QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 31 agosto 2016

TAFAZZI

Mi sono fatto i conti della serva. E penso che a 36 ore dall'esposizione, il famoso volantino ritratto in foto e pubblicato sui social e sui siti on line di informazione abbia raggiunto tra le 300 mila e le 350 mila persone con effetto spam ancora in corso e impossibile da fermare.
Ora siccome la città si è spaccata (direi purtroppo) tra chi pensa che chi abbia attaccato quel manifesto abbia fatto bene a farlo e chi invece pensa che esporlo e pubblicizzarlo sia stato un grave errore, invito le due fazioni a pensare sugli effetti collaterali che il volantino ha provocato e provocherá e non su quello che lo stesso descriveva.

Tutte le localitá turistiche mettono in azione costose campagne di marketing pubblicitario per farsi conoscere in Italia e all'estero.
Lo fanno per attrarre visitatori, ovvero prodotto interno lordo, ovvero un generale benessere dei cittadini.
Spesso queste campagne pubblicitarie tendono ad abbellire posti che di bello hanno poco. Ma se vendo un prodotto è logico che io debba fare di tutto per fartelo acquistare.
Da noi nelle ultime 36 ore, una persona che i carabinieri stanno cercando, tra gli olè di mezzo paese e di chi ha avuto responsabilità di governo cittadino, ha messo in atto una azione di pubblicità negativa alla nostra città. Lo ha fatto descrivendo fenomeni realmente presenti mi direte. Vero. Ma ha contribuito in modo determinante a mettere in atto la più terribile campagna di marketing contro una località che con il turismo in gran parte ci mangia. O vorrebbe mangiarci.
Chi vi scrive, lo preciso per evitare i malintesi, non ama gli eccessi. Non pensa infatti che le nostre acque siano simili a quelle dei Caraibi. Non pensa che Portò Recanati sia il paese del "tutto sole, tutto mare, tutto divertimento" come il principale quotidiano locale sostiene nei giorni pari e in quelli dispari prima e dopo i pasti.
Ma pensa comunque che darsi le mazzate sulle parti basse alla Tafazzi e apprezzare questo gesto fino ad esaltarlo, sia tipico di un paese cieco. Che antepone la polemica e la visibilità personale al bene comune.
Per cui invito tutti coloro che stanno inondando Facebook con dichiarazioni a difesa del folle espositore di cartelli direzionali ad un approfondimento che più o meno suona così: se l'anno prossimo non riuscirete ad affittare la casetta che i vostri genitori vi hanno lasciato in eredità, se l'anno prossimo il vostro bar dovesse ridurre drasticamente le vendite, se l'anno prossimo il vostro fatturato stagionale dovesse crollare, se l'anno prossimo vostro figlio che lavorava stagionalmente dovesse rimanere a casa, pensate a quel famoso cartello.
E tutti in coro dite: CHE PIRLA CHE SIAMO STATI!!!!

53 commenti:

  1. Falaschini Quirino31 agosto 2016 11:35

    Condivido tutto!

    RispondiElimina
  2. Argano, premetto che anche a me non piacciono gli eccessi.
    Ammettiamo che scoprono chi ha affisso quei volantini, cosa gli / le farebbero?
    Rischia qualche denuncia? Processo mediatico? Su FB e siti di informazione locale i commenti sono moltissimi. Ma sarebbe bello vedere quanti di quei commenti (positivi o negativi), provengono dai Portorecanatesi. Sicuramente si potrebbe fare meglio per cercare di contrastare questo degrado sempre rispettando le leggi nazionali che purtroppo non sono molto efficaci in questi casi. Il manifesto non è altro che un'esternazione di un pensiero di una persona che vuol far notare di più questo problema che E' PRESENTE in questa cittadina. Certamente ha usato una forma diretta e provocatoria, ma anche quando i vari giornali riportano gli episodi della pineta, royal, house, river......non mi sembrano che usano tante paroline dolci verso la nostra città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il post non è stato scritto per capire cosa rischi chi ha esposto quei cartelli. Ma per analizzare le conseguenze di quel gesto. Questo non significa che io mi metta le fette di prosciutto agli occhi e non veda quello che è evidente nella nostra cittadina. Dico solo che da queste iniziative "spartane" a volte nasce un tam tam mediatico a mezzo Social Network che diventa virale. E pericoloso per la sua potenzialità di diffusione.

      Elimina
    2. Anche quest ' anno il bilancio di chi vive di turismo è molto peggio degli anni passati.se il prossimo sarà catastrofico i colpevoli non saranno gli autori del manifesto,ma piuttosto gli amministratori che decidono la politica e la veste in cui il paese si è presentato ai turisti;gli stessi amministratori che adesso cercano di passare per vittime agli occhi degli sprovveduti buttando la colpa su terze persone ininfluenti sul degrado a cui abbiamo assistito e che non finirà qui.

      Elimina
    3. Oh, quando si dice uno che non parla (e scrive) per partito preso!

      Elimina
  3. Qui non si tratta di essere Tafazzi. La questione della pineta è un problema serio, inutile minimizzare e non solo per il turismo. Al di là di tante chiacchiere, gli amministratori locali debbono prendere il toro per le corna, come si dice e pianificare un'azione capace di adottare tutti gli strumenti possibili per risolvere il problema, magari copiando ciò che hanno fatto altrove. Ad esempio, è impossibile installare un divieto di sosta e fermata per i veicoli lungo tutta la strada che costeggia la pineata (chiaramente con controlli assidui e costanti da parte della polizia municipale)? Se ci sono abitazioni abbandonate, non è possibile provvedere alla loro demolizione di autorità? Insomma, mobilitarsi con efficacia non è impossibile, abbandonando la logica del "ci devono pensare altri".
    Se poi si vuole nascondere il problema sotto il tappetto per non dare una cattiva immagine, beh allora è un altro paio di maniche. Sufficiente però a ipotizzare che di chi vive e lavoro tutti i giorni dell'anno a Porto Recanati, ai responsabili pubblici (e loro supporter) non gliene frega una beata mazza.

    RispondiElimina
  4. Quindi la colpa è di chi dice che ci sono le Mignotte e non di chi lascia che queste ci rimangano, giusto? Se non c'erano le mignotte non c'era manco sto cartello.

    Inoltre il cartello è ingannevole! riporta la bandiera blu che porto recanati non ha!

    RispondiElimina
  5. Poi strano tutto questo putiferio per un cartello lo scorso anno a Rete4 è andato in onda un servizio su dalla vostra parte sull'house con tanto di accoltellamento prima della diretta. di solito un paio di milioni di persone la vedono! Fossi un turista non verrei a Porto Recanati manco morto...

    Se fare turismo è nascondere i problemi gravi del paese, dire che un mare putrido è come i caraibi... ok continuiamo così!

    Se non è il cartello oggi sarà l'accoltellamento di domani , la sparatoria tra un mese , i morti di overdose il prossimo anno , i casi di scabbia del prossimo anno , i regolamenti di conti di spacciatori a capodanno ecc ecc

    Il turismo si fa risolvendo i problemi non prendendo per il cu.lo i turisti dicendogli che va tutto bene !

    Il paese è un MERDAIO e non si riesce più a nascondere!

    Il cartello è una forma estrema , ma non vedo differenze di quandosi vedono sui giornali i continui blitz antidroga ...

    RispondiElimina
  6. Attilio Fiaschetti31 agosto 2016 13:24

    Ma basta andare su facebook e trovare notizie di fatti gravi o gravissimi che avvengono in città. Non servono due cartelli a sputtanare una città e se le case non si affittano incominciamo a regolarci con gli affitti e incazzarci con gli altri comuni che non hanno i depuratori. Solo oggi i siti di informazione riportano 3 fatti di cronaca e noi ci preoccupiamo dei cartelli direzionali. Non condivido Argano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fiaschetti mi sai dire dove se Hotel house ,hotel pineta è collegato al depuratore?Mi fa sorridere vedere la capitaneria di porto fare prelievi alla foce e non nei collettori lungo i fiumi .

      Elimina
    2. fiaschetti attilio31 agosto 2016 19:51

      Hotel house ha le fosse settiche che qualcuno dovrebbe svuotare. Lo fanno? Chiedi a chi di dovere e incomincia a preparare i soldi per pagare perchè l'italspurgo non ci va gratis.

      Elimina
    3. Io non abito al hotel house vivo in centro se fai politica attiva e bene che facesssi dei controlli vedo che sei molto attento fammi sapere grazie.

      Elimina
  7. Ripeto a tutti che non ho le fette di prosciutto o di mortadella negli occhi. Che sono consapevole dei problemi. Che devono essere affrontati prima ancora che dalla nostra amministrazione Comunale dalle istituzioni sovraordinate.
    Il post parla d'altro. Se sto parlando con non capenti non posso farci nulla.

    RispondiElimina
  8. In sintesi credo che il tuo errore sia collegare la possibile diminuzione dei turisti con il cartello più che con il comportamento di chi ci amministra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In sintesi, io ho fatto un discorso di marketing turistico che tu non hai capito. Se la realtá dei fatti in quelle zone potrebbe far scappare turisti, un cartello come quello, visualizzato un milione di volte, potrebbe non farne arrivare di nuovi. A prescindere da tutte le azioni che si potranno mettere in atto per arginare, limitare, debellare quei fenomeni.
      Ma sè questa cosa non la cogliete, va bene lo stesso. I social hanno la caratteristica inoltre di far mettere la faccia a chi sostiene o promuove queste azioni. Nel caso in questione, il tipo, in piena notte ha attaccato cartelli anonimi ed è scappato.
      Si vergognava pure lui di quello che ha fatto?

      Elimina
    2. Il marketing turistico lo potrebbe programmare un'amministrazione che abbia le carte in regola...e ho detto tutto!

      Elimina
    3. I bagnanti venivano a Porto Recanati per fare il bagno anche se l'affitto delle case era alto oggi il bagno al mare non si può fare quindi il turismo è finito .

      Elimina
    4. se cerchi bene, c'è un balneare dove l'acqua del mare è più pulita di quella della sardegna,c'è tanta bella gente sempre sorridente e felice di poter stare a contatto con la lupa di mare.

      Elimina
    5. Puoi trovare anche un Don che da' della sirenetta a chi è in posa. Le comiche

      Elimina
    6. Siete veramente patetici!

      Elimina
  9. se l'anno prossimo non riuscirete ad affittare la casetta che i vostri genitori vi hanno lasciato in eredità, se l'anno prossimo il vostro bar dovesse ridurre drasticamente le vendite, se l'anno prossimo il vostro fatturato stagionale dovesse crollare, se l'anno prossimo vostro figlio che lavorava stagionalmente dovesse rimanere a casa....LA COLPA È DI CHI CI AMMINISTRA E NON HA SAPITO RISOLVERE I PROBLEMI....e non è di una persona esasperata che è arrivata ad un gesto cosi eclatante DOPO ANNI che nessuno ha risolto nulla.ha fatto benissimo.... altro che Tafazzi...nascondere i problemi ai turisti è una truffa a cui io non voglio sottostare....cosa pretendiamo turismo, profitti se non siamo in grado di preservare la nostra dignità...da cittidini in primis? #iostocoltrasgressore

    RispondiElimina
  10. Nascondere la polvere sotto il tappeto ecco di cosa stai parlando, ma noi cittadini siamo stufi, di vivere nel degrado in cui siamo lasciati.
    Quelli che lo governano ora, dicono che questo è un paese per famiglie, almeno siano coerenti con il loro pensiero e lo rendano sicuro.
    Se non ne sono capaci, che si facciano da parte, sono al governo da quasi 100 giorni.
    Oppure applicate il divieto di utilizzare i social come fanno in cina così state belli tranquilli e possiamo continuare a vivere tra prostitute e tossici.

    RispondiElimina
  11. Finalmente grazie a Tafazzi se ne parla un p'ò di più , ma il problema è come arginare il fenomeno, non il perché è cosi.
    Arginare ,serve un programma di gestione dell'area, un coinvolgimento maggiore delle forze dell'ordine e di quì mi collego alla pianta organica dei Vigili Urbani, sottodimensionata e di età media alta ed è questo il primo gradino da risolvere , perché se il Paese ,la gente non vede una divisa che gira, staziona , fà domande , si sente abbandonata.
    Il gestire la Pineta Comunale , non è il solo titolo ma anche il decoro la pulizia, l'organizzare la gestione con strutture di volontariato , o in ultima analisi venderla cosi il privato si organizza meglio de pubblico e vedrete che tanti personaggi strani girerebbero di meno.
    Tafazzi grazie che ci incominci a far parlare seriamente di uno dei grandi problemi del nostro paese.

    RispondiElimina
  12. Ma che problema è? Volete che vi dica quante prostitute ci sono a Porto Potenza, a Numana, sotto Loreto, a Recanati per non dire a Civitanova, Porto Sant'Elpidio e Porto San Giorgio ? Solo per i più vicini e solo per quelle che tutti possono vedere per strada. Forse perchè ce ne sono molte di più non è necessario mettere i cartelli!!! Qui da noi nei periodi di massima frequenza (abito in via della repubblica e ci passo più volte al giorno) sono massimo una decina. Saranno un problema 10 puttane? Sì sono un problema perchè sono grasse e brutte e fanno pena quelli che in bicicletta dal centro le vengono a trovare, quelli che si guardano intorno quando le fanno salire in auto e poi sgommano per non farsi vedere. Ma quanto sono brutte le loro mogli per preferire queste? E a me che ci abito ha fatto molto più male il cartello che le signorine. E sugli altri fatti di cronaca, ma leggete solo la pagina di Porto Recanati o il vostro cervello arriva a farvi leggere anche quello che succede in giro. Io mi convinco sempre di più che quello che abbiamo come problema vero è la testa di tanti. Gli altri di stesse teste ne hanno di meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi siccome le puttate stanno dappertutto allora va bene che stiano anche qua...ahahaha!!! mai sentito parlare di comuni che hanno risolto il problema? per te sono da esempio o da additare? ma te parli di testa.....te....ahahaha

      Elimina
    2. Se il problema l'avevano risolto, io non avevo scritto quello che tutti possono verificare. Il problema lo puoi spostare, non risolvere finchè ci stanno donne che si danno e uomini che comprano. Vai in comune a dire quali sono i comuni che conosci e digli di fare lo stesso. Se lo scrivi qui non serve a niente. Oppure è una ca...ta quella che hai scritto

      Elimina
  13. Il manifesto in questione denuncia un degrado sociale, reale e visibile, non diffama nessuno, semmai rimprovera la scarsa attenzione al problema.
    Se il fatturato dal turismo cala non diamo la colpa a chi denuncia pubblicamente il degrado ma a chi non fa qualcosa per arrestarlo.
    Cosa rischia l'autore?
    Al massimo una sanzione amministrativa per non aver ottemperato agli oneri di pubblica affissione del manifesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio. Associa in foto le facce di sindaco e vicesindaco a spaccio di droga e prostituzione. Io fossi in loro, se si individuasse il colpevole, una querela per diffamazione gliela farei....

      Elimina
  14. È inutile chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. Lo hanno visto tutti quel cartello? Bene, il (vice) sindaco Ubaldi e la sua amministrazione hanno tempo fino a Pasqua, quando si comincia a preparare la stagione estiva, per sbugiardare l'autore. Non per rivelare a tutti chi è, che sa di sterile vendetta, ma per risolvere le cose. A Pasqua metterete dei cartelli che indicheranno a dx giochi per bambini, a sinistra bocce, al centro area pic nic? Farete vedere a tutti che grazie a voi la Pineta è il polmone verde e vivibile di una città turistica per famiglie? Vedrete che i social lo renderanno virale come è più di questo! Il problema è che le polemiche non costano altrettanta fatica ed impegno... Io con fiducia aspetto il cartello di Pasqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo aspettiamo tutti il cartello di Pasqua. Il problema che ho provato ad esporre, ma che penso in pochi abbiano capito, è che se riuscissimo a piazzare il cartello di Pasqua che tu auspichi di noi pure, a Maggio dell'anno prossimo qualcuno potrebbe digitare su Google "Porto Recanati" e vedersi restituire come primo risultato il cartello in questione....

      Elimina
    2. Mi dispiace Argano che in pochissimi abbiano colto il tuo pensiero e abbiano invece minimizzato l'effetto devastante che un manifesto come quello puo' portare al nostro paese. In tanti anche in altri social, hanno malauguratamente attaccato le forze dell'ordine che invece cercano tutti i giorni di difenderci frenati dalla crescente penuria di uomini mezzi e da leggi che purtroppo vanificano i loro sforzi. Alcuni esaltano l'autore di questo gesto....io lo metterei piuttosto sullo stesso piano di coloro che con enfasi nei social postavano foto dei cartelli con su scritto "Divieto di Balneazione" a Porto Recanati e quando andavi a cliccarci sopra erano dell'anno precedente, oppure la notizia dei 40 bambini intossicati dopo aver fatto il bagno apparso questo'anno, anche questo verificatosi l'anno scorso e a Civitanova Marche. Sinceramente mi auguro che non si verifichi quello che hai previsto, perchè altrimenti sarebbero veramente guai per tutti, e non solo per chi col turismo ci vive. Ricordatevi che una foto come quella diventa virale e in poco tempo fa il giro del mondo....

      Elimina
    3. Argano, se scrivi un post e viene fuori che tutti i commentatori non capiscono, non ti viene il dubbio che per una volta quello che non ha capito sei tu? Detto bonariamente, sarebbe come quel vecchietto che va in autostrada e telefona al 113 per avvertire che tutti vanno contromano. Questo lo scrivo con immutata stima per il tuo impegno, ovviamente!

      Elimina
    4. Non posso ricambiare la eventuale stima perchè purtroppo non hai le palline per firmarti, per cui non posso stimare un anonimo.
      In sintesi: io ho scritto nel post che dovevamo analizzare gli effetti collaterali del volantino a prescindere dal contenuto dello stesso.
      È una frase scritta in un italiano abbastanza chiaro. La domanda è: tu l'hai capita?

      Elimina
    5. Gli effetti di un volantino sono INDISSOLUBILMENTE legati al contenuto. Mi sembra elementare. O contano il formato, il colore, il carattere tipografico, l'impostazione grafica?

      Elimina
    6. si ma allora tu non hai capito il gesto del 'folle' se fai un'analisi cosi superficiale..... certo che é pubblicità negativa....è l'obbiettivo della provocazione....ma tu, hai capito perche si è costretti ad arrivare a questo punto? capisci che si nel breve puo portare disappunto ma nel lungo, visto il clamore, forse puo portare ad un dibattito definitivo? capisci che sono gia passati decenni con questo problema? capisci che mai nessuno fara nulla? capisci che a porto recanati non ci sono solo operatori turistici ma anche cittadini con una propria dignita? facile a dire a tutti che non capiscono....ma tu.....capisci?

      Elimina
    7. Anonimo delle 09,30. Io ho parlato di "effetti collaterali" del volantno. Sai leggere?

      Elimina
    8. Anonimo 11,19, io sono contrario agli spargimenti sensazionalistici di merda sulla mia città. Lo hai capito? Non è con un gesto folle e vigliacco che si ottengono i risultati. Quei problemi ci sono da anni. Pensi veramente che li risolverà il volantino di un decerebrato che ha sputtanato una città?

      Elimina
    9. Comunque ho capito: qualora tu dovessi avere un problema di carattere sociale nel tuo quartiere hai già la soluzione pronta: paghi un sicario che attacca cartelli di notte in cui descrive con le frecce, il problema in questione. E il giorno dopo, il tuo problema, svanirà.....

      Elimina
    10. Argano senza offesa, non ce l'ho con te personalmente...non so manco chi sei quindi è come se stessi parlando con un anonimo...quale sono io; sto solo facendo notare che la gente non è cosi stupida come volete far notare... ho solo evidenziato che se noi non capiamo certe cose allora nemmeno voi...quindi è il concetto di "capire" che è sbagliato, quando in realtà si tratta solo di vedute diverse...poi se per voi il cartello è un danno irreparabile per me non lo è...quindi? chi capisce di più? secondo voi verrà meno gente per il cartello l'anno prossimo? oppure perché stiamo già subendo un degrado TOTALE da ogni punto di vista? ecco, allora se c'è da sparare E' MEGLIO FARLO ORA CHE STIAMO TOCCANDO IL FONDO SU TUTTO...e chi ha compiuto il gesto sono convinto che non se n'è uscito cosi per gioco ma ha ben capito che fine sta facendo porto recanati... e tu caro Argano (ti seguo spesso e condivido spesso con te, soppratutto su temi politici) sai benissimo che questo problema non si risolverà mai se si continua cosi. come vedi comunque un ragionamento te lo so mettere in fila, quindi nemmeno rispondo ai tuoi esempi cosi superficiali che mi stupiscono per la secondo volta... ma da chi si erge ad aver capito tutto e di avere la ragione totale (senno non si direbbe agli altri che non si capisce) allora forse non è più il caso di stupirsi. l'intento del mio post non era far prevalere la mia visione sulla tua, ma farti notare che, se uno vuole puo dire che chi non ha capito sei tu,...cosa che poi non avrei mai scritto se il tono usato "di non capire" non fosse stato usato a quelli che la pensano diversamente come me... secondo te non ci arrivo che leggere che a porto recanati c'è degrado è una cosa negativa? secondo te conta solo questo? conta solo il profitto dell'anno prossimo? DILLO SE E' COSI. Ma non dirmi che senno qua non si mangia, senno non si affita e metterla sul drastico come fa Renzi per il referendum...se il paese è diventato uno schifo c'è da dirlo per cambiare...e non tenerselo per noi e annaspare turisticamente ogni anno... qil tuo discorso è coerente nei primi anni...ma quando dopo decenni vedi che nulal cambia...allora il tuo discorso non sta più in piedi..e purtroppo ne è questo il caso.secondo te non si risolverà col cartello? forse... ma visto l'eco mediatico almeno l'attenzione sul problema è stata catturata...questo secondo te è negativo o positivo? e secondo te, poi chiudo... un gesto del genere è fatto da una persona esasperata o da un burlone? ecco, se qui potrebbe nascere un dubbio, a priori, dobbiamo anche pensare che potrebbe essere una persona esasperata...invece la si butta subito sul burlone/mascalzone/malintenzionato/denigratore...e no, allora no, non mi stanno bene questi ragionamenti intellettualmente disonesti... chi ha rischiato (perché si rischia) potrebbe essere un cittadino comune, non lo si deve escludere a priori..ed il sindaco e la giunta, anziché perseguirlo, dovrebbe tutelarlo....COSA CHE NON STA FACENDO.

      Elimina
    11. Anonimo caro, io non so chi tu sia, mentre tutto il paese sa chi sono io (meno te). Precisato questo dico che ho appreso il tuo quintale di panegirico. Pertanto da ora in poi consiglieró, in ossequio alle tue teorie, a tutti quelli che hanno un problema sociale da portare all'attenzione delle istituzioni o delle forze dell'ordine di incappucciarsi la notte con robusti passamontagna e attaccare cartelli direzionali su tutte le vie del paese che evidenziano quel dato problema.
      Consiglio altresì peró di cambiare la segnaletica in ingresso alla città e sostituirla con un - PORTO RECANATI - PAESE Di GENTE IN PASSAMONTAGNA CHE PER RISOLVERE I PROBLEMI ATTACCA CARTELLI NEI PALI DELLA LUCE.

      Potremmo divenire per questo una attrazione turistica e risolvere tutti i problemi.

      Avevamo il problema. Ora, grazie a te abbiamo anche la soluzione.

      Elimina
  15. gioacchino di martino31 agosto 2016 17:39

    Avendo lavorato per una vita nel mondo della comunicazione ho capito e condivido in toto quanto scritto nel pezzo di apertura. Leggendo i commenti, sia su questo blog che in altri siti, non posso però che prendere atto che, ormai, nell'opinione pubblica cittadina una cosa viene giudicata negativa o positiva soltanto rispetto al clan di appartenenza. E questo, forse, è molto più pericoloso dei danni che commette il Tafazzi di turno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo in toto. Il vero danno al paese lo fanno queste prese di posizione "interessate". Per quanto riguarda poi la prostituzione invito a leggere questo sito:
      http://www.ilquotidianodellapa.it/_contents/news/2015/ottobre/1445106972122.html

      Elimina
  16. La rete internet ha le sue regole e un paese turistico deve conviverci e piegare a suo beneficio se ne è capace.se minaccia querele e lotta contro i mulini a vento 2.0 è fuori dai giochi, gli conviene buttarsi sul turismo russo a sei stelle!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui non si fa guerra al Web ma ad un decerebrato che non ha capito il danno che faceva, al di là della falsa estasi data dal fare il manifesto.

      Elimina
  17. La libertà di stampa come a cuba,lo spaccio di droga come in Colombia,la prostituzione come a santo domingo ...come essere ai Caraibi!

    RispondiElimina
  18. Non è questione di clan di appartenenza e credo che il post sia stato compreso ma non molto condiviso. È che, al di là dell'effetto amplificato che il cartello in questione ha avuto, le reazioni di chi amministra (giocoforza i problemi ricadono su di loro) fanno arrabbiare più del cartello stesso! Forse non si è pensato abbastanza alle conseguenze del gesto ma il cartello è di fine agosto e il calo dei turisti è iniziato prima quindi pare un po' semplicistico da parte dell'amministrazione scaricare via via le colpe sui divieti di balneazione o sui cartelli o sui social. Ci vorrebbe anche qualche segno tangibile di cambiamento che finora è mancato. La pagina delle "buone notizie di Angelica" di Sdrogio ha proprio evidenziato questa realtà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aprendo Google uscivano fuori gli articoli del bugiardo' che urlava il degrado del paese sotto la passata amministrazione;adesso si snella le mani ad elogiare quella in carica e non vede nessun problema...

      Elimina
    2. Aprendo Google uscivano fuori gli articoli del bugiardo' che urlava il degrado del paese sotto la passata amministrazione;adesso si snella le mani ad elogiare quella in carica e non vede nessun problema...

      Elimina
    3. Ancora 'sta nostalgia del turismo stile "Riviera romagnola anni '60 (del secolo scorso, chiaro)"? Qualcosa di più moderno e attuale non è proponibile? Capisco che in questa stagione ci sono tanti cui è rimasta sul gozzo la seconda (terza, quarta, quinta...) casa/miniappartamento d'affittare ai villeggianti, ma il turismo è fatto di tanto altro. Compresi decoro cittadino e mare balneabile.

      Elimina
  19. gioacchino di martino1 settembre 2016 12:58

    Tipiche reazioni di chi amministra con arroganza! Il Marchese del Grillo docet!

    RispondiElimina
  20. volete sapere l'ultima? giorni fa parlando con un mio amico che incontro sempre sottopasso sud le ho chiesto dove stava andando mi ha risposto semplicemente così VADO AL CENTRO BENESSERE DI VIA BOCCI DALLE PUTTANE CINESI!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccie lo svelto che hai amici del genere!

      Elimina
    2. forse dovresti dire quartiere del genere! la via bocci è la via delle P....ne

      Elimina