QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 8 giugno 2016

TRASPARENZE

Governare con il 23% dei consensi e 77 persone su 100 che non ti hanno dato fiducia, non è il massimo. Ma la democrazia del maggioritario secco è questa. E le regole vanno rispettate. 

Potenzialmente però, fuori Palazzo Volpini, ci sono 77 curiosi che non nutrono molta fiducia in questa amministrazione. E vorranno sapere, day by day,  quello che chi ha onere e onore di governare riuscirà a combinare.

Le questioni sul tavolo, anche in seguito al passaggio di consegne con la gestione commissariale, sono molte. Me ne vengono in mente tre. Sulle quali non sarebbe male se il neo sindaco, una volta preso possesso della situazione e ambientatosi nel suo nuovo ufficio, vorrà tenerci informati.

La prima è la storia del marciapiede del Burchio e dei risarcimenti dovuti, da sentenza, alla Coneroblu. La faccenda qui è molto delicata. Chi il Burchio lo ha fortemente voluto si troverà con un conflitto di interessi grande come una casa a gestire la materia. Si certo, l'Ing. Mozzicafreddo è tipo  dalla personalità spiccata e dall'autonomia decisionale più volte dichiarata. Ma al suo fianco ha Rosalba Ubaldi. Con le sue 553 preferenze. E Rosalba Ubaldi, nella storia del Burchio, ha interpretato il ruolo di attrice protagonista. E' lecito dunque che quei 77 cittadini su 100 che non abbiano votato nè  Mozzicafreddo nè la Ubaldi, sulla materia vengano informati in modo puntuale. E gli si racconti per filo e per segno come l'amministrazione abbia intenzione di procedere su questo delicatissimo settore. 

La seconda è la questione del Piano Antenne. Commissionato dall'amministrazione Montali. Realizzato dalla Polab. Contro-osservato da alcuni cittadini e forze politiche, non è mai stato adottato per delibera. Troppo forte la protesta del quartiere Europa sulla questione. 
Bene: ora come intendiamo risolvere la questione? Mandiamo a casa quel piano e procediamo come si è fatto per Via Pacinotti (cioè dando tutto in mano a quanto decideranno i privati?)
Oppure l'intenzione è quella di avvelenare ulteriormente gli abitanti delle zone vicino a Via Pacinotti concedendo il permesso di potenziare ulteriormente il posizionamento di antenne in quel presidio?
Ecco, questa, pensate un po', è una cosa che mi interessa molto. Perchè di inquinamento da onde elettromagnetiche me ne sto mangiando parecchio già da un anno e mezzo. E se me ne dovesse arrivare di ulteriore, non me ne starò certo con le mani in mano silente. E così penso chi abita in quel settore di paese.

La terza è la questione del bilancio. Ecco, non sarebbe male, una volta ultimato il passaggio di consegne e preso pieno potere,  se il neo sindaco Ing. Mozzicafreddo, ci spiegasse in modo sintetico ma chiaro, come siamo messi. Tra risarcimenti di marciapiedi (e forse altro), di poltroncine e chissà quant'altro ancora sul tavolo. 
Insomma, non ci sarà da scialare, si presuppone. E magari se ci venisse comunicato anche in questo settore come si intenderà procedere per reperire le risorse (tagli? aumento tassazione?), non sarebbe male.

Lo so, direte: ehi, non ci hai manco fatto insediare e già ci rompi gli zebedei?

Non prendetevela. Era per non perdere il ritmo. Ma ragionateci sopra su queste tre questioni. E se vorrete risponderci, noi siamo qua. 

Ad ascoltarvi.



43 commenti:

  1. Altra cosa .. Il maggioritario secco , mi spiace ma chiamarlo democratico ce ne vuole.

    Lo ho gia scritto il fascismo ando al governo con il 26% dei voti con una legge maggioritaria come quella che abbiamo a porto recanati.

    Questa legge è il preludio alla dittatura e non lo dico io è la storia a dirlo chiaramente.

    Le uniche soluzikni elettive democratiche aono:

    Proporzionale oppure maggioritario ma con ballottaggio fra i primi 2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualsiasi lista avesse vinto le elezioni sarebbe stata eletta con un massimo del 25 % non vedo dove sta il problema la legge elettorale è questa e visto che siete tutti ligi alla legalità che parlatea fare???

      Elimina
    2. Il problema è la legge elettorale stessa , il ballottaggio andrebbe introdotto anche sotto i 15000 abitanti.

      Ripeto che problema era se Mussolini prese il 65% dei seggi con il 26% dei voti... nessuno ... poi si è visto no?

      Elimina
  2. Cazzo ma se vincevano gli altri lo avreste fatto questo ragionamento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se avesse vinto la Zoppi (dico a casa) non saresti stato contento se la Ubaldi avrebbe svolto il suo ruolo di opposizione spulciando tutte le delibere e gli atti, una per una, per renderne poi conto alla cittadinanza?

      Elimina
    2. Scusa ma la Zoppi può svolgere il suo compito nel migliore dei modi facendo tutto quello che tu dici. Se non lo fa/fanno la colpa non è di Mozzicafreddo ma di chi è all'opposizione

      Elimina
  3. Argano, ti rispondo io. Sul primo punto pagheremo quando e quanto chiederà la Conero Blu' (altrimenti perchè la stessa nonostante i solleciti del commissario a tutt'oggi non ha presentato il conto?) e poi ti dice niente "controllore e controllato?"
    sul secondo punto verrà adottata la scelta della Polab non essendoci piu' chi protesta (e come mai?).
    Per il terzo punto aspetto, come te, di vedere un resocondo della situazione.

    Pasquino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fortissimi dubbi sul tuo secondo punto.

      Elimina
    2. se ben ricordi l'unico quartiere che fece ostruzionismo fu proprio il quartiere europa. Ora con la Ubal.....anzi Mozzicafreddo sindaco le coe si appianeranno. Argano non condividi?

      Elimina
    3. Pasquino ha riacquistato la parola era un po che non si sentiva chissà come mai .....

      Elimina
  4. Se i numeri fossero stati gli stessi Sì, certo!

    RispondiElimina
  5. la cosa piu bella è vedere gia la zona del marciapiede ed illuminazione (che pagheremo) in stato di degrado precoce...vedi vegetazione allo sbando, staccionata senza manutenzione, fermata bus distrutta, fontanella acqua divelta, cestini dei rifiuti mai svuotati... questo si che vuol dire avere a cuore il patrimonio pubblico (e che ripeto pagheremo per certo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. La cosa eccezionale è vedere la vegetazione.....allo sbando

      Elimina
    2. ok fai pure finta di non capire...quello che ho scritto è chiarissimo...passa per la strada e poi dimmi se non è tutto totalmente abbandonato....oppure se preferisci continua con i giochi di parole come fanni i bimbi all'asilo se ti fa star meglio.

      Elimina
    3. Se tra primavera ed estate la vegetazione cresce non è colpa degli attori di questa vicenda.
      Se ci sono zone più frequentate da privilegiare nella manutenzione , anche.
      Per l'inciviltà di chi ha divelto la fontanella e la fermata dell'autobus, pure.

      Elimina
    4. si è vero tutto normale hai ragione

      Elimina
    5. Se tutto è allo sbando a chi diamo la colpa? 2 anni di amministrazione Montali e Passerotti non hanno fatto niente solo perché il marciapiede è stato fatto sotto l'amministrazione Ubaldi. Quello che vedi oggi ne è la conseguenza.Domanda agli abitanti della zona se il marciapiede è utile o no?

      Elimina
  6. Il sistema maggioritario è questo è non è stato fatto per agevolare nessuno. Nel 2014 UPP ha vinto ma anche allora rappresentava la minoranza del corpo elettorale. Chiaro che questa volta con il doppio delle liste c'era la possibilità che le percentuali si dimezzassero come di fatto è avvenuto. Fatevene una ragione, avete perso e per i prossimi 5 anni vi dovrete sorbire la Signora. Non disperarti però perché nel panorama che hanno presentato le altre liste lei benché minuta è una gigante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ad un eventuale ballottaggio non so perchè ma non credo che i 5 stelle votavano ubaldi ...

      Elimina
    2. E' indicativo che lei parli della "Signora" (con la S regolarmente maiuscola, mi raccomando) e non del sindaco legittimamente eletto. Un'affermazione che illumina molto sullo stato delle cose in questo feudo in riva all'Adriatico, che profuma di... Sicilia.

      Elimina
    3. 12:36 ... Mozzicafreddo = Fabbracci Senior -> Comanda Rosalba

      sfido chiunque fra 5 anni a mostrarmi che non sarà così.

      Elimina
  7. Caro Argano la realta' del punto 1 e' che il Commissario non e' stato al di sopra delle parti ( vedi il caso Trevisani in Cronache Maceratesi vedi le due sentenze a favore Coneroblu vedi le pressioni ricevute da presunti grandi personaggi locali di non far passare il progetto. Questa e' la realta' dei fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la tua realtà dei fatti non l'ho capita. Per cui, se me la potessi spiegare, io sono qui ad ascoltarti.

      Elimina
    2. Io la tua realtà dei fatti non l'ho capita. Per cui, se me la potessi spiegare, io sono qui ad ascoltarti.

      Elimina
  8. Scrivo Signora con la S maiuscola per rispetto di tutte le donne di questo mondo visto come vengono trattate in generale. Parlo della Signora e non del sindaco legittimamente eletto perché se ti prendi la briga di leggere i post dell'argano vedrai che tutti gli attacchi alla lista igv vengono rivolti alla Signora e mai al sindaco legittimamente eletto. Alcuni di questi attacchi sono pesantemente personali e da questo desumo che voi oppositori temete più la Signora che non il sindaco eletto. Un imbecille , presumo della tua parte politica lo ha anche definito "sindaco di paglia"

    RispondiElimina
  9. La realta' dei fatti e' che coloro che oggi non sono riusciti a vincere le elezioni erano quelli che hanno Pregato e Supplicato il Commissario di non far passare la procedura del Burchio e mandarla al TAR a Roma. Oggi pero' hanno perso e si attaccano al C...o . Capito mi hai.

    RispondiElimina
  10. Il sindaco eletto è solo un politico ripescato dal passato per mano della Signora quando ancora si cercava di creare una lista unitaria di centro destra e la Signora come candidata sindaco non era accettata da tutti. Lei resta la vera regista dell'operazione, ha preso più di 500 preferenze abbinandosi a ben 5 candidati uomini diversi. Lui pur di tornare nel palazzo avrà accettato di buon grado questa situazione. Ci scommetto che a fine mandato non si riuscirà a distinguere uno stile Mozzicafreddo che distingua questa amministrazione dall'ultima a guida della Signora, come la chiami tu ... Sono già ricominciati i contatti con Coneroblu e non è il sindaco eletto che li tiene. Guarda le foto del Blog di Trevisani. Devo continuare?

    RispondiElimina
  11. Democrazia è rispetto del responso uscito dalle urne ....la prossima volta presentate candidati migliori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma di che candidati parla? Qui l'ago della bilancia sono i quattrini e la lista vincente pesca proprio tra coloro che per decenni si sono arricchiti sfruttando il territorio del comune. La Signora&Co ne sono i portavoce, di una minoranza appunto. Il conflitto di interessi che si viene a creare sulla questione del Burchio è grosso come una montagna, l'onere che ne verrà per i cittadini sarà conseguente.

      Elimina
    2. Gabriele vattelaapesca, facci i nomi di chi si è arricchito. Sono sicuro che non farai nessun nome e cognome perché sei un boccalone di infimo grado

      Elimina
  12. Democrazia è libertà di parola e di critica anche e soprattutto nei confronti di chi comanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libertà di parola non è libertà di offesa. Vi tira il culo? Ormai è fatta fatevene una ragione è come si usa in democrazia aspettate 5 anni per una sana rivincita

      Elimina
    2. la democrazia vi consente di amministrare per 5 anni(forse) con questa legge elettorale,ma non consente di far delibere illegittime a danno del paese e dei cittadini.

      Elimina
  13. Critica e insulto sono cose diverse. Se ci sono estremi di illegalità si denunciano alla magistratura, altrimenti si tace ...e si fa una figura migliore! La democrazia ha le sue regole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono cose che magari sono legali ma sono inopportune e politicamente rilevanti e quindi le si dice e le si mostra. Nessuno può dire chi deve tacere e chi può parlare. Queste sono le regole della democrazia.

      Elimina
  14. Caro Argano democrazia e' poter passeggiare,parlare e salutare chi si vuole. E non far perdere tempo a leggere certi Blog pieni di errori e inesattezze e foto Rubate .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) se vuoi il mio parere, ti dico che il giornalismo ora non lo fanno più i giornali ma i cittadini. E io penso che quella foto, se scattata in un certo contesto di tempistica, abbia un valore notevole.
      2) democrazia è parlare e passeggiare con chi vuoi tu. Ma se sei un futuro assessore che deve contrattare un certo risarcimento dovuto per sentenza in seguito ad una sentenza che ha sconfessato il tuo stesso operato da sindaco, le cose per me cambiano e cambiano di brutto. E devi fare attenzione. Perchè fuori ci sono 77 elettori su 100 che non ti hanno votato. E non dormono.

      Elimina
    2. Credo che un paio di osservazioni siano legittime. Innanzitutto sul giornalismo, che non va banalizzato nella sua funzione, ma va preteso di alta professionalità in qualsiasi contesto territoriale e distinto da certa inconfessabile morbosità che invece accompagna tutto. Quanto a incontri, contatti, riunioni tra personaggi che a diverso titolo sono coinvolti in una vicenda che si presume non conclusa, ciò mi pare ordinario (a meno che non si tratti di un "vertice" con o tra pregiudicati). In un sistema democratico sta poi a chi, in organismi come un consiglio comunale, occupa il ruolo di opposizione (sottolineo opposizione, non minoranza) vigilare per capire se gli atti che passano sotto le proprie mani sono un favore ad "amici degli amici" incoraggiato da adeguate bustarelle oppure un regolare intervento che contiene tutti i crismi della legalità, al netto di pregiudizi o antipatie personali. Quanto ai cittadini che "non dormono", mi permetto di essere più scettico visto il panorama locale e quanto scaturito dal voto. Piuttosto, occhio a una certa cultura mafiosetta, fatta di intimidazioni più o meno velate che dal 6 giugno si stanno insinuando nel dibattito, come quella che chi non è dalla parte dei vincenti debba stare "muto" fino alle prossime elezioni (che nessuno può garantire che siano tra 5 anni...).
      Ad maiora.

      Elimina
  15. Senza nulla togliere alle tre questioni da te sollevate, Argano, credo che i problemi che dovrà affrontare la nuova giunta sono decisamente più estesi ed articolati. Se consideriamo che non sono andati a votare il 42% degli aventi diritto, significa che quei 1308 voti rappresentano circa il 14% del totale...Il buon senso detterebbe almeno prudenza e di certo condivisione. L'Ing. Mozzicafreddo mi sembra persona autorevole, stimata e di polso e nutro la speranza che potrà essere Sindaco di tutti i Portorecanatesi. Sul ruolo dei giornalisti, cui pure nei commenti che ho letto si è fatto cenno, devo riconoscerti un certo equilibrio di giudizio e certamente una completa dedizione nel fornire un quadro il più esaustivo possibile di ciò che ha caratterizzato l'infuocata campagna elettorale. La stessa cosa non mi sento di poter dire del tuo collega Trevisani che, probabilmente ferito personalmente dai noti accadimenti di fine Aprile, non ha avuto, a mio avviso, la stessa tranquillità di giudizio. Ho ascoltato, non senza imbarazzo l'intervista alla Dott.ssa Ubaldi che, in tutta franchezza, mi ha cagionato un moto di mesta ilarità...I complimenti ad un candidato che ha vinto ci stanno ma la sopresa che gli stessi venivano da Trevisani non è stata solo della Dott.ssa Ubaldi (che credeva di non aver capito bene) ma credo di un pò tutti quelli che si troveranno ad ascoltare quella intervista. Non credo basti scrivere bene...Un grande in bocca al lupo per la tua preziosa attività Argano e grazie per tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio la solita doverosa precisazione: io non sono un giornalista. Per cui Alessandro Trevisani non è un mio collega. Perchè lui è un giornalista professionista. Io gestisco solo un blog.

      Elimina
  16. 11.11 pa' e volpe a colazione tu, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' di umiltà (non sottomissione) nella vita non guasta. Aiuta a non finire nel tritacarne della omologazione. Occorre giornalismo di qualità, che sappia guardare alle cose con atteggiamento oggettivo (ripeto: oggettivo, non obiettivo perchè questo elemento non appartiene per natura al giornalismo)), senza ritagliarsi addosso il ruolo del cavaliere senza macchia e senza paura.

      Elimina
  17. Magno pa' e volpe a pranzo e colazione.
    Ciò rispetto pe' la giunta e pe' l'opposizione
    so' solo avversari e mai nemici
    me piace i cristià quandu so felici.
    Ciò rispetto per tutti...bianchi, neri e rosci
    tante volte semo forti, altrettante semo mosci.
    Ciò solo paura de du' tipi de persone...
    chi se crede el mejo e chi vo fa 'l padrone!
    e quannu li incontro me fanno compassione...
    perchè el monnu se ricorda solamente
    de chi fa del bè alla pora gente;
    De quell'altri dura come le fascine 'ntel fogu
    Trevisà mio...davvero pogu.




    RispondiElimina