QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

domenica 26 giugno 2016

SE NON COMUNICATE, VI VEDO (MOLTO) MALE.

Puoi essere l'amministratore di bene pubblico più saggio e scrupoloso dell'intero globo terrestre. Ma se non comunichi, nessuno se ne accorgerà.

Sabato scorso abbiamo avuto un fulgido esempio di come la Giunta, il Sindaco, e gli 11 consiglieri con delega che hanno l'onere e l'onore di amministrare Porto Recanati, non sappiano di fatto comunicare.

Dalle 9 alle 12 circa è uscita acqua giallognola dai rubinetti delle case dei nostri concittadini. Che, ovviamente, non sapevano cosa stesse accadendo. Si certo, niente di grave: era solo una tubatura rotta in Via Gigli che l'Astea ha provveduto a riparare. Ma vai a spiegarlo a chi si è visto uscire, essendo all'oscuro di tutto, acqua puzzolente dai rubinetti per l'intera mattinata. Vai a spiegarlo a chi stava approntando le cucine dei ristoranti. Vai a spiegarlo a chi, estraendo panni dalla lavatrice se li è visti tinti di giallo. Vai a spiegarlo a chi, giusto un paio d'anni fa, ha vissuto il panico da trialometani e da ordinanze di divieto di utilizzo di acqua che usciva dai rubinetti.

Sempre nella stessa mattinata il nostro mare si è tinto di arancione per una lunga striscia che partiva da Numana e sembra arrivasse fino quasi a Civitanova. Si poteva fare il bagno comunque? L'amministrazione comunale ha provveduto tempestivamente ad interessare l'Arpam? Chi lo sa.......
Rimarrà un mistero.

Sarebbe bastato poco. Sarebbe bastato (e mi riferisco all'acqua dei rubinetti) informare la popolazione con un annuncio semplicissimo. Diramato alle 9 di mattina: "causa rottura tubatura in Via Gigli, non è consigliabile usare per un paio d'ore l'acqua che uscirà dai  rubinetti " 
Seguito, a lavori ultimati, da un altro comunicato: "La riparazione delle tubature da parte dell'Astea è andata a buon fine. L'acqua è di nuovo potabile".

Come?  Vi chiederete.
Molti sindaci usano Facebook. Tengono diari virtuali tramite specifici gruppi. Dai titoli: "Il sindaco informa" o "L'amministrazione Comunale rende noto". Facebook, lo sappiamo, è un mezzo efficace e rapidissimo. La notizia viene data e condivisa dagli utenti. In meno di mezz'ora raggiunge un buon 75% del paese. Certo, Facebook, non basta. E allora ci sono i sistemi più antichi ma mai desueti: ovvero l'auto che passa e a mezzo interfono avvisa la popolazione del disagio.

Informare è tutelarsi. Informare è far capire che si sta in mezzo alla gente. Informare è comportarsi in modo corretto. 

I tempi sono cambiati. La comunicazione è cambiata. Non è più come venti anni fa che sindaco e giunta comunicavano con la sola carta stampata. Con tempi biblici. C'è la rete. Ci sono i siti internet istituzionali. Ci sono Facebook, Twitter, Instagram, i blog. Ognuno di noi ormai è un giornalista. Basta uno smartphone per diventarlo. Scatti una foto, la pubblichi su Facebook. E hai creato la notizia. E la notizia spesso è l'erba alta in un quartiere, la raccolta differenziata effettuata male, lo zozzo che imperversa nelle spiagge, i contenitori di rifiuti pieni per strada che non vengono svuotati, i parcheggi effettuati con una fantasia criminale.
E l'amministrazione che non comunica, insegue. E' condannata ad inseguire perennemente.

Noi non sappiamo nulla di come vi siete organizzati, ad esempio,  per curare il verde. Non sappiamo se avete fatto una pianificazione per quartiere. E se, ad esempio, avete pianificato che martedì taglierete l'erba nei parchi di Scossicci, ma non lo comunicate, lunedì sera ci sarà sempre un cittadino di quel quartiere che vi metterà in bella mostra su Facebook un angolo di verde pubblico dove l'erba è cresciuta con gli stessi ritmi della savana. E quel cittadino vi ha fottuto. Vi ha messo in cattiva luce. Il suo post è diventato virale, nel frattempo. E voi, come al solito, rincorrerete.

L'URP non è più sufficiente. Anche perchè non funziona. O meglio, smista la segnalazione al competente ufficio. Il quale, non risponde mai al cittadino. E' successo a me. Ho scritto all'URP due settimane fa come privato cittadino per il problema dei parcheggi selvaggi lungomare in zona grattacielo. L'URP ha smistato al competente ufficio. Io nella mia istanza ho specificato in neretto e sottolineato che volevo essere informato dell'iter della pratica. E a me, a distanza di quindici lunghi giorni, non ha risposto nessuno. E il cittadino al quale la Pubblica Amministrazione non risponde, diventa reporter. Filma, fotografa, testimonia sui Social Network. E vi farà sempre fare una figura barbina.

La trasparenza di una Pubblica Amministrazione è questa: saper comunicare. O lo capite subito, oppure non vi vedo bene nei prossimi cinque anni. Ma non lamentatevi. non è un processo che si può fermare se non sarete in primis voi a cambiare i vostri atteggiamenti.


49 commenti:

  1. Non avvisano nessuno.Protezione Civile all oscuro di tutto.

    RispondiElimina
  2. Il silenzio vuol dire:menefrego!

    RispondiElimina
  3. Oltre a tenere una pagina per comunicare con la cittadinanza, considerando tanti nostri concittadini anziani, non molto pratici con le nuove tecnologie, una bella macchina con l'altoparlante sarebbe più che sufficiente. Peccato che nessuno l'abbia pensato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La soluzione che prospetti è scritta nel post

      Elimina
  4. Il ditino x fare il numero astea e chiede info non lo Sto arrivando! Usare piu nessuno?? Io l'ho fatto appena vista l'acqua e prontamente l'astea mi ha comunicato che entro mezzo giorno sarebbe tornato tutto nella normalità che stavano lavorando ad un guasto. Ora se non è tutto servito sul piatto non si è piu capaci di mangiare ma quando non c'erano i social si moriva di più ??? Non mi sembra ... Scusa argano ma la cosa mi sembra un po esagerata ......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E firmati dai. Che a me quando mi scrivono i consiglieri comunali di maggioranza e non si firmano mi fanno ridere....
      Mi sa che tu, comunque, il post nella sua interezza, non lo hai capito....

      Elimina
    2. pensa che bello sarebbe invece se chi di dovere, ti avvisasse ancora prima che tu apra il lavandino e di conseguenza metta in moto il ditino per chiamare astea. Comunque devo immaginare che questo sia il motivo per cui la fontana pubblica non eroga acqua oggi.

      Elimina
    3. Il problema anonimo/anonima delle 14,48 è che tra poco il ditino saremo costretti ad assicurarlo.Dobbiamo chiamare i vigili per i parcheggi selvaggi, scrivere all`Urp per le varie inefficienze, il consmari per l'immondizia ecc.. Ecc... Paghiamo il servizio di Astea a caro prezzo è magari un piccolo sforzo possono farlo per informare gli utenti . Chi si chiama "Insieme alla gente" poi, il ditino potrebbe muoverlo, no?

      Elimina
    4. Il problema è che ci stanno dicendo che 12 mila persone, secondo loro, avrebbero dovuto chiamare l'Astea per informarsi. Pur di non informare loro....

      Elimina
    5. Vetture senza permesso parcheggiate negli spazi riservati ai residenti a Castelnuovo. Nessun controllo, vigili assenti.

      Elimina
    6. Caro anonimo con prenome nome e cognome ma non ti vergogni nemmeno un pò quando scrivi commenti come questo?????? Avete iniziato proprio male!!!! Comunicazione e trasparenza: voto 0!!!! Ma non eravate voi quelli competenti, con anni alle spalle di esperienze nell'amministrazione pubblica? O,forse proprio non vi è venuto in mente che sarebbe stato importante mettere al corrente la popolazione di quello che stava accadendo?

      Elimina
    7. Ammisitrazioni ubaldi non hanno mao brillato per trasparenza ...

      Basti pensare ai burchi natalizi

      Elimina
    8. Non sono un amministratore ma un operatore turisti o e in due ore didissed izio se il si da o o gli assessori sabato mattina dormivAno non si sono neanche accorti che l'acqua era di colore scuro e da me non era affatto puzzolente. State ingigantendo un piccolo rpoblems he negli anni si è avuto molte Altre volte anche l'anno scorso un guSto in viale primo maggio ci ha lasciati senza acqua per un pomeriggio intero cino alle otto della sera nessuno ha avvertito e siamo sopravvissuti .

      Elimina
    9. Se uno punta a sopravvivere... Come operatore turistico non desideri il meglio per te e la tua clientela? Se con l'acqua non potabile ci avessi cucinato e avvelenato i tuoi clienti? Scommettiamo che in quel caso la responsabilità del Comune l'avresti invocata eccome!?

      Elimina
    10. Io visto il colore dell'acqua mi sono premunita usando acqua in bottiglia e acqua depurata dei serbatoi chi fa questo lavoro deve essere pronto a tutto questa si chiama organizzazione x ogni emergenza il turismo lo faccio anche troppo bene e si vede dai risultati non preoccuparti x me ma il problema anti turismo sono tutti quelli che provvicano allarmismi inutili.

      Elimina
  5. La "vecchia politica" è anche questo: lentezza, assenza di comunicazione, nella convinzione che la mancanza di un annuncio ufficiale releghi i fatti a mere chiacchiere e dicerie. La trasparenza tanto decantata dov'è? Informazione tempestiva è assunzione di responsabilità, anche quando l'accaduto non dipende dall'amministrazione questa deve far sì che i cittadini siano informati e tutelati.

    RispondiElimina
  6. A Loreto usano un sistema di chiamate telefoniche in automatico. Basta registrarsi e anche se non sei di Loreto ti avvisano per qualsiasi disservizio,dalla viabilità a qualsiasi evento. Ovviamente con le scuse per il disservizio creato.Ora con gli sms o social questo si può fare anche a costo zero.Il servizio a Loreto è attivo da molti anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scherzi? Porto Recanati che copia qualcosa fatta a Loreto? Non sia mai!

      Elimina
    2. stiamo per bombardarlo...

      Elimina
    3. Era nel programma di UPP

      Elimina
  7. Sono stato all'URP per motivi lavorativi: le segnalazioni vengono smistate all'ufficio di competenza. Queste "carte" vengono successivamente riposte in cartelline dagli impiegati degli uffici preposti. Quando vengono lette? Chi lo sa... Ho notato comunque che c'era un certo fastidio nel riceverle; specialmente dall'ufficio lavori pubblici. Tanto che mi fu detto "invece di portarne una dopo l'altra, perché non le metti insieme e le raccogli?". Raccogliere un mazzo di reclami significa aspettare almeno dai 7 ai 15 giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io propongo la chiusura immediata del'URP. Un ufficio Relazioni con il Pubblico che non relaziona il pubblico non serve a nulla. Le richieste dei cittadini danno fastidio? Bene: chiedete portoni e URP. E fate pure come volete.

      Elimina
    2. Chi sei per fare queste accuse? Firmati o altrimenti TACI!

      Elimina
    3. è vero , chiamare o scrivere all'URP non serve a niente
      ti rimandano da un ufficio all'altro fino all'esasperazione e sei costretto a rinuciare per non passare al telefono mezza giornata

      Elimina
    4. Un anonimo che intima: Firmati o TACI non è male.

      Elimina
    5. Se fai delle accuse ti firmi e non fai il vigliacco. Io non accusato nessuno e posso rimanere anonimo

      Elimina
    6. Non ho assolutamente accusato.
      Chi sono io per accusare?
      Ho solamente raccontato cos'è avvenuto quel periodo.

      Elimina
  8. E poi ci domandiamo perché oltre il 40% non vota? Speriamo che arrivi presto un nuovo passerotti oppure raccogliamo firme per tornare sotto Recanati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I passerotti non "beccano" più...

      Elimina
  9. Ad esempio la casetta di erogazione dell'acqua sono almeno due giorni che non funziona.....qualcuno ha avvisato per questo ? Forse una macchina che passa con altoparlante sarebbe troppo, ma magari mettere un cartello che segnalava il disservizio si sarebbe potuto fare....

    RispondiElimina
  10. Lamentele più che giuste ma che comunque portano ad una considerazione: la macchina burocratica amministrativa non funziona. Un caso come quello da noi vissuto e denunciato non deve essere affrontato dal Sindaco ma deve essere in automatico gestito dagli uffici preposti. Se così non è vuol dire che la macchina non funziona e che va cambiata. Dovrebbero saltare i bonus per il raggiungimento degli obiettivi e così a cascata. Organizzare la burocrazia comunale non significa mettere ai posti di responsabilità gli amici degli amici ma significa mettere persone competenti e propositive che sappiano fare il loro mestiere e che per agire non aspettano l'imbeccata del politico di turno. Nei comuni oggi vi sono figure professionali di grado dirigenziale e questo comporta assunzione di responsabilità e di autonoma gestione dei comparti loro affidati, anche in un comune piccolo come Porto Recanti. Poi naturalmente in molti vociferano che si è sentita la mancanza della presenza fisica di una persona ma, questa, è un'altra storia che lascio al gossip che non mi appartiene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione: questa storia può diventare il pretesto per una mossa clientelare. Occhi (e orecchie) aperti. Tutti e due però.

      Elimina
    2. Illuminaci e fai sapere anche a chi è meno perspicace di te cosa potrebbe succedere. Siamo tutti occhi e orecchie !!!!!

      Elimina
    3. Gentile Anonimo 07.54, mai sentito parlare di incarichi per il servizio di comunicazione e informazione, attraverso una ben pilotata "indagine di mercato", visto che nell'ambito dell'amministrazione non ci sono le professionalità adeguate, che faccia finire la scelta su qualche agenzia "amica"? Sveglia, perchè il mondo gira e non ti aspetta!

      Elimina
    4. Hai ragione il mondo gira e non mi aspetta ! Ma se devo stare dietro a un boccalone come te preferisco arrivare un po in ritardo. Non erano i tuoi amici di Upp che volevano assoldare una esperta in pubbliche relezioni per evitare le figuracce fatte in pochissimo tempo?

      Elimina
    5. Gentile Anonimo 07.54 del 28 giugno e delle 20.51 del successivo giorno 29, sei messo così male che se non appiccichi un'etichetta a chi ti fa delle oservazioni, non riesci a "vomitare" le tue pirlate. Se sapessi chi sono i miei "amici", probabilmente saresti più accorto, meno precipitoso, più cauto. In fondo la vita può offrirti ancora tanto...

      Elimina
  11. Argano chi è secondo te negli ultimi anni un amministratore che ha saputo comunicare quello che faceva ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Canaletti, gli va dato il merito.
      ad esempio aveva dato disposizione tassativa alla signora dell'URP di farsi dire cognome e numero di cellulare e se la segnalazione era di sua competenza poi faceva chiamare per dire "tutto a posto". Io una volta ho segnalato per telefono vetri sparsi intorno alla fontana della piazzetta Carradori e dopo 30 minuti, ero ancora lì, poco dopo che lo spazzino se n'era andato sono stata richiamata. Mi raccomando, adesso insultatemi pure perchè ho fatto il suo nome!

      Elimina
    2. no no anzi un applauso ! chissà se avvisato pure un notaio per legalizzare l'intervento

      Elimina
    3. Anche a me è successo la stessa cosa e ringrazio Canaletti l'unico davvero disponibile e collaborativo e comunicativo

      Elimina
    4. Anche a me è successo la stessa cosa e ringrazio Canaletti l'unico davvero disponibile e collaborativo e comunicativo

      Elimina
  12. e comunque il colore dell'acqua era in tema con la notte rosa inquanto priorità assoluta da seguire

    RispondiElimina
  13. l'acqua di casa è comunemente detta acqua del sindaco una ragione ci sarà o no?

    RispondiElimina
  14. Anche stavolta con due gocce d'acqua si è allagato il sottopassaggio sud con conseguente chiusura al traffico. Ma possibile che pensiamo a rigassificatore, porto, burchio, darsena e marciapiedi abusivi ma mai nessuno ha pensato dmi porre rimedio? Magari mettendo una pompa sommersa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che culo che hai, a casa tua solo 2 goccie di acqua, a casa mia si è allagato il garage. Dove abiti? Fammelo sapere che mi sposto anche io da quelle parti

      Elimina
    2. W la grammatica italiana : gocce !

      Elimina
  15. Di Martino sindaco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, io cercherei qualcuno di più esperto. Chessò: San Gennaro, Sant'Antonio, San Padre Pio, ma pure la Madonna di Lourdes (tanto per fare un torto a Loreto!).

      Elimina