QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 6 maggio 2016

QUANTE DONNE IN LISTA?

È deflagrato all'improvviso il problema del numero minimo di donne da mettere in lista. Come noto la legge impone che ogni lista di candidati debba essere rappresentata in misura di un rapporto di 2/3 - 1/3 tra i generi. Ovvero il genere minoritario (genericamente inteso come sesso femminile) deve essere rappresentato nella misura di 1/3. 

Il problema, mi sembra di aver capito, è su cosa debba essere calcolato questo 1/3. E cioè:

1) su 16 componenti la lista?

2) su 16 componenti + candidato sindaco che con il suo genere influisce sul conteggio?

No, perchè le cose cambiano. La legge, per la cronaca, dice questo:



Pertanto: se il conteggio va fatto soltanto sui 16 della lista  1/3  di 16 fa 5,33. E la norma sopra dice che i 2/3 (cioè il 10,67) vanno arrotondati all'unità superiore qualora il numero dei candidati del sesso meno rappresentato (cioé quello riferito ad 1/3 = 5,33) contenga un numero decimale inferiore a 50 centesimi.  E 5,33 contiene un numero inferiore a 50 centesimi, cioè 0,33. Pertanto, ne deduco, nel caso in questione si arrotondano i 2/3 (10,67) a 11. E il resto a 5.

Se invece l'articolo sopra di legge è riferito a tutti i candidati compreso il sindaco (la legge non lo specifica come potete vedere) il numero riferito a 1/3 sale a 6. E nei 16 candidati + il candidato sindaco (17 in tutto) devono esserci almeno 6 donne.

Per cui il problema è tutto lì: il candidato sindaco, influenza il calcolo?

Chi ne sa di più riferisca e faccia chiarezza.

22 commenti:

  1. Ma ci sarà un funzionario responsabile a questo in comune. Oppure diamo in pasto la legge al politico e compagnia.

    RispondiElimina
  2. Anche il sindaco influenza la lista.Quindi su 17 ci vogliono 6 donne.
    Ovviamente è una legge sulla parità di genere che oltre a buttare nel cesso la meritocrazia, obbliga chi deve fare una lista a telefonare a destra e a manca per trovate donne che siano attirate dalla politica,siano libere da impegni familiari e lavorativi pesanti, abbiano una qualche competenza.Tutto questo per un paese sotto i 15000 abitanti con Porto Recanati risulta essere una croce.Se si portasse già a 1\5 la parità risulterebbe un pochino più facile. Ma rimane sempre una legge antimeritocratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "che siano attirati dalla politica, siano liberi da impegni familiari e lavorativi pesanti, abbiano una qualche competenza", suona bene anche per gli uomini

      Elimina
    2. Giusto!Pardon.

      Elimina
  3. Forse Argano considerato che il comma 3 dell'articolo 71 distingue tra candidato sindaco e candidati consiglieri, mentre il 3 bis a proposito del conteggio nulla specifica, quest'ultimo intende tutti, quindi Sindaco compreso.

    RispondiElimina
  4. Argano , non sei aggiornato nel 2014 a luglio una circolare ha imposto che si arrotondi per eccesso!

    Dunque da 5.33 si deve arrotondare a 6

    Se voi sul sito del comune e scarichi la guida alle elezioni .. Trovi tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure la legge dice che si deve arrotondare per eccesso. I 2/3. E poi quando postate queste cose, aiutateci. Fate un copia incolla della circolare. Ci vuole molto?

      Elimina
    2. Da cellulare è un casino :(

      http://www.comune.porto-recanati.mc.it/wp-content/blogs.dir/53/files/Pubblicazione-N_5.pdf

      Pag. 69

      (2) Nel calcolo delle quote di genere (2/3 e 1/3) all’interno di ogni lista, in presenza di decimali nel numero di candidati del sesso meno rappresentato (1/3), l’arrotondamento si effettua
      sempre all’unità superiore, anche qualora la cifra decimale sia inferiore a 50 centesimi (articoli 71, comma 3-bis, e 73, comma 1, secondo periodo, del d.lgs. n. 267/2000 e successive
      modificazioni); il numero del genere più rappresentato (2/3) viene quindi determinato senza tenere conto della sua parte decimale.

      Elimina
    3. Poi la tabella nella stessa pagina fuga ogni dubbio

      Elimina
    4. Allora vediamo di chiarire tutti i dubbi: la novità è intervenuta grazie ad un ODG del parlamento del 31/07/2014 fatto proprio dal governo con apposito atto. Pertanto, le norme sul genere minoritario e sugli arrotondamenti da effettuare sono cambiate rispetto alle ultime elezioni. Nel senso che mentre fino alle elezioni amministrative del 2014 comprese, si arrotondava per difetto il genere minoritario (nel caso in cui fosse inferiore a 0,50), dal 31/07/2014 si arrotonda per eccesso. Pertanto il cinque passa a sei. Per capirci, con queste nuove norme la lista NOI PER PORTO RECANATI (cinque donne) non avrebbe rispettato la (nuova) legge.

      Elimina
  5. Fuori tema... Argano sul simbolo di UPP

    È un gabbiano che vola sopra la citta.

    Non so che ne pensi te... Ma a me sembra dire: attenti che vi cachiamo in testa :D

    RispondiElimina
  6. Perchè qualcuno ha presentato 5 donne in lista?

    RispondiElimina
  7. Argomento FONDAMENTALE per la scelta della lista migliore per amministrare Porto Recanati. Complimenti!

    RispondiElimina
  8. Sarà in nome di questa regola che la Ubaldi (pardon, Mozzicafreddo?) è andata a ripescare nientepopodimenoché Anna Rombini?
    La quale è rientrata nella scena politica portorecanatese con i toni britannici e i contenuti solidi che da sempre la contraddistinguono.
    Non mi pare se ne sentisse la mancanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse vero perderebbe diversi voti.

      Elimina
  9. Chi è che ha presentato 5 donne?

    RispondiElimina
  10. Occhio rosalba che Occhi Di Gatto di voti te ne frega parecchi, anche perchè sei oramai davvero poco credibile...

    Strane però che una che ha fatto una lista di destra contro la Ubaldi e che la volta dopo ha provato a fare una lista di destra contro la ubaldi (progetto fallito per un tentennatore) critichi un'altra donna che fa una lista di destra contro la Ubaldi.

    RispondiElimina
  11. cose di donne ! ;-)

    RispondiElimina
  12. Solo Ubaldi, Mozzicafreddo dov'è? Non se lo ricorda nessuno? Almeno sappiamo chi votiamo veramente se lo votiamo...

    RispondiElimina
  13. Pantone in lista con la ubaldi ne vogliamo parlare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altri ex colleghi avrebbero dovuto imitarlo.

      Elimina
    2. Si è parlato per giorni che era Paese vero a non volere la Ubaldi in lista.
      Perché non parliamo di chi invece voleva a tutti i costi la Ubaldi in quella famosa assemblea?Il cognome c'è già bello stampato!

      Elimina