QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 15 dicembre 2015

PIANO ANTENNE. COME SI FA CON LA ZONA DI VIALE EUROPA?

Leggendo le varie osservazioni al piano antenne che gruppi politici o singoli cittadini hanno fatto pervenire al nostro Commissario Dott. Passerotti, mi sono sorti dei dubbi che provo a descrivere. Con la speranza che magari qualcuno di quelli più informati di me sulla materia,  possa fornirmi una adeguata risposta.

Più precisamente io ho capito che il Piano Antenne è uno strumento con il quale un Comune, tramite un approfondito studio affidato ad azienda competente, localizza dei punti, generalmente pubblici, dove sarebbe opportuno, per un disposto combinato che preveda la salvaguardia della salute dei cittadini e la possibilità di concedere alle aziende di telefonia spazi che siano idonei a coprire il territorio tramite il segnale emesso dalle antenne, installare questi impianti.

Dove le compagnie vorrebbero installare questi impianti, è dunque elemento  imprescindibile e di primaria importanza. Provo a spiegarmi meglio: se Vodafone o Wind, hanno bisogno di un impianto che copra la fetta di territorio che va dall'Hotel Mondial alla Caserma di Carabinieri e si estende da est ad ovest dal mare alla scuola media o ferrovia, il piano antenne dovrebbe preoccuparsi di trovare un posto (preferibilmente pubblico) dove poter installare questi impianti in questa fetta di territorio.
Non possiamo, infatti, dire alla Wind o a Vodafone di andare in campagna ad installarlo. Perchè in campagna, con quel dato impianto, le compagnie non coprirebbero (con la tecnologia 4G) la zona di cui sopra.

Sempre se ho capito bene, nella attuale giurisprudenza, non esistono strumenti normativi per impedire a queste compagnie di installare impianti nella fetta di territorio che ritengono idonea. E sempre se ho capito bene, nel contempo, esiste invece una giurisprudenza consolidata che stabilisce che queste antenne non possono deturpare a livello architettonico e paesaggistico la struttura di un paese e non possono altresì essere installate nei pressi di luoghi ritenuti sensibili come scuole o ospedali.

Specificato questo, torniamo al quartiere Viale Europa, che è logicamente insorto alla notizia che le compagnie vogliono installare un impianto antenna in quella zona.

Le ipotesi aperte sul tavolo, allo stato attuale dell'arte, a me sembrano queste:

a) in quel quartiere tramite piano antenne (come già fatto) si individuano spazi pubblici che non deturpino il paesaggio e che siano lontani da luoghi sensibili. Ce ne sono? A me sembra di no.

b) le compagnie, che comunque uno o più  impianti in quella zona li devono installare, se prendono atto che di fatto un piano antenne non è riuscito ad individuare idonea locazione, procedono come fatto in Via Pacinotti. Individuano un palazzo privato che ritengono idoneo, contattano i proprietari con una offerta di "locazione" del solaio, e scrivono al Comune per una richiesta di permesso ad installare l'impianto. A quel punto se il Comune non è riuscito ad individuare uno spazio pubblico ritenuto idoneo dopo aver redatto il progetto "piano antenne" e raccolto le varie osservazioni, non può far altro che procedere con una sorta di "silenzio assenso" autorizzativo dell'impianto.
Conseguentemente, dunque, l'antenna finisce sopra un tetto deciso dalle compagnie.
E chi è nel main lobe (luogo di massima esposizione) dell'effetto delle radiazioni elettromagnetiche non può far altro che tacere.

Per cui, chiudendo con il massimo del pragmatismo, io vorrei capire cosa propongono gli abitanti del quartiere Europa in alternativa al piano antenne. Fermo restando (sempre se di tutta questa storia sono riuscito a comprendere tutto...) che le compagnie telefoniche quando individuano una fetta di territorio dove necessitano di un loro impianto, non penso possano essere obbligate a sloggiare altrove.







9 commenti:

  1. Ti ridonderanno con la classica frase." Vogliamo il 4G, ma l'antenna non deve sta qui!"

    RispondiElimina
  2. in zona ci sono le scuole... quindi ...occhio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la serietà "variabile" di tanta gente si vede dal fatto che l'antennone tim_vodafone sopra 3 asili intorno a via marconi non fotteva ad altri se non - quasi solo - ai residenti, mentre l'antenna messa con tutti i crismi di cautela richiesti ai privati da polab - e che andrebbe a scaricare il traffico e l'elettrosmog del centro storico, spalmando, secondo turco della polab, valori sopportabili in tutta la città - è il male e fa dannare tutto un quartiere e almeno un paio di partiti politici.

      tra l'altro la ricostruzione di argano mi pare più che corretta.

      Elimina
  3. giuseppe residente del quartiere Europa15 dicembre 2015 09:50

    Il rinnovato Comitato di Quartiere faccia sentire la sua voce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e sarebbe pure ora che prendessero POSIZIONI non solo xfeste e messe, anche io faccio parte del quartiere Europa

      Elimina
    2. Gli aventi diritto al voto erano 1030 i votanti sono stati 160 circa. Spero che tu Giuseppe sia uno di quelli che è andato a votare !!!! Antonio residente del quartiere Europa

      Elimina
    3. io si sono andata a votare!

      Elimina
    4. si sig. Antonio del quartiere Europa, sono uno di quelli che è andato a votare perchè come la signora Mirella credo e sostengo che un comitato non debba occuparsi solo di feste e messe ma del bene ad ampio raggio del luogo dove ogni giorno si vive!

      Elimina
  4. ma xchè nel grande parcheggio Europa non si può installare antenna a chi da fastidio?

    RispondiElimina