QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

domenica 29 maggio 2016

BUON VOTO A TUTTI (E EVITATE I MUCCHIETTI)

Con l'intervista a Loredana Zoppi ho  finito la serie di interviste con tutti i candidati sindaco. Ho preferito renderle per iscritto (e vi assicuro che è stata una faticaccia)  perchè da più parti mi veniva riferito che in questo modo fossero più fruibili. Ho seguito tutte le convention di presentazione delle liste (a parte quella di Mozzicafreddo, perchè concomitante con quella della Leonardi). Ho messo a disposizione dei lettori del blog gli audio di ogni evento e dai counters applicati al sito, ho avuto modo di appurare che sono stati molto seguiti visto che la media delle visite è stata di circa 1500 per ogni post dedicato. 

Penso  che le presentazioni dei candidati alla popolazione, con le modalità con le quali queste si sono svolte, siano state manifestazioni molto  importanti che meritavano l'attenzione di chi segue la politica anche a livello comunicativo.
In una democrazia che ormai di rappresentativo non ha più nulla (pensate alle liste bloccate decise a tavolino dai partiti),   ogni occasione per poter conoscere il candidato, poterlo valutare nel suo eloquio, guardarlo in faccia, insomma, non può che essere  preziosa e meritare la doverosa attenzione. Proprio per questo sono felice di avere messo a disposizione di tutti audio e racconto delle convention. E di avervi relazionato su quello che succedeva in queste occasioni.

Molti, fermandomi in giro, mi chiedono una sorta di pronostico sul risultato delle elezioni. Ed io rispondo sempre che le variabili in campo sono troppe per poter provare ad avanzare una qualsiasi previsione.

A mio modesto avviso, riassumerei le variabili al voto del 5 Giugno nei 4 punti sotto elencati:

1) Il risultato della lista Leonardi e quanto questa coalizione eroderà al resto del centro destra. In primis alla lista Mozzicafreddo

2) L'effetto 100 candidati. Ogni elettore  praticamente ha uno o più parenti o amici stretti candidati. Il voto non potrà che uscire condizionato da questo fattore.

3) L'astensionismo.

4) Il voto di opinione. Ovvero quello che non esprime preferenze e vota per un simbolo.

Sono variabili, appunto, che rendono ogni previsione di risultato estremamente azzardata. 

I 100 candidati e la cittadina tutta si avviano a questo rush finale di campagna elettorale. Per quanto riguarda l'attività di questo blog, dico solo che nell'ultima settimana che ci separa dalle elezioni  non mi avventurerò nella scrittura di post che contengano mie opinioni di carattere politico. Faccio questo perchè qualsiasi cosa mi possa balenare in mente c'è il rischio che se la esternassi,  potrei essere tacciato di voler  condizionare in un senso o nell'altro una minuscola parte di elettorato. E ho il forte timore che in queste elezioni una minuscola parte di elettorato (magari una decina di voti), alla fine, possa rivelarsi determinante. Per cui, da qui al 5 Giugno ci si nutre a pane e par condicio. E il blog rimarrà dunque a disposizione di tutte le coalizioni per eventuali comunicati politici che arriveranno e saranno prontamente pubblicati. 

Approfitto di questo post per chiedere una cosa a chi, il 5 Giugno notte, sarà nei seggi come presidente di sezione e sarà quindi responsabile delle operazioni di spoglio. 
C'è la cattivissima abitudine a Porto Recanati, in qualche sezione, di estrarre tutte le schede e dividerle per mucchietti. E poi, solo successivamente, contarle. 
Penso che questa cosa non sia regolare. La scheda singola va estratta dall'urna, aperta, letta e verbalizzata immediatamente. Questi mucchietti, tra l'altro,  rendono il lavoro di chi poi deve provare a capire l'andamento delle elezioni minuto dopo minuto, molto difficile.

Non sarebbe male se dall'ufficio elettorale si impartiscano dunque disposizioni unitarie. Con il divieto, appunto, di fare questi mucchietti di schede che solo ad estrazione di tutto ciò che le urne contengono vengono quantificate e assegnate alle liste.

Spero che qualcuno ascolti questo suggerimento. Aiuterebbe a capire meglio l'andazzo del voto nelle due ore immediatamente successive alla chiusura dei seggi.

Per tutto il resto.. buon voto a tutti.


P.S.  Quanto sotto è quello che il Ministero dell'Interno prevede per le operazioni di scrutinio (i Predidenti di Seggio si leggano bene il neretto sottolineato):

 97. Spoglio e registrazione dei voti 
Il seggio procede alle operazioni di spoglio e scrutinio delle schede votate avvalendosi dei due esemplari delle tabelle discrutinio, uno con frontespizio di colorerosso e l’altro con frontespizio di colore nero: modelli n. 262/AR (voti di listae voti di preferenza) e 262/1-AR (voti ai candidati sindaci e schede bianche e nulle), per i comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti; modello n. 263/AR, per i comuni con popolazione sino a 15.000 abitanti.
Le operazioni da compiere sono, in ordine di successione, le seguenti:
a) un primo scrutatore designato con sorteggio estrae dall’urna una scheda alla volta, la apre e la consegna aperta al presidente;
b) il presidente pronuncia ad alta voce,anzitutto, il cognome(o il nome e cognome) del candidato alla carica di sindaco votato;
c) il presidente pronuncia ad alta voce, successivamente, la denominazione della lista votata;
d) il presidente, se la scheda votata contiene voti di preferenza, pronuncia il cognome (o il nome e cognome) del candidato o dei candidati alla carica di consigliere comunale votati e il numero del candidato o di ciascuno dei candidati stessi,
 e) il presidente passa quindi la scheda spogliata a un secondo scrutatore;
f) il secondo scrutatore prende nota, in uno dei due esemplari della tabella di scrutinio, del numero progressivo dei voti riportati da ciascun candidato sindaco; del numero progressivo dei voti riportati da ciascuna lista; del numero progressivo di voti di preferenza riportati da ciascun candidato della lista stessa;
g) contemporaneamente, anche il segretario del seggio pronuncia ad alta voce il nome del candidato sindaco votato, la denominazione della lista votata e i nomi dei candidati votati della lista stessa e prende nota, nell’altro esemplare della tabella di scrutinio, del numero progressivo dei voti riportati da ciascun candidato sindaco; del numero progressivo dei voti riportati da ciascuna lista; del numero progressivo di voti di preferenza riportati da ciascun candidato della lista stessa;
h) un terzo scrutatore ripone la scheda spogliata e scrutinata nella cassetta o scatola che precedentemente conteneva le schede autenticate non utilizzate perla votazione. Le schede possono essere toccate soltanto dai componenti del seggio. E’ vietato estrarre dall’urna una scheda se quella precedentemente estratta, dopo averne spogliato e registrato il voto, non è stata riposta nella cassetta o scatola. Pertanto, non è consentito estrarre contemporaneamente dall’urna più schede e accantonare provvisoriamente una o più di esse per un successivo spoglio o riesame. Si richiama l’attenzione dei presidenti di seggio sulle illustrate operazioni di spoglio e registrazione dei voti e sull’ordine di svolgimento delle operazioni stesse. La violazione delle relative prescrizioni comporta la pena della reclusione da 3 a 6 mesi.












49 commenti:

  1. Le regole dello scrutinio sono chiare. Adottare soluzioni "casarecce" la dice lunga sul tasso di legalità di un luogo.

    RispondiElimina
  2. Semplicemente grazie Argano.

    RispondiElimina
  3. Questi consigli sono fondamentali per riacquistare la giusta responsabilità e correttezza per renderci politicamente migliori. Le schede vanno osservate bene, perché spesso il voto è espresso in maniera impercettibile con piccoli segni. Quindi buon lavoro a tutte le squadre dei seggi e ricordate di onorare la cosa più sacra del 5 giugno.....la volontà dell'elettore....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non diciamo cazzate! Il voto viene espresso normalmente e i segni impercettibi sono le fantomatiche illusioni dei fanatici politici che vedono in un punto, un foglio leggermente piegato persino il nome e la via del candidato di cui si fa il galoppino!

      Elimina
  4. Grazie Argano perché nonostante a volte non sia d'accordo con te, e non potrebbe essere altrimenti dato che ognuno ha un suo cervello ed un suo pensiero, non posso non riconoscere il grandissimo servizio che hai svolto e stai svolgendo per il nostro paese. Grazie ancora.

    RispondiElimina
  5. Ho assistito come rappresentante di lista agli scrutini delle regionali, in effetti la pratica stigmatizzata da Argano crea confusione a chiunque. Grazie per aver sollevato la questione, credo che molti si rimettano alle decisioni dei vari presidenti di seggio senza nemmeno verificarne la regolarità! Auguriamoci il meglio per la nostra città.

    RispondiElimina
  6. Ho fatto il rappresentante di lista più volte ed ho dovuto cozzare con l'anarchia che a volte regna sovrana nella gestione delle schede! Mucchi di schede fuori controllo gestite con superficialità! Gente inesperta che non riesce a gastrite un'urna! Senza requisiti o curriculum o esperienza non si va da nessuna parte, figuriamoci se si può arrivare a governare una città!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono regole da rispettare. Non si puó inventare comportamenti non consoni ai dettami del Ministero dell'Interno. Se mi dovessi trovare in qualche sezione dove il Presidente di seggio fa i mucchietti di schede, io chiamo i Carabinieri e denuncio il Presidente.

      Elimina
    2. Grazie di tutto argano. E condivido

      Elimina
  7. E mi raccomando buon senso nell'eventualità di un annullamento di una scheda.Per esempio ci sono cognomi anche lunghi o difficili da scrivere per alcuni anziani quindi se anche non e' scritto per intero e si capisce il senso datela per buona.Anni fa ho visto persone scannarsi per un nome scritto parzialmente ma che comunque era rapportabile ad un candidato specifico.

    RispondiElimina
  8. Angela Reversi29 maggio 2016 16:55

    Non posso che elogiare il servizio svolto da questo blog e per quel che riguarda le previsioni da te fatte, devo rilevare un'assonanza di opinioni con ciò che anch'io penso. Mai come quest'anno l'incertezza regnerà sovrana fino all'ultimo voto.

    RispondiElimina
  9. Ho fatto lo scrutatore per tre consecutive tornate elettorali. Due di queste sotto la presidenza di seggio di Mario giri. Il suo modo di procedere allo spoglio è assolutamente aderente alla normativa ed è uno dei pochi presidenti a rispettarla. Purtroppo alle prossime elezioni non potrà più presiedere la sezione perché ultrasettantenne... come se passati i 70 anni sì diventasse incapaci di intendere e volere ma comunque in grado di fare il Presidente della Repubblica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è capitato più volte di ricoprire il ruolo di Presidente, sono all'ultima possibilità per raggiunti limiti di età. Quello che vorrei evitare o far modificale in futuro è la norma che regola la sostituzione degli scrutatori assenti all'insediamento del seggio. Infatti succede quasi sempre che il presidente per la sostituzioni dei predetti assenti, è obbligato a prendere prima il più anziano ed eventualmente in caso di due assenti, il più giovane. Bene solitamente per i più anziani non esistono regole precise (ne sul titolo di studio ne tantomeno sull'età che a differenza dei Presidenti è stabilita al compimento del 70° anno di età). Non ho nulla contro degli anziani ma spesso questi sono anche ultrasettantenni, che sanno appena leggere e scrivere il proprio nome e cognome; inoltre, per carenze fisiche, molto spesso non reggono ai ritmi imposti dalle attività della sezione. Pertanto sarebbe auspicabile invertire l'ordine di scelta (prendere prima un giovane ed eventualmente un anziano), si eviterebbero disagi la cui responsabilità ricade sul Presidente in primis e sugli altri componenti della sezione in quanto sono chiamati a sopperire alle carenze degli anziani. Grazie e buona fortuna per coloro che continueranno questa esperienza formativa.

      Elimina
  10. ... e per piacere, presidenti e scrutatori mettete via i cellulari!

    RispondiElimina
  11. Da elettore chiedo che almeno quest'anno i candidati a sindaco e, ancor meglio.... I candidati tutti, non vaghino all'interno dei luoghi deputati alle votazioni, lungo i corridoi, sorridendo quasi in tono nascostamente minatorio come a dire: guarda caro elettore che ti vedo, ti conto e il mio occhio arriva anche all'interno dell'urna, quindi mi accorgo se non mi voti!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comportamento ruffiano, tipico degli ultimi giorni del candidato! Sorridere a destra e sinistra, salutare tutti anche chi è forestiero e poi "presidiare" il seggio credendo che così si possa strappare il voto al conoscente, alla commessa del negozio, al bidello della scuola del nipote, al fioraio del cimitero del paese vicino. Ridicoli!

      Elimina
  12. Solo una cosa vorrei,per cortesia,mi fosse spiegata.Cosa c'è di destra nella lista di Mozzicafreddo? Forza Italia(che tra l'altro non è presente in questa lista) è sempre stata considerata movimento di centro che guardava a destra.Poi? Pantone per caso si puo' definire destra? Vorrei che qualcuno di questa lista si firmi e dica chiaramente agli elettori: io sono espressione politica di destra! Io sinceramente non ne vedo nemmeno uno.E' una lista di centro assoluto.Con un piccolo sguardo a sinistra dopo aver candidato Pantone. Ed essersi anche evidentemente avvicinata a Dezi.Quindi il fatto di rubarsi i voti nel centrodestra credo sia l'unico punto dei 4 elencati a non fare proprio nessuna differenza.Sperando che gli elettori di centrodestra aprano gli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua analisi è giusta, ma la lista Mozzicafreddo, da quando doveva essere composta anche da Lega e Fdi, si è posizionata verso destra. Poi certo, fatti fuori i partiti più "tosti" si sono aperti a sinistra, seguendo l'orientamento dell'UDC in Provincia. Ma la Ubaldi ha sempre governato da centro destra a Porto Recanati. Spero come te che gli elettori non si accontentino di dare potere a chi vuole potere a tutti i costi e scelgano quantomeno chi ha una coerenza.

      Elimina
    2. Il post di oggi del l'argano è di elevato acume istituzionale. E tu 23:32 stai parlando di una cosa che non centra nulla
      dimostri che non funziona nemmeno l'emisfero destro del tuo cervello.
      Questi argomenti valli a scrivere sotto i topic opportuni,
      Ma visto che alla lista di destra fdi lega oltre alle cagnare interne comincia la cagarella , allora ogni scusa diventa buona per raccontare cazzate!!!
      Arriverete ultimi non eleggerete nessuno , sarete spazzati via
      Fatevene una ragione

      Elimina
    3. Mi sembra che nel post dell argano si fosse trattato anche su 4 punti che possono spostare gli equilibri del voto. Tra cui il "rubarsi" i voti nel centrodestra. Non so se la lista di Elena Leonardi arriverà ultima. Ma una cosa è certa : per la volgarità e per come ti esprimi, fino ad ora, sei tu l'ultimo delle persone civili e democratiche.

      Elimina
    4. Ano 13:18, i commenti come il tuo hanno l'effetto di far apparire migliore chi ne viene attaccato, quindi dimostri la tua pochezza, quella dei tuoi argomenti e ritengo anche quella della parte che sostieni (mi viene il sospetto che tu ne sia un candidato). Argano ha posto il dubbio sacrosanto di quanti voti la lista Leonardi, ultima nata in ordine di tempo, possa raccogliere nell'area del centro destra, in contrapposizione soprattutto alla lista Mozzicafreddo, perché è con loro che fino all'ultimo erano in trattativa. Se questa analisi ti spaventa trova degli argomenti seri e concreti per discuterne, non insulti a vanvera che sanno di nervi saltati e paura vera!
      E comunque 23:32 non ha mica svelato il segreto di Fatima: Pantone ce l'avete? L'UDC governa col PD in Provincia? Se volevate essere di centro destra forse la strategia non è stata quella giusta...

      Elimina
    5. Scusate ma qui si ragiona con la carta vetrata da sgrosso al posto del cervello.Ano 17.06 che cavolo vuol dire avere un Pantone quindi stare con il Pd come in provincia.Pantone e' il fratello della Pantone più famoso, ma Pantone fratello fino all'altro giorno giocava a pallone non ha fatto mai politica e con il PD non c'entra un beneamato c....o!

      Elimina
    6. Non tergiversare e dicci per chi fa la campagna elettorale Dezi e chi rappresenta la destra in questo movimento. Niente di più. Non è che vi dovete vergognare di questo, sia chiaro, anche perché Dezi e pantone sono brave persone. Ma se si sostiene che Mozzicafreddo è lista di centrodestra, ci dovete spiegare anche dov'è la destra. Grazie

      Elimina
    7. Almeno adesso e' chiaro chi nel PD mischiava le carte continuamente per fare l'accordo co l'Udc a tutti i costi!

      Elimina
  13. Caro anonimo 13.18, leggo con curiosità che vorresti far scrivere alle persone dove vuoi tu. Credo che se Argano inserisce il commento del 23.32, abbia già valutato se è inerente oppure no. Quindi, invece di opinare se uno debba scrivere o no, cerca piuttosto di dirci se effettivamente questo fatto che iag guardi a sinistra sia vero. Perché io sono un indeciso ma se siete rivolti a sinistra, la mia indecisione, diventa certezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Smentite non ne ho viste, e sì che questa cosa di IAG che pende a sinistra si è detta sin dall'inizio della campagna elettorale.
      Poi uno ti può pure dire che Gesù è morto di freddo per avere il tuo voto. Come pure si potrebbe argomentare che oggi a parlare di destra e sinistra si fa una gran confusione. Però chi ha voluto mettere un simbolo esplicitamente di destra lo ha dovuto fare con un'altra lista, perché IAG si professa civica e di fatto candida elementi ben poco destrorsi. A buon intenditor...

      Elimina
  14. Se pensate che qualcuno possa votare in base ai vostri post su un blog, o peccate di superbia o avete una così scarsa considerazione del libero arbitrio altrui.
    Ogni tanto mettete i piedi a terra che è meglio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro mio. Prima di tutto non usare il plurale. Perchè io sono uno. Non dieci. Poi ti consiglio di imparare a leggere l'italiano. Io non ho scritto che in base ai miei post il voto possa uscirne condizionato. Ho scritto che preferisco non esprimere le mie opinioni politiche durante questa settimana peechè poi potrei essere tacciato di voler influenzare il voto. È una cosa già successa due anni fa che mi abbiano tacciato di questa cosa. Per cui parlo di cose vere. Non di fandonie. Buon voto anche e soprattutto a te.

      Elimina
    2. Scusate allora secondo un nuovo ragionamento Iag guarda a sinistra perché ha inserito un cognome uguale a quello di una persona che stava a sinistra.Quindi se Iag inseriva un cognome stile Hitler dicevate che erano nazisti?
      Ma cosa ve fumate?

      Elimina
    3. Un conto è il cognome, un altro è essere fratello di e cognato di. Se Pantone fratello avesse un passato di militanza politica personale si sarebbe costruito il suo percorso e in qualunque schieramento fosse potrebbe rivendicare la sua autonomia dai predecessori. Ma se prima "giocava a pallone" e adesso di mette in lista è evidente che è l'ultimo della serie, dopo sorella e cognato. Poi magari conviene che uno sta esplicitamente col PD e l'altro con un altro schieramento. Ma i voti "personali" di Dezi dell'ultima elezione (amici e parenti) inevitabilmente cercheranno di indirizzarli su Pantone, non sul PD. Evidentemente oggi Udc è meglio di pd.

      Elimina
    4. Quindi con sei liste, i parenti, gli amici di Dezi votano sotto comando?ah ah ah

      Elimina
    5. Leggi il commento dell'anonimo delle 15 di ieri, la risposta è lì. Purtroppo.

      Elimina
  15. beh due anni fa giornali e blog propendevano per la Ubaldi. A occhio e croce non portano bene o comunque non influenzano certo il voto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco che stai confermando una cosa che sostenevi solo tu. Ovvero che questo blog possa influenzare le elezioni.

      Elimina
    2. P.S. : Io non ricordo più se due anni fa ero Ubaldiano o Riccettiano. Sono stato Ubaldiano e Riccettiano un sacco di volte....

      Elimina
  16. gli scrutatori non dovrebbero cambiare ogni anno? non dovrebbero essere assegnati a persone disoccupate o inoccupate lavorativamente parlando? a porto recanati questo non succede mai..... avoglia a dire Buon voto a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco. Sbaglio pure a dire "buon voto a tutti". Ovviamente ne desumo che la colpa che gli scrutatori non cambino sia mia. Giusto?

      Elimina
    2. non so di chi sia la colpa ma non sicuramente tua caro argano, comunque ho notato che gli scrutatori sono quasi sempre gli stessi ALTRO CHE SORTEGGIO!!!

      Elimina
  17. Noto con dispiacere ma senza meraviglia che di qualunque argomento tratti Argano la lista mozzicafreddo utilizzi questi post, pensando che chi legge sia fesso, come pubblicità più o meno occulta. Ma È finita un'era. Signori/e fatevene una ragione. Con la lista che avete messo dove pensate di andare? O forse .... Ve ne state rendendo conto e sentite la terra chr comincia a vacillare sotto i vostri piedi????

    RispondiElimina
  18. Peccato.Io ero fra quelli che si augurava che L'Argano prendesse una cantonata e gli sfuggisse seppure involontariamente un velatissimo suggerimento, perchè stavolta mi avrebbe tolto le castagne dal fuoco.

    RispondiElimina
  19. In un mondo normale L'ARGANO avrebbe potuto esprimere la sua intenzione di voto senza ripercussioni.I talebani dei partiti non vedono invece, l'ora di appiccicato un'etichetta permanente a questo blog come a qualsiasi persona possa criticarlo perché la politica deve restare "cosa loro".Allora suggerirei all'organo di esprimersi sotto l'anonimato!

    RispondiElimina
  20. anonimo triste31 maggio 2016 11:31

    l'onestà intellettuale da noi è concetto astruso, ciò che conta appunto è appicciccare un'etichetta e magari sbandierare un sacco di proposte " culturali "
    la cosa triste appunto è che non c'è più niente da dire se non che siamo finiti

    RispondiElimina
  21. Ma non potete decidere da soli per chi votare? Poveri noi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diccelo tu,se hai un parente o un amico che poi ci saprà ringraziare come si deve, lo votiamo!

      Elimina
    2. Hai capito perchè Cosa Nostra regge, comprese le sue versioni territoriali?

      Elimina
  22. Conferenze che vengono disertate per paura di essere individuati come simpatizzanti del gruppo che l'ha organizzata. Incontri a cui non partecipano neanche i diretti interessati, che poi sono i primi a lamentarsi quando la loro categoria viene messa in crisi. Ma di cosa vogliamo parlare? Cari portorecanatesi, state sereni, se non ve ne frega una mazza di come vanno le cose, non lamentatevi. Tanto v'ho segnato tutti, il primo che dice: "si no ma guarda te che schifo..." gli sputo in faccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conferenze fatte solo a scopo elettorale,più che palese.Poi fino alle prossime elezioni il niente assoluto, sta a voi conquistare il consenso quindi l'autocritica viene prima delle scuse più ridicole.

      Elimina
    2. piuttosto che essere assimilato al tuo partito mi sputo in faccia da solo!

      Elimina
    3. È difficile non pensare che tutta questa fervente attività culturale e sociale sotto elezioni non sia promozionale. Anche per questo la gente non partecipa. Quante conferenze ha fatto il PD nei mesi precedenti?

      Elimina