QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 27 marzo 2015

LA PRO LOCO: COME CAPIRCI QUALCOSA DI PIU'

La Pro Loco di Porto Recanati, molto per colpa (o merito) di questo blog, è salita da diverso tempo agli onori delle cronache. Ma che cosa sappiamo di questa associazione che, lo ricordiamo a scanso di equivoci, è una associazione privata (che però ha molti contatti con la cosa pubblica)?

Poco, anzi nulla. Almeno se parliamo della Pro Loco di Porto Recanati.

Non sappiamo ad esempio la composizione del suo direttivo. Non sappiamo quanto durino le cariche. Non sappiamo quando e quale assemblea abbia nominato l'attuale presidente. Non sappiamo quali siano le cariche. Non sappiamo quale sia il giro di denaro che smuove e se gli obblighi di rendiconto contabile siano rispettati. Non sappiamo chi sono i dipendenti e da chi e come vengono pagati. Non sappiamo quali siano i compiti svolti. E con quale modalità.

Non sappiamo quando scada l'incarico del suo Presidente. Non sappiamo come viene eletto. Sappiamo che alla Pro Loco di Porto Recanati é in carica lo stesso presidente da moltissimo tempo. Evidentemente l'assemblea dei soci elegge sempre lui.

Non sappiamo nulla della contabilità dello spazio Plein Air che la Pro Loco gestisce da anni. Non sappiamo quanti utili ha realizzato quello spazio negli anni e quali importi siano stati versati alle casse comunali. Non sappiamo quali lavori siano stati eseguiti nel tempo per migliorare il sito. E non sappiamo se quei lavori siano stati preventivamente autorizzati dall'Amministrazione Comunale. E, successivamente, fatturati.

La Pro Loco di Porto Recanati non ha un sito internet. Nulla dal quale saperne qualcosa di più.

Nel compenso sappiamo che nel nostro Comune la fusione IAT - Pro Loco, fortemente voluta da questa Amministrazione, potrebbe dare ancora maggiore compiti e poteri a questa associazione. A fronte di una conduzione della quale non ci è dato sapere assolutamente nulla. Tutto coperto da segreto istruttorio.

Tutto, soprattutto, non reperibile tramite una richiesta di accesso agli atti: vi risponderebbero che non avete un interesse qualificato per avere diritto di conoscere quello che, in fin dei conti, coinvolgendo in maniera importante la gestione della cosa pubblica, dovrebbe essere più che trasparente. E' già successo a chi vi scrive.

E allora, da queste colonne, avanziamo una istanza al Sindaco e agli assessori competenti visto che la Pro Loco ormai è sulla bocca di tutti, che ne dite di rendere pubblico tutto quello che si può rendere pubblico? Incassi Plein Air, ad esempio. E relativi versamenti spettanti al Comune. Autorizzazioni di lavori nell'area. Eventuali fatture riguardanti gli stessi. Regolamenti. E ogni altra cosa. Tutto perfettamente consultabile con un click.

Pensateci bene: del bilancio di un comune possiamo sapere tutto grazie alla sua pubblicazione. Del bilancio di una società privata (che é anche esso "pubblico")!possiamo sapere tutto attraverso una visura camerale. Del bilancio di una Pro Loco, non é dato sapere nulla. Mistero.

Fate che questa richiesta non rimanga vana. Grazie.

Sotto: la normativa fiscale delle Pro Loco.

 

REGIME FISCALE DELLA LEGGE 398/91
Le Pro Loco, le associazioni senza fine di lucro, le associazioni sportive dilettantistiche possono per assolvere le incombenze fiscali applicare il regime previsto dalla legge 398 del 1991. Il regime prevede una serie di semplificazioni in termini di adempimenti contabili e una forfetizzazione del reddito prodotto dalle associazioni. Il limite annuo per poter usufruire dei benefici della legge è fissato in 250.000 euro. In sintesi ecco gli aspetti qualificanti della legge 398/91: o L'opzione deve essere fatta all'ufficio Iva usando l'apposito modello e indicando come regime applicato la legge 398/91 o
E' necessario poi comunicare l'opzione all'ufficio delle entrate e alla Siae locale L'applicazione del regime prevede l'abolizione della tenuta delle scritture contabili e precisamente il libro giornale, il libro degli inventari, i registri iva, il registro dei beni ammortizzabili.
Gli unici adempimenti contabili richiesti sono:
1) conservare e numerare in ordine di data le fatture ricevute
2) registrare sul registro dei corrispettivi (contribuenti minori) gli incassi di natura commerciale realizzati
3) versare trimestralmente l'iva sugli incassi di natura commerciale realizzati
4) compilare nei termini di legge il modello Unico degli Enti non commerciali

 

38 commenti:

  1. La pro loco è nata su iniziativa del partito socialista che vi ha piazzato fin da principio i suoi e non l'ha piu mollata.Alle riunioni ha preso parte un noto dirigente regionale promettendo un futuro da protagonista anche nella gestione dei finanziamenti destinati al turismo

    RispondiElimina
  2. Bè in parte è vero ,ma fu subito una disputa tra Bruno Sampaolesi Pci e Marco Pacella "area socialista" ,e Marco fu aiutato a prendere la Presidenza da un noto Liberal Democristiano di allora, che disse "Marco lo fai tu il Presidente.
    Anche in questo caso , come nell'elezione di Sabrina , se me potessi magnà i gomiti...........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o recidivo

      Elimina
    2. All'inizio non c'era ne' marco né bruno e ci sono state le elezioni,Forse le prime ed ultime

      Elimina
    3. TE SBAGLI ERANO PROPRIO LORO DUE

      Elimina
    4. Il presidente era Enzo Ascani e marco e bruno non c'erano.so quello che dico

      Elimina
  3. Vado spesso in giro per l'italia per turismo e da nessuna parte ho mai visto una pro loco gestita male come quella di porto recanati. Poi dopo quello che è successo trovo doveroso che la Pro Loco passi in nuove mani

    RispondiElimina
  4. gioacchino di martino27 marzo 2015 10:18

    Non esprimo giudizi nel merito perché mi mancano molti elementi per avere il quadro completo. Quello che mi sento di fare, però, è di esprimere, in chiaro, un plauso convinto all"ARGANO perché da libero pensatore riesce a dettare l'agenda della politica cittadina. Peccato che le forze politiche titolate su questo argomento non riescano ad andare oltre a documenti/proclami che lasciano tutto come prima. Io penso che argomenti di questo spessore meritino una mobilitazione democratica da parte di tutti coloro che quotidianamente proclamano la loro fede riformatrice. Burchio o non Burchio, tattiche per la conquista di inutili presidenze o ripicche personali perché in gioventù qualcuno gli ha rubato la merendina, dovrebbero essere messe da parte e accendere tutti i riflettori su un argomento principe per la crescita della nostra città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per sminuire il lavoro dell'ARGANO che è importantissimo, ma personalmente trovo alquanto triste che lo stesso ARGANO detti la linea, e che spesso, anticipa le problematiche cui poi i nostri amministratori, vanno dietro, arrampicandosi in qualche specchio. Così è stato per il Plein Air, mi sembra di ricordare. L'Argano ne ha parlato quando nessuno sapeva nemmeno cosa fosse il Plein Air. E poi è successo quello che è successo. A questo punto, diamo uno stipendio all'ARGANO e togliamolo, in percentuale equa, a quello di nostri amministratori.

      Elimina
    2. No grazie. Sanno già sbagliare da soli. Non serve che io li consigli a compiere ulteriori errori......

      Elimina
    3. Come sei modesto Argano se continui così finisce che sei più umile e votato al servizio pubblico del buon Landini!

      Elimina
    4. gioacchino di martino27 marzo 2015 11:07

      Ma nel momento in cui elogio L'ARGANO è evidente che censuro l'assenza della politica su questi argomenti. Se poi i politici pensano di salvarsi l'anima trasformandosi in novelli evangelisti propinandoci la loro verità bè io ho un concetto un po' diverso della democrazia.

      Elimina
    5. Lei è il dott. GIOACCHINO DI MARTINO macerata/aviazione & aerospace
      ex dirigente presso CIRA ed ex socio UGAI
      ex dirigente REGIONE CAMPANIA attualmente occupato come manager per la comunicazione presso federmanager AN.PU?
      Se si' complimenti sia per il curriculum che per le teorie sulla democrazia che mi sento di condividere pienamente, doppiamente immaginando le difficoltà che avrà incontrato per restare coerente nel suo percorso professionale!

      Elimina
    6. Anonimo delle 12 hai letto che liscio e busso ti ha dato il Dott di martino? mi schianto dal ridere.

      Elimina
    7. Con il curriculum che ha starebbe bene sia alla farmacia che alla Pro loco. Me scompiscio pure io ano pro manager

      Elimina
    8. Cosa c'è da ridire sul curriculum del dott Gioacchino? E quando ci arriveranno mai ,quelli che lo deridono ,a quel livello? Vorrei conoscere l'iter di questi che chiacchierano tanto! Fateci conoscere il vostro curriculum. Che curriculum avete? Speriamo non sia :-Non s'ho fatto cosa, però scrivo sull 'Argano, altrimenti chi mi ascolta. Il ca'?

      Elimina
  5. Ewwiva e adesso ne vedremo delle belle. Caro Argano, penso che questa volta hai messo il dito nella piaga. Stessa cosa dovrebbe succedere per le altre associazioni di volontariato magari definite onlus(!!!!!!).

    Pasquino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...come per esempio la Croce Azzurra? Proviamo a fare le stesse domande del post a quella associazione! non è una ONLUS? quali sono i legami dell'Associazione con il Comune? Forse mi sbaglio, ma non stanno in una proprietà comunale? perchè qualcuno non va a scavare un po' a fondo sulla faccenda? e parlo di bilanci, nomine, fatture, sospesi, pagamenti di stipendio, ambulanze... e mi fermo qui!

      Elimina
    2. questa pure è stata lasciata caderenel dimenticatoio. Volontariamente??

      Elimina
  6. il faro me pare pia fior euro . per tenere su ? cosa? e si parla mila ero non di spiccetti . ogni tanto si dovrebbe rinnovare e fare il bando per questi soldi che magicamente arrivano sempre al faro che nn se sa cosa ci fa .per la proloco le elezioni le fanno come tutte le altre associazioni , e nn vi credete che per tenerle su ci si arricchisce! oltre tutto sete di memoria corta . tutti quelli che criticano ora erano quelli di prima delle pacche sulle spalle . io me chiedo ce se po fida dei GIUDA?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sinceramente non ho capito se ce l'hai con me. Però ti posso garantire una cosa, nel caso in cui ce l'avessi con me: non ho mai dato mezza pacca sulle spalle a chi guida la Pro Loco.

      Elimina
  7. Caro argano si vocifera che nell'ultimo periodo si siano sentiti strani ululati dai piani alti di palazzo volpini.

    RispondiElimina
  8. Bravo ARGANO, hai fatto ancora centro.
    Ma sappiamo tutti come le varie questioni sollevate su queste pagine verranno insabbiate con nuove accuse e manie di persecuzione e bla e bla.
    Questa volta vorrei fare qualche domanda approfittando che da queste parti qualcuno risponde sempre...
    Ma la titolarità di definirsi "pro loco" a chi aspetta? ossia, essendo privata io domani mattina potrei creare una nuova pro-loco bis? ci sarebbe pari definizione dei servizi con la precedente? potrei competere con la prima per ottenere i contributi comunali?
    Mi pare di capire di si, anche se l'ordinamento è molto fumoso e non sempre è chiaro il trattamento tra amministrazione pubblica e pro loco. Ossia, è obbligo organizzare bandi pubblici aperti a tutte le associazioni private di stampo pro-loco per affidare servizi e sedi, oppure alla chetichella zitti zitti....si lasciano operare la pro loco "ufficiali"?
    Della serie se PRO LOCO è privata, va gestita dalla PPAA come una qualunque società privata, se non lo è...allora qui è necessario accendere un faro grande come la procura di macerata...
    Grazie per i vostri contributi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella domanda! bravo, speriamo qualcuno sappia e ci illumini

      Elimina
  9. gioacchino di martino27 marzo 2015 15:00

    Anonimo delle ore 12 dubito fortemente che lei possa condividere appieno il mio concetto di democrazia. Io non ho alcuna remora a "metterci la faccia" sulle cose che penso ed esprimo. La democrazia è anche visibilità. Lei non so chi sia e non mi interessa saperlo. So solo che se vuole scrivere cose sarcastiche ha tanto ancora da esercitarsi. Allo stato mi dà semplicemente l'idea di chi scrive cose in codice e di cui io non conosco la chiave interpretativa. Di lei non condivido nulla per cui, il dialogo da lei intrapreso, finisce qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dottore lei ha frainteso, certamente il mio elogio era sincero pertanto mi stupisce il suo risentimento. Basisco per la sua suscettibilità Chiarisco, ho cercato di ampliare il campo della visibilità che va cercando in qualità di manager specialist. Tutto qui.

      Elimina
  10. caro Argano così mi piaci non mollare MAI! attraverso questo blog sto conoscendo portorecanati e di conseguenza i portorecanatesi, mi capita di andare qualche giorno in vacanza ogni tanto, interpello sempre uff.ProLoco del posto,quando arrivo a destinazione trovo subito cartelli indicatori,ti posso garantire che questo nostro è il Peggiore in Assoluto è fuori dal mondo un uff.proloco a dir poco scandaloso bagni pubblici inesistenti nessuna segnaletica xMunicipio uff,comunali e Poliambulatorio ecc.ecc. e questo lo chiamano paese civile e riviera del conero??? siete mai stati al nord delle marche? andate vedere come si vive civilmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti fa tanto schifo perché non torni da dove sei venuto? A noi il nostro paesello ci piace tanto e chi critica ci sta sulle pa××e.

      Elimina
    2. Non si sottolinea mai abbastanza il lavoro giornalistico e la passione civile promossi dell'Argano. I suoi pezzi non sono notizie frammentate ma dei veri dossier che inquadrano magnificamente lo scenario.
      Mi chiedo se avessimo avuto poi il solo Cronache maceratesi come avremmo fatto a seguire con arguzia gli avvenimenti ora che anche il Trevisani sta prendendo le distanze....

      Elimina
    3. ... pietre miliari di miglioramento, apertura e modernizzazione. Caxxo che testa che c'hai.

      Elimina
    4. a noi chi ? io sono di qui anzi ci sono nato e non mi piace proprio il paesello perchè è giusto criticare e suggerire per viverci meglio e tante cose si possono migliorare.

      Elimina
  11. anonimo 18:13 forse non hai ben capito oppure fai lo spiritoso? io non ho proprio detto che il paese mi fa schifo come tu dici ma metto in evidenza alcune pecche e non sono poche, se a te sta bene che non ci siano servizi igienici pubblici che non si possa entrare nell'uff. pro loco xchè ridotta una topaia che xfarti una camminata lungomare devi saltellare tra una cacca di cane all'altra ecc. ecc., dato che abbiamo un consigliere con delega all'arredo urbano non vorrei che la pensasse come te!!!!!!

    RispondiElimina
  12. anonimo 18:13 forse non hai ben capito oppure fai lo spiritoso? io non ho proprio detto che il paese mi fa schifo come tu dici ma metto in evidenza alcune pecche e non sono poche, se a te sta bene che non ci siano servizi igienici pubblici che non si possa entrare nell'uff. pro loco xchè ridotta una topaia che xfarti una camminata lungomare devi saltellare tra una cacca di cane all'altra ecc. ecc., dato che abbiamo un consigliere con delega all'arredo urbano non vorrei che la pensasse come te!!!!!!

    RispondiElimina
  13. possibile che nessuno parla piu'. Mistero oppure stanne tuttia spettà el prosieguo

    RispondiElimina
  14. Argano sei proprio antipatico.....

    RispondiElimina
  15. allora xte va tutto bene così come stiamo messi? sicuramente sei di quelli che camminano a testa bassa senza guardarsi intorno egoista non ti frega di niente di nessuno, le critiche aiutano a crescere ricordati e questo blog non avrebbe ragione di esistere!!!! dico bene Argano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cammino a testa bassa .. per evitare le cag...te di cane !

      Elimina