QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 1 agosto 2016

DUE O TRE PAROLE SULL'ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE (QUELLO DELL'ABBANDONO DELLE MINORANZE....)

Il nostro primo cittadino ieri ha usato le colonne del Corriere Adriatico per rispondere alle minoranze (nello specifico ai consiglieri di Città Mia)  che lamentavano il fatto che in deroga a quanto previsto dal regolamento del Consiglio Comunale, due interrogazioni non erano state calendarizzate all'ordine del giorno dell'ultima seduta del parlamento cittadino.
L'articolo lo trovate sotto.

A me, che ho assistito a quel Consiglio Comunale (forse il più breve della storia democratica del nostro paese), sorgono un paio di riflessioni.

La prima:

Se è vero che una delle due interrogazioni (quella delle fidejussioni Area degli Azzoni) poteva essere discussa, per motivi di tempo occorrente nel preparare la relativa risposta, tranquillamente ad uno dei prossimi consigli comunali, la stessa cosa non si può dire per l'altra (quella dei parcheggi e dei varchi).
Mi spiego meglio: il sindaco, a mio modo di vedere, avrebbe dovuto sottoporre la sua giunta e gli uffici comunali ad un piccolo sforzo. Avrebbe dovuto chiamare prima del consiglio comunale il professor Giovanni Giri e, nella correttezza dei rapporti istituzionali, in quell'occasione avrebbe potuto chiedergli di avere un minimo di pazienza per quanto riguarda l'interrogazione delle fideiussioni. Che avrebbe portato al prossimo consiglio (probabilmente di Settembre).
La seconda interrogazione, quella relativa a parcheggi e varchi, era ed è di stretta attualità.
Il problema dei parcheggi e dei varchi elettronici nel nostro paese è prettamente estivo.
Postporre anche questa seconda interrogazione a Settembre significa svuotarla di significato.
Ecco perchè secondo me la maggioranza avrebbe, in questo caso, dovuto produrre un piccolo sforzo e rispondere prima possibile (cioè nello scorso consiglio comunale) a quella interrogazione.

La seconda:

Il sindaco è l'Ing. Mozzicafreddo Roberto. Punto.  Nell'ultimo consiglio comunale, nei secondi immediatamente successivi all'uscita dei cinque consiglieri di minoranza, Rosalba Ubaldi, vice sindaco e, nell'occasione, capo gruppo facente funzione (vista l'assenza di Pina Citaroni), non ha saputo resistere ai propri impulsi. E visti i cinque consiglieri di minoranza abbandonare l'aula si è immediatamente impossessata del microfono per dedicarsi ad un intervento piuttosto lungo di difesa dell'operato della maggioranza e di condanna di quello delle opposizioni.
Non dovrebbe funzionare così. Dovrebbe funzionare che una volta usciti i consiglieri di minoranza, a prendere la parola doveva essere il sindaco. Era ed è  lui il capo della coalizione vincitore delle elezioni  e primo cittadino. Ed è lui  che deve pronunciarsi per primo. Poi, semmai, proprio il sindaco, dopo il suo intervento, avrebbe potuto dare parola a chi la voleva. E solo in quel caso, Rosalba Ubaldi, come tutti gli altri consiglieri di maggioranza, avrebbero potuto dire la loro. 

Così come sta succedendo, non si capisce più chi stia svolgendo le funzioni da sindaco.
E questa cosa, chi assiste ai consigli comunali o li ascolta per radio, la percepisce.





37 commenti:

  1. Ci vuole 1 minuto :dove sono i soldi della fideiussione?

    RispondiElimina
  2. embè? già si sapeva che sarebbe andata così! la signora è invadente e non sa tacere, la storia ce lo racconta è la memoria ad essere corta!

    RispondiElimina
  3. il povero Attaccalite si deve sopportare il teatrino del non si sa chi è il sindaco.

    RispondiElimina
  4. Michele Bianchi1 agosto 2016 12:24

    Ho riascoltato la registrazione dell'ultimo Consiglio Comunale e posso dire di aver sentito pronunciare con una sufficienza disarmante delle pure amenità. L'intervento del vice sindaco, che oramai costantemente presiede ogni seduta consiliare in barba al doveroso rispetto della figura del sindaco, si è concentrato sul fatto che le interrogazioni se non hanno carattere d'urgenza o comunque scadenza (???) possono essere procrastinate a sedute successive. Niente di più falso e inventato!!! Esiste un regolamento e finché rimane in vigore va rispettato. In attesa dell'annunciata modifica, cara Vice sindaco, deve attenersi a quanto stabilito da esso, altrimenti si compie una pura e semplice violazione. Anche sul carattere d'urgenza vi è poi da ridire, quanto meno sull'interrogazione dei parcheggi. Il bando andrà a scadere nel prossimo ottobre. I varchi elettronici previsti nel capitolato di partecipazione al bando da parte di STOP, non sono mai stati messi. Vi è una penale in caso di inadempienza del contratto pari al 10%. Sarà il caso di verificare se è possibile richiederne il pagamento o no secondo lei? E non ci venga a parlare di uffici oberati e ferie, proprio lei che sotto le vacanze di natale 2013, riuscì in pochi giorni di festa a portare in C.C. la variante del Burchio. L'argomento parcheggi andava trattato durante l'estate. PUNTO.

    Anche lei assessore Sabatini, mi permetta un'osservazione, lei considera "attacco alla democrazia" l'abbandono dell'aula consiliare durante una seduta. Che cosa ne pensa allora, di una maggioranza che tappa la bocca alle minoranze che chiedono in legittimità delucidazioni sull'attività amministrativa? Oltre tutto compiendo una chiara violazione del regolamento sul Consiglio Comunale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele, dalla nostra amministrazione mi stanno facendo notare che il contratto con là Stop non scade a Ottobre 2016, ma ad Aprole 2017.
      Posto la notizia per essere precisi.

      Elimina
    2. Si è vero effettivamente il contratto sarebbe durato 1 anno e 6 mesi, dal 16 settembre 2015. Cmq i varchi dovevano essere installati prima della zona pedonale estiva ovvero entro il 30 giugno 2016. Sempre di inadempimento contrattuale si tratta.

      Elimina
    3. fiaschetti attilio1 agosto 2016 19:23

      Forse l'amministrazione dovrebbe verificare quante persone stanno lavorando e se viene rispettato una persona ogni 90 posti, che tipo di contratti vengono fatti, chi è in possesso della qualifica di ausiliare e altro.

      Elimina
    4. Uno degli ausiliari ha detto di non farcela assolutamente a fare il proprio dovere perché la sera sono solo in due invece che otto o nove.

      Elimina
    5. Come ho scritto nell'interrogazione mi chiedo su che basi abbiano preso quel puntaggio visto che una parte (fino a 10 punti) era per aggiunta di modalità di pagamento ulteriori a quelle di capitolato.

      visto che non vi sono bancomat e carte di credito mi chiedo come abbiano fatto a prendere punti in questa categoria...

      Elimina
    6. credo che questo bando ampiamente disatteso dalla ditta vincitrice, sia l'ultimo regalo dell'ex comandante! O forse non è ancora finita?

      Elimina
  5. Il sindaco in riunione con i capogruppo aveva già informato che le interrogazioni non erano in ordine del giorno e spiegato i motivi questo x onor di cronaca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deduciamo che tu eri presente. Deduciamo che sei un consigliere (o assessore) di maggioranza. Deduciamo che scrivi da anonimo. Deduciamo che vuoi farci tirare ad indovinare su chi tu sia degli 11 della maggioranza. Deduco (pensiero personale) che un consigliere che commenta da anonimo si dovrebbe solo vergognare.

      Elimina
  6. Argano penso che la maggioranza del 23% sia andata al supermercato a comprare la vergogna ma non l'abbia trovata. Il VIAKAL, invece, era terminato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Sig. di Martino se la maggioranza è il 23%
      M5S è il 18% quindi visto che non fate alleanze , specie a porto recanati vuol dire che vi vergognate di chi e cosa portereste al governo della città, devo dedurre che la vergogna al supermercato non c'era più perse la è comprata tutta lei

      Elimina
    2. Se sapessi chi è le risponderei. L'unico indizio che ho e che non ha trovato neanche il VIAKAL per cui è certamente incrostato. Per i limiti che ho fin dalla nascita è troppo poco per individuarla tra quel 23%che tanto la angustia. Comunque le auguro una buona serata.

      Elimina
  7. Il teatrino del :"non abbiamo avuto tempo per la grande mole di lavoro. ..." ha chiuso il sipario! È ora che tutti sappiano i reali motivi per non aver affrontato le interrogazioni, inpicment!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai a ripetizioni di inglese che è meglio...

      Elimina
  8. Se scrivevi" messa in stato di accusa" forse era meglio per tutti sopratutto per la lingua inglese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per essere precisi si dice:"se avessi scritto..."

      Elimina
  9. L ' ortografia non copre la negligenza e la fraudolenza

    RispondiElimina
  10. L'onere della prova stavolta non è esclusivamente a carico di chi accusa,una volta diventato sindaco il responsabile della ditta costruttrice ci deve dire dove sta la fideiussione.

    RispondiElimina
  11. Vedo che gli ubaldiani replicano ai commenti di chi critica l'amm.ne con ironia sul termine anglosassone usato dall'anonimo delle 15:50. Non dimenticatevi però che il vicesindaco ha confuso la decadenza del mandato del commissario con la sua dipartita. Con relativo lustramento di zebedei del dott. Passerotti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai a vedere sul vocabolario la definizione del verbo dipartimento e forse dopo non ti lustri i maroni

      Elimina
    2. Forse intendevi che bisogna cercare il verbo "dipartire" non "dipartimento"....

      Elimina
    3. non mi lustrerò i maroni (non essendo il commissario), ma tu lustrati un bel libro di grammatica perché il verbo "dipartimento" non esiste. Caro Cetto Laqualunque de noatri, "purtoppamente" hai fatto una mega gaffe per cercare di riparare alla gaffe di qualcun altro. L'unica "dipartita" a cui abbiamo assistito in questa vicenda, è quella della lingua italiana e tu ne sei responsabile. Piccolo suggerimento: DIPARTITA, participio passato del verbo dipartire, si usa in questa forma quando si vuole indicare la morte, il commiato ed in genere il distacco. Buttaci un occhio su google prima di fare certe figure!

      Elimina
    4. Che DIPARTITA sia il participio passato del verbo dipartire lo può sostenere solo un ignorante come te. Caso mai il participio passato del verbo dipartire sarà DIPARTITO che è tutta altra cosa della dipartita. Torno a ripetere prendi un vocabolario della lingua italiana e vai a vedere il significato del verbo dipartire.

      Elimina
    5. eh no a sto punto se mi dai dell'ignorante io ti rispondo che sei un idiota. Secondo te il sostantivo femminile derivante da una radice verbale su quale tempo si costruisce? Sempre e solo sul participio passato. Ignorata (da ignorare) errata (da errare) ecc. Ma tu continua a pensare al verbo dipartimento che fai bene e cmq non cancella la tua e la gaffe del vicesindaco.

      Elimina
    6. Se non hai capito che dipartimento è stato un errore dovuto alla scrittura con il telefonino il vero idiota sei tu. ( avevo scritto idiota ed era uscito idioma ma questa volta me ne sono accorto e ho corretto)

      Elimina
    7. rimane il fatto che sul significato di dipartita hai fatto una figura di cacca e nonostante tutto continui a ribattere. Proprio la faccia come el...

      Elimina
    8. Invece di andare su Google leggi la Treccani e capirai quanto sei ignorante

      Elimina
  12. Mi piaccio i componenti di questa amministrazione tutti che corrono a commentare in anonimo e neanche uno ha il coraggio di firmarsi ...

    Ma con che faccia avete chiesto i voti alle persone se neanche avete il coraggio di firmarvi quando commentate?

    RispondiElimina
  13. 20.39 "se avessi scritto" chi io o tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai toppato nel correggere un altro, non cercare scuse; prima di erigerti a professore devi studiare.

      Elimina
    2. Vorrà dire che tu fai il maestro per insegnare l'Italiano mentre io faccio il professore di lingue straniere

      Elimina
    3. ...con così tanti elettori, come ha potuto perdere il PD?

      Elimina
  14. Riuscirà il Sindaco a far capire ai suoi concittadini chi è il reale amministratore della città? Secondo me ci sta riuscendo: la Ubaldi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unico intervento lucido di tutto 'sto dibattito.

      Elimina