QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 19 gennaio 2016

COSA FARA' UPP DA GRANDE?

In molti mi chiedono che cosa faranno dalle parti di UPP in riferimento alle prossime elezioni amministrative. Chi vi scrive non ha ovviamente la sfera di cristallo. Ma è indubbio che UPP sarà ai nastri di partenza della prossima tornata elettorale con una propria lista.
Grosso modo, da questo punto di vista, sono quelli più avanti di tutti: hanno già le risorse umane per compilarla. E hanno, a naso, il rispetto dei generi già assicurato.
Sempre per intuito, presumo che nelle loro riunioni avranno stabilito dei paletti che più o meno si possono riassumere in questo modo:

1) maggiore coerenza del progetto politico
2) affidabilità totale dei candidati
3) fedeltà assoluta alle linee guida del programma che staranno pianificando
4) compattezza del gruppo con obbligo di remare tutti dalla stessa parte
5) ricerca dell'allargamento dei consensi verso altri elettori di "movimenti" che magari o non saranno presenti alle elezioni o, per altri motivi, hanno perso importanti pezzi per strada

Insomma, tutto fuorchè una riedizione di "Noi per Porto Recanati" parte seconda. Perchè comunque, anche da quelle parti, la fine della consiliatura (molto) prematura, ha bruciato parecchio.

Quanto può valere UPP in termini elettorali?  Non ne ho la più pallida idea.
Dentro UPP ci sono comunque figure che di consensi, alle passate elezioni, ne hanno portati a casa in numero cospicuo. E ci sono delle vere e proprie macchine elettorali (vedi Zoppi). Insomma, un loro elettorato ce lo hanno.
Basterà per vincere?
Diciamo che a mio modo di vedere se si verificherà lo spacchettamento delle liste (due a destra e due a sinistra) se la possono giocare.
In tutti i casi un obbiettivo (il sesto che sopra non ho elencato) lo centreranno in qualsiasi caso.
Ovvero: rompere le palle al PD. Cosa che in UPP crea un particolare gusto dai risvolti quasi sadici.....

Chi sarà il loro prossimo candidato sindaco?  Non lo so. Sempre a naso potrei sostenere che non sarà Riccetti. Che attualmente  vedo più come una scelta di ripiego (per la candidatura a sindaco) che può essere messa in campo solo nel caso in cui altri, che magari nel tempo sono stati individuati, dovessero non essere disposti a candidarsi a primo cittadino. Con Riccetti che comunque rimarrebbe punto di riferimento fondamentale del gruppo.

Venerdì sera UPP inizia ufficialmente la sua campagna elettorale alla Sala Biagetti con una serata dedicata a varie problematiche che riguardano la nostra cittadina.  Di favorevole hanno un dato che io non trascurerei:  non devono stringere accordi e alleanze con nessuno. Sel non può che confluire in quel progetto in modo fisiologico. Non serve neppure mettersi al tavolo a contrattare. Per il resto non dovranno far altro che preoccuparsi di acchiappare consensi qua e là tra i giovani e nella società civile.  Mentre tutti gli altri vanno a cena, loro sono già operativi. E potranno giocarsi una carta, in campagna elettorale, che può portare comunque consensi: ovvero tacciare tutto il resto dello scibile politico locale  di puzza di vecchio e stantio. (in fondo UPP ha solo 7 anni di vita...).

In ogni caso, questa volta, se il loro progetto sta prendendo la piega che io penso, non dovranno scendere a nessun compromesso. Non dovranno pretendere posti e prebende sulla carta. Non dovranno chiedere garanzie di nessun tipo. Se vincono si prendono tutto. Punto. Possono divertirsi, insomma. E fare una campagna elettorale divertendosi è sempre meglio che farla con compagni di viaggio di cui non ti fidi, non ti sei mai fidato (sentimento reciproco, sia chiaro) e che non possono far altro che far fallire qualsiasi progetto (come successo con NPP).

Potrà influire la recente uscita dell'ex Sindaco Montali nei loro confronti dal punto di vista elettorale? Anche qui non ho la sfera di cristallo per rispondere. Ho sempre detto e scritto che UPP negli ultimi due mesi della precedente consiliatura si è quotidianamente e scientificamente "smarcato" da alcune (pessime) scelte della Montali. Per cui sono sempre stato l'unico a scrivere, e lo confermo oggi, che la rottura di UPP con la Montali non è riferita al manifesto di qualche giorno fa. La rottura di UPP con la Montali è datata Febbraio/Marzo 2015. Poco, anzi nulla, conta che poi UPP sia rimasto da solo a fare la stampella all'ex Sindaco Montali. Gli stracci erano già volati su una serie di decisioni importanti. Il ferito sanguinava. Ora è definitivamente deceduto. Ma non era guaribile.
La Montali con il suo ultimo comunicato ha attaccato l'ultima forza che gli rimaneva di attaccare. Ora ha fatto cappotto. Si è tolta una marea di sassolini dalle scarpe. Ma è decisamente sola. E non ha uno straccio di consenso politico intorno. E dalle parti di UPP nella campagna elettorale che sta iniziando possono addirittura dire (secondo me mentendo) che sono stati gli unici a rimanere attaccati alla Montali fino all'ultimo giorno. Sempers fidelis. Quando in realtà l'avevano massacrata dal di dentro fino a portarla ad una naturale agonia.

Per cui io, che su UPP come sapete ne ho scritte di tutti i colori, non li vedo male. Perchè hanno quella insostenibile leggerezza dell'essere che altri potrebbero non avere. E perchè alla fine si ritroveranno tra compagni di merenda. E una campagna elettorale è meglio farla tra amici che mangiano una pizza insieme. Piuttosto che tra persone che sono irrimediabilmente destinate a pugnalarsi nel breve volgere di un lasso di tempo assimilabile ad un paio di stagioni climatiche.











10 commenti:

  1. Mi sembra una analisi lucida e corretta di un movimento politico che si è maturato con l'esperienza di opposizione prima e di governo dopo.
    E' un movimento giovane, composto da giovani, ai quali spetta dal punto di vista generazionale dire la sua.
    Altrimenti se non c'è ricambio nella politica cosa andiamo a fare al voto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovani ? la scorsa volta non ha avuto un candidato under 30... ora semplicemente i candidati saranno quelli dell'altra volta invecchiati di 2 anni

      Elimina
    2. ...maturato?

      Elimina
  2. Movimento Giovane UPP?

    RispondiElimina
  3. Argano UPP non sarà mai grande, questo giro elettorale se andrà bene avranno un eletto.

    Candidato sindaco penso sia automatico riccetti , nessuna figura di rilievo si metterebbe in gioco con loro. Altrimenti unici ripieghi potrebbero essere Zoppi o Reboli. Dici che sono più avanti di tutti per la lista? non direi manca il punto cardine il candidato sindaco ... gli altri lo sai bene che lo hanno tutti , destra Rovazani , la Ubaldi se va da sola ovvio sarà candidata , il PD ha Giri ...

    i nomi validi non li tiri fuori all'ultimo... come si è dimostrato nel 2014.

    Senza potersi spacciare come PD arriveranno attorno ai 500-600 voti se gli va bene , dipende anche molto da cosa farà il 5 stelle.

    UPP si presenta come novità dici? In realtà sono equiparabili a quella sinistra che Renzi ha eliminato dal pd , rappresentano la sinistra antistorica che è destinata a scomparire divorata da una parte dal PD di renzi e dall'altra dal 5 stelle che certamente rappresentano qualcosa di "nuovo".

    Inoltre le regole che dici riassumile pure in "fare quello che dice Riccetti" risparmieresti molti caratteri e diresti veramente quello che rappresentano.

    RispondiElimina
  4. Eprimi pure la tua opinione. Ma ti prego non mettermi in bocca cose che non ho scritto. Io non ho scritto da nessuna parte che UPP si "presenti come novità". Ho scritto, e sono disposto a confermarlo, che al cospetto di Giovanni Giri o Rosalba Ubaldi hanno una storia molto più giovane. Ecco, questo ho scritto. E ti sfido a contestarlo.

    RispondiElimina
  5. Storia giovane certo, ma per guidare un comune ci vuole ben altro. Si sono mostrati gia' inadeguati una volta, tutti, e nei portorecanatesi non hanno lasciato un buon ricordo, e non puo' Essere sempre colpa di dezi, cana e fiasch....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma scusami. Questo cosa c'entra con il Post di oggi? Io mica ho scritto: "VOTATE UPP"!!!

      Elimina
  6. Movimento relativamente giovane è vero, tuttavia alcuni suoi componenti sono più che veterani di candidatura. Giampiero Cappetti se non sbaglio fu in lista nel 1985 con il centro sinistra, Giuliano Paccamiccio fu in lista nel 1999 con Impegno per Porto Recanati con candidato proprio Giampaoli, lo stesso Riccetti se dovesse essere in lista (come per Zoppi e Paccamiccio) sono già alla terza candidatura. Siamo sicuri che è questo il nuovo che avanza?

    RispondiElimina
  7. Risparmiateci la campagna elettorale per favore e rimanete on topic.
    Il post dell'Argano voleva dire altre cose che, offuscati dalla partigianeria spicciola, non avete colto.

    RispondiElimina