QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 18 luglio 2016

CITTÀ MIA DEPOSITA INTERROGAZIONE SU POLIZZA FIDEJUSSORIA

Porto Recanati 12-07-2016

Alla c.a. del Sindaco di Porto Recanati

Alla c.a. dell’Assessore al Bilancio

Alla c.a. dell’Assessore Urbanistica

 

 

 

Oggetto: Interrogazione (a risposta orale) sulla polizza fideiussoria per la               Convenzione edilizia relativa alla riqualificazione urbana nell’area Degli Azzoni come da atto di G.M. n°23 del 29-01-2004

 

 

PREMESSO CHE:

In data 02-03-2004, veniva stipulata Convenzione urbanistica di cui al Rep. n. 2171, 

tra il Comune di Porto Recanati ed il Sig. Degli Azzoni Avogadro Carradori Valperto, per la lottizzazione dell'area omonima; 

- Nella medesima data e contestualmente alla convenzione di cui sopra, si stipulava  polizza fideiussoria n° 40779348 con la società Riunione Adriatica di Sicurtà S.p.A.;

- La polizza sopra indicata garantiva il Comune di Porto Recanati ;

- La polizza sopra indicata aveva una durata di due anni e quindi con scadenza 01-03-2006;

- Era prevista una proroga dalla data di scadenza;

- Che l’oggetto della garanzia per opere di urbanizzazione ordinaria era pari euro 775.000,00;

VISTO CHE:

- Alla data odierna non si hanno notizie se la polizza in oggetto sia ancora attivabile;

- Nei confronti della ditta appaltatrice, è in corso procedura fallimentare che ha lasciato la zona “Torri d’avvistamento” una incompiuta;

- Il comune avrebbe dovuto prendere in carico le opere d’urbanizzazione

 

INTERROGA IL SINDACO PER SAPERE:

 

- Se la polizza fideiussoria n° 40779348 stipulata con la società Riunione Adriatica di Sicurtà S.p.A. a favore del nostro Comune sia ancora valida, ovvero cessata, ovvero posta in ordine di escussione;

- Se non sia più valida, chiediamo sotto quale Amministrazione abbia cessato di essere rinnovata e comunque perché mai escussa;

- Se la polizza, nell’eventualità non sia stata più rinnovata, sia cessata precedentemente o successivamente all'apertura della procedura fallimentare in atto nei confronti dell’azienda appaltatrice;

- Quali opere di urbanizzazione siano state completate, consegnate e collaudate fra quelle previste e dare conto di quelle mai realizzate;

- Come intenda l’Amministrazione, in caso di risposte negative, risolvere e tutelare l'interesse pubblico, laddove sia riscontrabile un eventuale danno erariale.

 

Ricorda al sindaco e al segretario comunale che devono valutare se in virtù di quanto sopra esposto ed in considerazione delle risposte ai quesiti formulati, siano configurabili illeciti, collegati all’azione amministrativa e/o contabile e/o penale, con conseguente dovere di intervento/denuncia alle competenti Autorità. 

 

Il gruppo consiliare Porto Recanati Città Mia chiede che l’interrogazione venga portata al primo Consiglio comunale utile

 

I Consiglieri del gruppo “Porto Recanati Città Mia”.

 

Giovanni Giri

Giancarla Grilli

 

13 commenti:

  1. il pd si è svegliato dal LETARGO finalmente???

    RispondiElimina
    Risposte

    1. A parte il fatto che il Pd e' commissariato se non sei al corrente.
      Ma negli ultimi tre anni e stato sempre presente nei media quindi se adesso per te è in letargo prima cosa era coma profondo?

      Elimina
    2. Per essere, forse, credibili in futuro: a casa tutti, senza condoni.

      Elimina
    3. E certo vero 14:41 tutti a casa e poi rientra upp in blocco...
      Il porco sogna la ghianna

      Elimina
    4. preparate l'alleanza con la ubaldi per il 2021 o per il 2026?

      Elimina
    5. Nessuna simpatia per upp: hanno ampiamente mostrato di essere politicamente inadeguati ...e con il PD non hanno -e non hanno mai avuto- nulla a che vedere. Solo a qualche teorico indigeno del PD la cosa è sfuggita! A casa tutti, senza condoni ....anche quelli che sognano la ghianna. Non vi sembra di avere fatto, nessuno escluso, fin troppi danni?

      Elimina
  2. Concordo, il PD si è svegliato dal letargo.
    Se fosse andata in porto l'alleanza con l'UDC cosa avrebbero fatto insieme?
    Queste interrogazioni sono il minimo sindacale per una forza di opposizione e non sono certo farina del sacco dei due consiglieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non basta avere bruciato l'ennesimo candidato: è proprio indispensabile anche insultarlo? E chi sarebbe questo fenomeno che armeggia con sacco e farina?

      Elimina
    2. Non basta avere bruciato l'ennesimo candidato: è proprio indispensabile anche insultarlo? E chi sarebbe questo fenomeno che armeggia con sacco e farina?

      Elimina
  3. Perché viene fatta una interrogazione a risposta orale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele Bianchi19 luglio 2016 17:01

      Le interrogazioni possono essere presentate a risposta scritta oppure orale (in determinati casi entrambe). La differenza sta nella modalità di risposta appunto da parte dell'amministrazione.
      - se scritta, il sindaco e/o l'assessore o assessori chiamati a rispondere, hanno 30 giorni di tempi per evadere la risposta. Quest'ultima, normalmente avviene con un atto a firma del sindaco, dell'assessore o della giunta e viene indirizzato singolarmente al consigliere firmatario dell'interrogazione. Il contenuto della risposta non viene discusso e può essere conosciuto solamente per pubblicazione su iniziativa del destinatario.
      - se orale, l'interrogazione viene posta all'ODG del consiglio comunale successivo (purché presentata almeno 8 giorni prima del consiglio) e pertanto discussa all'interno del massimo organo deliberativo locale. La risposta viene comunicata durante la seduta e il consigliere firmatario può replicare sulla sua esaustività o meno. Ad ogni modo se ne può dare notizia una volta ottenuta la trascrizione del verbale del CC.

      Elimina
    2. Perchè puoi rispondere subito, avere un documento che riporta la discussione fatta in consiglio e per ultimo, far sentire ai presenti la risposta e la replica.

      Elimina
  4. Grazie per le risposte

    RispondiElimina