QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 7 dicembre 2016

CITTA' MIA: MOZIONE CONTRO LE SLOT

Ricevo e pubblico da Città Mia:

Porto Recanati 05-12-2016
Gruppo Consiliare Città Mia

Alla c.a del Sig.Sindaco Roberto Mozzicafreddo
Alla c.a dell’Assessore Fabbracci Pierpaolo
Oggetto: Mozione “NO SLOT – BUONA VITA”
I sottoscritti Consiglieri Giovanni Giri e Giancarla Grilli
Premesso che:
  • Da molti anni è possibile trovare in tutto il territorio comunale nei bar, tabacchi e sale scommesse le slot macchine, dispositivi elettronici che consentono vincite in denaro;
  • Questi dispositivi hanno oramai sostituito ogni tipo di altro gioco;
  • Tantissime persone giocano decine/centinaia di euro giornalmente, diventando cittadini con problemi di ludopatia;
  • Le persone che sono più a rischio la maggior parte delle volte sono individui appartenenti a famiglie con problemi economici che pertanto vivono giornalmente un realtà terrificante causata dalle problematiche che nascono a causa del gioco d’azzardo;
Visto che:
  • Chi gioca è spinto anche dalla compulsività che lo porta a giocare a qualsiasi ora e per diverse ore;
  • Molte persone che si trovano in difficoltà economica, che non hanno una occupazione stabile, sono spinte a giocare con l’illusione di poter risolvere momentaneamente i loro problemi economici;
  • Gli uffici dei servizi sociali del nostro Comune ogni giorno si trovano di fronte persone che cercano un aiuto economico anche a causa di questa piaga;
  • Che le persone con problemi di ludopatia diventano un problema sociale a carico di tutta la collettività al punto che la dipendenza è riconosciuta come malattia anche dallo Stato che stanzia ogni anno milioni di euro per combatterla;

Chiedono al Sindaco e alla Giunta:

  • Di promuovere una campagna di sensibilizzazione organizzando eventi informativi nei confronti della popolazione e progetti che coinvolgano le scuole;
  • Di predisporre un numero verde per la segnalazione di casi di particolare gravità per aiutare tramite i servizi sociali tutte quelle persone che vorranno essere aiutate una volta contattate;
  • Di predisporre un bando per i ragazzi sotto i 18 anni per la realizzazione di una brochure da poter distribuire in tutti i locali della città e da distribuire in tutti i luoghi di aggregazione.
  • Di considerare l’attivazione di una politica che premi, attraverso agevolazioni fiscali, gli esercenti che si impegnino a non installare slot machine - video lottery nei propri locali, o a rimuovere quelle installate, per un periodo di almeno cinque anni;
  • Di prevedere nella stesura del prossimo bilancio comunale risorse per finanziare tali iniziative;
  • Di creare un’apposita pagina sul sito web del Comune che segnalerà gli esercizi commerciali aderenti al progetto;
  • Consenta pubblicità gratuita del locale in occasione delle manifestazioni promosse e patrocinate dal Comune, agli esercizi commerciali che rimuoveranno dai propri locali o che non le hanno installate;
  • Di far rispettare la distanza minima dei 500 metri dai punti di aggregazione, scuole o altri luoghi frequentati da giovani;
  • Di limitare l’orario di funzionamento dalle ore 10.00 alle ore 22.00

I Consiglieri
Giovanni Giri
Giancarla Grilli


5 commenti:

  1. Finalmente si affronta il problema.

    RispondiElimina
  2. bene era ora che qualcuno sollevasse questo grave problema!

    RispondiElimina
  3. Non seguo direttamente la politica locale,non avendo molto tempo, ma su questo blog leggo spesso che qualcuno si lamenta e chiede dove siano e cosa facciano le opposizioni. Mi pare che qualcuna di queste stia legittimando il proprio ruolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo si chiama "commento tattico "

      Elimina
  4. Concordo con città mia, moralmente parlando. Concordo coi commentatori che approvano e apprezzano la proposta. Ma faccio l'avvocato del diavolo. Perché' il comune dovrebbe incentivare i locali senza slot quando e' lo stato che le permette traendo pure profitto? Perché io dovrei togliere le slot da cui traggo profitto lecito e sono da traino al mio bar? (non possiedo bar, lo sottolineo). Perché io cittadino devo pagare coi miei soldi (provengono dalle mie tasse che pago!) brochure e sostegni? Perché io "malato di slot" devo avere la privacy violata e dunque additato come giocatore cronico? Le slot sono come il superenalotto, il lotto o i gratta&vinci... Proponete una campagna del genere pure a tabaccai, lottomatiche e altri...sai che dissenso!!!! Bel progetto ma, siate seri e reali

    RispondiElimina