QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 7 dicembre 2015

EMIGRANTI

Emanuele De Chellis è uno storico lettore di questo blog. Come sapete, in passato, ha ricoperto incarichi politici nella nostra Porto Recanati. Poi ha deciso di emigrare in Germania. Per garantire un futuro migliore a se stesso e alla sua famiglia.

Mi ha inviato questo scritto, che pubblico molto volentieri.


Un saluto a tutti voi lettori del Blog.
Voglio raccontarvi in breve le varie e molteplici differenze che ho notato vivendo qua in Germania e vedendo ormai solo tramite internet Portorecanati.
Sono ormai otto mesi che sono in Germania e che sono lontano dalla mia terra, ma non ho potuto far a meno di rimanere basito di quanto il nostro Paese, Italia, sia rimasto indietro anni luce dalla Germania di una Conservatrice Cristiana come la Merkel.
Le cose che ho notato sono molte, le descrivo brevemente.
Ad esempio, le banche, da noi, sono quasi inaccessibili, metal detector assurdi, barriere architettoniche nella quasi totalità dei casi, insomma oltre al danno anche la beffa. Ecco, qui le banche non hanno metal detector, sono tutte in piani raggiungibili da persone disabili o da semplici passeggini, sono gestite da persone giovanissime, e  gli sportelli bancomat sono tutti rigorosamente al chiuso.
I parcheggi per lo più sono gratuiti o comunque con disco orario. E le multe le prende per intero il comune, non metà o in parte.
Non esistono scuolabus per gli asili, sono i genitori che si devono prendere carico dei figli e accompagnarli a scuola, tutti i giorni. E si può fare.
Negli asili c’è si la mensa ma se un genitore ha figli che magari per problemi di allergie o di religione o di semplice gusto suo figlio non mangia quello che il menù offre, può tranquillamente portare il cibo da casa e le maestre lo riscaldano senza nessun problema.
Rifiuti nelle strade anche strade molto trafficate da camion ecc non ce ne sono.
Gli uffici sono sempre aperti, tutti i giorni, e nessuno ci fuma all’interno……
Per fare le targhe dell’auto ci si mette all’incirca 15 minuti, compreso di revisione se serve e libretto nuovo di circolazione. Nessun viaggio in mille uffici.
L’assicurazione sanitaria copre spese mediche di ogni tipo, dentista, analisi e visite specialistiche.
Nei parchi pubblici non  esistono illuminazioni, e vige il divieto assoluto di fumo all’interno del parco stesso. Inerentemente all'illuminazione mi sono chiesto il perché vogliano lasciare il parco al buio pesto la notte. La risposta è semplice:  se non si vede nulla le persone male intenzionate non riuscirebbero a starci. E infatti i giochi e le piante sono intatte, nessuna scritta, nessun gioco divelto, nessun albero abbattuto….
Raccolta differenziata:  nel mio paese, 10 mila abitanti circa, la raccolta funziona così. Una volta ogni due settimane passano con la Plastica, l’indifferenziato e la carta. Ogni due settimane. Per il vetro ci sono delle campane sparse fuori paese dove dividere il vetro in base al colore. Nel  99% dei casi si ricicla riportando nei supermercati sia  la plastica che le lattine e il il vetro.  Per questi "resi" ti restituiscono  all’incirca dai 10 ai 30 centesimi a bottiglia, soldi che puoi ricevere in contanti o scalare dalla spesa totale.
Mezzi pubblici puntuali e puliti, strade senza crateri, verde tenuto come si deve, tutto funziona perfettamente.
Tutti, dico tutti, sono tenuti a pagare le tasse, e anche qui c’è il canone, Deutschland Radio, si paga mensilmente e è più alto di quello italiano, ovvio, non trasmettono la stessa ciofeca della Rai……
Chi non paga le tasse o multe varie, dopo tre lettere viene segnalato alle autorità e ti ritrovi la Polizei sotto casa…..
Ecco, questi sono alcuni delle tante differenze che ci sono nei due paesi.
Qui si vive, e si respira. In italia si sopravvive e non si respira più per l’aria troppo pesante che si è creata.
Ho lottato nel mio piccolissimo potere che ha una persona in questo mondo, ma per i miei figli ho voluto cercare un futuro diverso e migliore, e il buon giorno si vede al mattino, sono sicuro che ce lo avranno.
Spero di non avervi annoiato e che riusciate a vedere in Porto Recanati quelle differenze che ho sopra indicato e di riuscire a cambiare qualcosa.
A presto e buone feste a tutti!


De Chellis Emauele

22 commenti:

  1. ...E i nostri burocrati non sanno nemmeno copiare dagli altri oppure non vogliono?

    RispondiElimina
  2. Che dire, grazie Emanuele per le cose delle quali ci hai fatto partecipi.
    E' stato un po' come vedere con i nostro occhi quello che succede oltre i nostro confini nazionali e balza subito agli occhi quanto scontiamo noi in termini di disagio l'inettitudine italiana a fare le cose con razionalità.
    A partire dal trasporto scolastico che in Germania non esiste per semplice fatto di pragmatismo.
    E qui il discorso sarebbe lungo, anzi lunghissimo.

    RispondiElimina
  3. Lo dico con amarezza, ma tutto quello che rende basito il nostro caro De Chellis, sconta l'abissale differenza tra la società civile e quella incivile o peggio criminale. Vado oltre, paghiamo i canoni bancari e assicurativi più alti in Europa, perchè in Italia abbiamo da soli, oltre la metà delle rapine e delle truffe di tutta la Comunità Europea. Da qui ne discende a catena una serie incontrollabile di conseguenze che ci rendono agli occhi degli "altri", inaffidabili, poco seri per non dire mafiosi. Colpa dei burocrati o meglio dei politici?
    Oppure di una larga parte della popolazione nostrana adusa a vivere al di fuori delle regole e dello Stato?
    Vogliamo ancora continuare a prenderci per il culo oppure vogliamo dire la verità?
    Una piccola osservazione. Rispetto a quando ero piccolo (sono nato qui e vivo qui da sempre) non mi era mai capitato nei supermercati di trovare, tra gli scaffali ben nascosti, bibite consumate, patatine aperte, gelati mangiucchiati e altro ancora.
    Una cosa sinceramente fastidiosa. Cos'è cambiato rispetto ad allora?
    A voi la banale risposta.
    P.S. Non venitemi a parlare di razzismo qualunquisti ipocriti, fate pessima figura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Razzismo no ma, permettimi,non mi sento compatriota di chi non rispetta le regole, di chi non paga il bollo dell'auto della tv,l'assicurazione. ...mi piace di più un mondo pieno di tedeschi che di certi "italiani ".

      Elimina
  4. La Germania è così da anni come molti altri paesi d'europa.Vi siete mai domandati perché già nel 2002 non volevano farci entrare in europa.L'Italia si avvicina sempre più al nord Africa. Basta girare un pò per rendersene conto.Fatevi raccontare da qualche amico Siriano come è iniziata la rivolta con le conseguenze che tutti sappiamo.(la classe produttiva Siriana era stanca di vedere i loro politici corrotti ed incapaci)così hanno finanziato la rivolta per cacciare la classe politica.Ogni mezzo era lecito anche farsi aiutare dagli estremisti che aiutati da qualche paese straniero si sono impossessati della rivolta cacciando anche chi aveva voluto togliere Bashar.Non vi sembra coincida con quello che verrà in Italia.

    RispondiElimina
  5. De chellis se in italia eliminano il tradporto scolastico i primi ad insorgere sareste voi della sinistra hai detto bene l'assicurazione ti da tutte le assistenze mediche non il sistema sanitario nazionale e x le banche se non ci sono le porte di sicurezza è perchè chi delinque sconta la pena non come qui in italia che facciamo i decreti svuota carceri

    RispondiElimina
  6. De Chellis ho lavorato anche io in Germania ad Essen e sopratutto ha lavorato per 5 anni in Svizzera e sai qualè la differenza tra le diverse realtà che tu hai sottolineato? La ci vivono i tedeschi e gli svizzeri, in Italia ci viviamo noi. Se vuoi andare a vivere la ti devi uniformare al loro modo di vedere le cose, chi invece viene in Italia fa quello che più gli aggrada tanto nessuno dirà mai niente. Se commetti un reato in quei paesi stai sicuro che se ti prendono la pena è certa.Se lo commetti da noi domani sei già fuori. Per ultimo ti dirò qualcosa che forse non ti piacerà ma prendetela con filosofia. Da noi c'è SEL, da loro no!!!!!. Però nonostante tutto sempre FORZA ITALIA in tutto e per tutto
    Saluti e auguri Antonio Piangerelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ci meravigliamo che in Italia siamo stati succubi di Berlusconi per vent'anni

      Elimina
    2. Povero di spirito!!!! Quando ho scritto FORZA ITALIA non intendevo il partito di Berlusconi ma intendevo incitare la nazione italiana che nonostante tutto va e deve essere incoraggiata da noi che la abitiamo. A prescindere da tutto non avrei un attimo di indecisione se la scelta fosse obbligata tra Venddola e Berlusconi. Saluti A.P

      Elimina
  7. "Ho lottato nel mio piccolissimo potere che ha una persona in questo mondo" e questo ti fa onore, bravo Manu.

    RispondiElimina
  8. Caro De chellis sembra che tu sia andato a vivere su utopia fuggendo da un paese in guerra!
    Non si emigra per le quattro cose dette da te sopra,altrimenti saresti da curare!
    E se lo hai potuto fare significa che per certi versi te lo potevi permettere,perché ci vogliono i soldi e una famiglia qui in Italia che in caso di difficoltà" ti copre il c..."Cose che la maggioranza degli Emigranti con la E maiuscola non ha!Eppoi pensa un po'metti su un piedistallo la Merkel che fa una politica su cui qui in Italia sputavi ( e ancora lo fai sulla rete)con i tuoi compagni rossi.
    Hai fatto una scelta e la rispettiamo, ma se tu da mesi continui ancora a tartassarci su come fa schifo l'Italia dobbiamo pensare che hai qualche rimpianto che non puoi imputare agli italiani ma che forse dovresti trovare nelle scelte di vita fatte fino ad adesso.

    RispondiElimina
  9. Qualcono può spiegarmi l'utilità sociale dell'intervento di De chellis?! Vuole farci invidia? vuole fare il corrispondente dalla Germania? O vuole spronarci? No perché cavoli ci è' dovuto arrivare fino a lì per farci capire che in Italia qualcosa non va? Solo che noi magari continuiamo a viverci, sbattendoci e cercando di cambiare un giorno il nostro paese in meglio per i nostri figli, lui invece se n'è andato pontificando e dispensando consigli e sputando sopra un paese che ha una classe politica di cui lui mi sembra ambiva farne parte. De Chellis siamo tutti contenti per te che stai bene, ora però lasciaci vivere e lavorare in pace che noi non siamo scappati e nella merda cercheremo sempre e comunque di far crescere del verde per i nostri figli.
    Ps. Okkio che pure le macchine le fanno meglio i tedeschi anche se pare che hanno rifilato 12 milioni di auto truccate in giro per il mondo..non è' sempre oro quello che luccica!

    RispondiElimina
  10. Il pardiso ti da raccolta della plastica ogni 2 settimane. E neanche il rrasporto pubbblico per. I bambini ? E parchi pubblici non illuminati

    Preferisco rimanere nel mio inferno !
    W l'Italia.

    RispondiElimina
  11. Povero Emanuele, è andato in Germania perchè qui non c'è lavoro, ha fatto alcune considerazioni su degli aspetti della società tedesca e qui lo coprono di insulti.Ecco, questi sono gli italiani degni rappresentanti dell'italia (con la i minuscola) che Emanuele ha lasciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ano 17.52 ogni scelta va rispettata,ma leggere gli insulti in rete all'Italia e agli italiani,praticare un'ideologia che non è quella in cui sei andato a vivere( la Germania non è certo un paradiso grazie alla sinistra!),senza un filo di autocritica da parte di De Chellis e rispetto per quello da cui è fuggito, a molti se permetti ha straziato le ......

      Elimina
    2. Emanuele De Chellis10 dicembre 2015 00:13

      Caro Alberto io nn sono fuggito. Ma come saprai se m conosci il mio attivismo politico sindacale lo ho avuto. Per i miei figli voglio un futuro migliore. Punto. Nessuna fuga da infame....

      Elimina
  12. Michele Bianchi9 dicembre 2015 13:15

    Poi scopri che i tanto integerrimi tedeschi, fabbricano auto con centraline elettroniche che alterano i dati di rilevamento dei gas inquinanti e le vendono in tutto il mondo anche nei Paesi che gli stessi tedeschi bacchettano per il mancato adeguamento ai protocolli di Kyoto. Scopri che i tedeschi bloccano le frontiere ai siriani che fuggono dalla guerra (ultimi dati veramente ai limiti della violazione dei diritti umani), ma cicchettano gli italiani se cercano di regolarne l'afflusso. Scopri che un uomo di sinistra come te, osanna un popolo che da sempre rivendica la supremazia razziale (lo urlano anche nel loro inno "deutschlan uber alles..."), trascinando mezzo mondo in guerra...e infine scopri che siamo sempre i soliti italianetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il campanilismo a tutti i costi!nessun tedesco verrebbe a vivere in Italia e non elenco i motivi che è facile immaginare, sottolineo solo l'educazione e la civiltà che ci dividono...purtroppo!

      Elimina
    2. Michele Bianchi10 dicembre 2015 09:17

      "Nessun tedesco verrebbe a vivere in Italia?" Ma se sono 100 anni che cercano di "colonizzarci", siglando una scellerata intesa militare prima e orchestrando un'egemonia finanziaria poi. Il turismo balneare straniero vive solo grazie ai tedeschi. Le campagne toscane, umbre e persino gran parte dell'ascolano, sono prese d'assalto da benestanti tedeschi che vengono qua a trascorrere la pensione. Bada bene te lo dico sulla scorta dell'esperienza di mio padre che in Germania ci ha vissuto 7 anni e che proprio per clienti tedeschi ha ristrutturato una miriade di vecchie cascine delle nostre campagne. Prima di parlare a vanvera, provate a documentarvi.

      Elimina
  13. Emanuele De Chellis9 dicembre 2015 16:38

    Vedo che solo in pochissimi hanno capito il senso del mio intervento che voleva essere solo costruttivo. Restate con le vostre teste che c guadagnate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. De Chellis ancora una volta non accetti le critiche e non fai autocritica,di quale teste parlavi?

      Elimina
    2. Emanuele De Chellis10 dicembre 2015 10:48

      Le accetto. Ma il post è solo fatto per dare idee e spunti. Nessuno sputare sull'italia. Autocritica de cosa...... firmati almeno dai.

      Elimina