornuto al bue. Quando loro erano in amministrazione chiamavano i consigli comunali alle 17 per il mattino dopo.

    RispondiElimina
  2. Upp pensasse all'orticello suo che non é dei migliori

    RispondiElimina
  3. Caro riccetti che doveva fare invece di andare avanti come se nulla fosse mettersi in ginocchio?? proprio quando c'eri te avevate convocato i capigurppo alla mattina alle 8,30 avvisandoli la sera prima alle 18 quindi non credo proprio tu possa parlare! Ho sentito il consiglio comunale alla radio e se si sapesse ascoltare la perdita di tempo non è sulla questione terremoto ma su un consiglio comunale con solo quel punto all'ordine del giorno! Dopo una conferenza stampa e un intervento al consiglio credo che siano state date tutte le spiegazioni possibili! Un ultima cosa, quando il sindaco dichiara di aver parlato solo con Pigini di persona perchè lei o la Zoppi non andate a parlarci per avere chiarimenti? Forse perchè non avreste quella copertina che vi piace tanto! Avete tanto di quell'odio dentro che ancora andate cercando chissà che! Qualcuno di voi a Maggio 2014 ha sputato in aria e come si sa alla fine vi è cascato in testa!

    RispondiElimina
  4. Porto Recanati ormai è "persa", perchè non ha più senso delle istituzioni ed etica della legalità. Capisco Argano che si dice stanco di fronte a una situazione del genere e per questa ragione intende prendersi un meritato e giustificato "riposo". Io fare di peggio, sempre con metodo civile s'intende. Addio alla cittadina che ha perso dignità nei suoi rappresentanti, che mercanteggia tutto nel più squallido dei modi, che assolda qualsiasi personaggio per le sue nefande mire. I cacadubbi che guardano il passato non son altro che complici silenti.

    RispondiElimina
  5. Se upp ne ha la forza deve lavorare ai fianchi ogni amministratore,ogni malefatta deve diventare uno scandalo ,costoro devono leggere nelle facce di chi li circonda il disprezzo che prova la gente verso di loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al massimo Upp raccoglie il disprezzo che la gente prova verso di loro ed il nulla di cui sono capaci. 5 anni hanno fatto una opposizione inesistente, non si preparano i consigli comunali facendo scena muta o quasi , non controllano le delibere accorgendosi del burchio a dicembre quando in giunta passava a settembre. Al governo hanno dimostrato ancor più di essere niente e nell'ultima tornata elettorale l'unica cosa che hanno ottenuto è ridare il comune alla Ubaldi.

      Siete come di pietro & co i migliori alleati di berlusconi , che sparito lui sono spariti anche loro.

      Elimina
    2. ..e allora tieniti stretti questi specchiati galantuomini, prima o poi ci saranno briciole anche per te.

      Elimina
    3. UNITI PER PORTO RECANATI2 dicembre 2016 15:31

      Che non le siamo simpatici si era capito; magari se avesse avuto il coraggio di firmarsi ne avremmo anche compreso le ragioni.
      Rimanendo anonimi è più facile scadere impunemente nella delazione ma si ha lo svantaggio di essere poco autorevoli.
      Il valore di ogni affermazione non può prescindere dal valore di chi la pronuncia.
      Comunque poco importa spesso, come dice l’adagio, chi disprezza compra!
      Quanto alla sua opinione sui cinque anni di opposizione non è nostra intenzione contraddirla, anche se crediamo che il giudizio più corretto lo abbiano dato gli elettori facendoci diventare il movimento politico cittadino con più consensi nelle elezioni 2014.
      Anche addebitare ad UPP una scarsa attenzione sulle vicende del Burchio è a dir poco ridicolo. Vorremmo ricordarle che siamo il gruppo che ha raccolto la maggior parte delle firme contro la variante e quello che ha richiesto ed ottenuto la presa di posizione netta nel programma elettorale di “Noi per Porto Recanati” inoltre, il nostro capogruppo è colui che materialmente mise la firma nella delibera di annullamento, anticipando un parere nel merito della questione che ha avuto la meglio al cospetto degli scenari apocalittici prospettati da atri professionisti della politica e non.
      Quanto all’addebito finale di aver ridato il Comune alla Ubaldi nel 2016, le ricordiamo che la consegna delle chiavi di Palazzo Volpini è stata fatta da alcuni che vi governavano presso uno noto studio notarile.
      Uniti per Porto Recanati
      Il Portavoce
      Giampiero Cappetti

      Elimina
    4. Ps dimentichiamoci che ora vi lamentate che vi danno i documenti in ritardo quando VOI questa prassi la avete stra abusata !

      Elimina
    5. Strà abusata in neanche un anno di governo in confronto a chi ha governato per 15 anni e si appresta a farlo per altri 5? Prima di parlare accertati di aver collegato il cervello

      Elimina
    6. non dovevate essere VOI il comabiamento ? eh ... avevate subito preso tutte le peggiori abitudini di chi tanto odiavate.

      Elimina
  6. Il conflitto d'interessi della licenza dei taxi,farebbe arrossire anche al miglior Berlusconi,e questo è palese.Ma che il pubblico in sala(vedi Lorenzo Gaetini n.d.r),me se mette a discore come se fosse in una qualsiasi bettola di 3a categoria,onestamente non mi sta bene.Le cose giuste bisogna dirle,mai vista una cosa del genere.Questo perchè la gente è abituata a sparare le cazzate su FB,e così si sente legittimata anche di fare la voce grossa contro le istituzioni,senza rispetto alcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami ma non riesco a capire quale sarebbe stato il conflitto di interesse sul fatto che Sampaolo presentasse personalmente il regolamento per la concessione delle licenze per taxi. Premesso che lui la licenza la ha dal comune di Recanati ma lavora anche a Porto Recanati il suo interesse sarebbe quello di non dare altre licenze in modo da avere meno concorrenza. Sampaolo invece avrebbe dovuto presentare il nuovo regolamento sulla concessione di altre licenze cosa che va contro i suoi interessi. Inoltre se eri presente alla discussione avrai notato che da parte di Città mia vi è stata una forte opposizione contro la presentazione del regolamento adducendo come scusa che a Porto Recanati non ci sarebbe lo spazio per una nuova licenza. Mi sembra che in tutto questo ci sia una certa contraddizione in quanto tu asserisci. Sampaolo stava andando contro i suoi interessi che invece erano difesi dall'opposizione. Tutta da ridere poi la presa di posizione di Città mia sul trasferimento/restituzione delle licenze

      Elimina
    2. Diciamo che se tu fossi possessore di una licenza televisiva, immagino che non gradiresti che il regolamento per le TV fosse scritto da Cairo o Berlusconi.
      Che possiedono licenze TV.
      O no?

      Elimina
    3. Il regolamento sulle licenze dei taxi non è stato scritto da Sampaolo ma è un compendio di leggi che regolano la materia. Sampaolo lo avrebbe solo illustrato

      Elimina
    4. A maggior ragione: ci voleva tanto non nominare come relatore del regolamento Sampaolo? La maggioranza non lo poteva capire da sola che si trattava di una cosa inopportuna? Se lo doveva far dire dall'opposizione?

      Elimina
    5. Spiegami che catastrofe sarebbe successa se a leggere qualche articolo di un regolamento fosse stato Sampaolo piuttosto che il sindaco. Ci si può attaccare a tutto ma non mi sembra che la cosa fosse essenziale per il buon proseguimento del consiglio. Non hai niente da dire sulle illazioni fatte dalla Grulli su Sampaolo per le casette natalizie che poi hanno portato alla reazione di Sampaolo? Ascolta la registrazione del consiglio comunale e ti renderai conto di come sono andate le cose

      Elimina
    6. Va a finire che tu sei proprio Sampaolo che difende Sampaolo....
      E se Sampaolo non ha capito prima, è difficile che possa capire dopo.
      Il problema è che intorno a lui, qualcuno avrebbe dovuto spiegargli la terminologia e i metodi idonei per un Consiglio Comunale.....
      Peró dai: FIRMATI - Sarebbe più onesto....

      Elimina
    7. Sampaolo Roberto4 dicembre 2016 13:14

      Gentile Argano, non sono io che scrivo questi commenti. Io ho un Tablet(che sto usando ora) e un PC che uso per inviare email o altro. Visto che ho inviato tempo fa dei comunicati o ho commentato alcuni post ti sarà facile verificare i miei indirizzi IP. Volevo inviare un comunicato perché sono state dette tante cose non veritiere e prive di fondamento,ma sarebbe stato inutile perché la campagna elettorale non è mai terminata e qualcuno non ha ancora digerito il risultato elettorale.Il regolamento taxi lo poteva illustrare un altro consigliere? Non ho bisogno di questi sotterfugi,non c'era niente da nascondere e sono stato io a chiedere al segretario comunale se ero compatibile o no a trattare l'argomento. Alla richiesta di Giri(persona per cui nutro una profonda stima) ho accettato di non partecipare alla discussione e alla votazione per dovere istituzionale.Caro Argano io la faccia ce la metto sempre,nel bene e nel male,non ho bisogno di commentare da anonimo così come non ho bisogno di nascondere niente. Quello che è successo e detto in Consiglio Comunale è tutto registrato, mi dispiace solo che qualcuno ha commentato senza essere informato ma questo fa parte del gioco.Personalmente non mi piace essere al centro dell'attenzione ma sono sereno,ti sembrerà strano ma ho ricevuto tanti attestati di stima anche da parte di persone che politicamente la pensano diversamente da me. Poi avere qualche fans in questo blog non è la fine del mondo. Con simpatia e cordialità. Roberto Sampaolo

      Elimina
  7. Da quanto ho capito sulla materia è stato tirato in ballo, durante il Consiglio Comunale, il Segretario Generale Massi. Il quale si è difeso dicendo che la licenza di Sampaolo era stata rilasciata dal Comune di Recanati. Io penso che a volte, per non scatenare polemiche, basti un po' di buon senso. Tutti sanno che anche se Sampaolo ha la licenza rilasciata dal Comune di Recanati, poi di fatto operi spesso nel nostro Comune. Proprio per questo, fossi stato il sindaco, avrei chiesto a Sampaolo di alzarsi preventivamente allorchè in Consiglio Comunale si discuteva quel punto, e lasciare l'aula per quel frangente. Per evitare che, come successo, il tutto assumesse toni poco carini, soprattutto dopo le frizioni che ci erano già state. Ecco, questo sarebbe stato un segno di attenzione verso le minoranze. Una sensibilità istituzionale. Un dimostrare qualcosa che unisce e non divide. E non ci voleva molto a capirlo.

    RispondiElimina
  8. Per esprimere giudizi bisognerebbe partecipare all'evento di cui si parla. I toni poco carini non sono scatturati dalla discussione sul regolamento per le licenze dei taxi discussione alla quale Sampaolo non ha neanche partecipato su richiesta di Giri. Le cose poco carine sono successe quando si discuteva sulle casette natalizie

    RispondiElimina
  9. Gentile Argano, "fare il Sindaco" comporta anche la capacità di comprendere cos'è una istituzione pubblica come il Comune, quale funzione e quale dignità debbono avere i suoi organismi, quale ruolo di garanzia vanno richiesti a figure come quella del Segretario comunale. Si tratta, in sostanza, di quel talento in più che segna la differenza tra un VERO amministratore pubblico e un mercante di paese feudale. Quando le liste elettorali si formano avendo come bussola la preoccupazione di raccogliere attorno a sè gruppi d'interesse di scarsa trasparenza e che puntano solo al proprio tornaconto, allora si alza il rischio che alla guida di un Comune finiscano persone che, bene che vada, si muovono con metodo paternalistico e non certo oggettivo. Alla fine è tutta la comunità a pagare.
    Ad majora!

    RispondiElimina
  10. La mancanza di stile evidenzia la personalità dei componenti il consiglio .Manca anche lo stile anche nei Cittadini astanti il consiglio è questo sommati ai consiglieri evidenziano un paese di persone egoiste,maleducate e prevaricatori della democrazia.
    Questo è quanto ci meritiamo ,

    RispondiElimina
  11. Caro Sampaolo, apprezzo la pacatezza della tua risposta. Mi permetto di farti osservare che se una persona gode della tua stima, devi essere capace di mantenere la stessa pacatezza anche in Consiglio Comunale.
    Per quanto riguarda la questione del (presunto) conflitto di interessi resto testardamente della mia opinione: ci sono motivi di opportunità (politica, istituzionale, relazionale) che dovrebbero spingere un politico a fare un piccolo passo indietro in certe occasioni. Per me, la questione regolamento taxi, era una di queste.
    Poi che devo dirti, io non ho mai ricevuto tanti attestati di stima quanti ne ho ricevuti dopo aver scritto il POST "Vi ha votato il 13%" - Per cui, come potrai capire, tutto è relativo...

    RispondiElimina