QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

martedì 6 maggio 2014

LA BANDIERA BLU E UN'ECONOMIA IN GINOCCHIO

Abbiamo perso la bandiera blu. Sembra che le acque dei nostri fiumi sono troppo inquinate e conseguentemente la qualità del nostro mare non ha superato i controlli, quest 'anno più severi, degli enti preposti a questo riconoscimento. Forse però non é questa la cosa di cui oggi dovremmo preoccuparci.

Forse ora, il vero problema, é rappresentato da tratti di costa interamente erosi. Da una economia turistica e balneare che ne subirà le pesanti conseguenze. Spariscono posti di lavoro, spariscono opportunità, spariscono impieghi stagionali importantissimi in questo periodo di dura crisi economica. Sembra che il Palm Beach impiegasse una decina di persone. E chissà quanti altri posti di lavoro si perderanno in quel tratto di mare immediatamente a sud di quella struttura, dove al posto di svariate fila di ombrelloni, quest'anno, avremo il mare a ridosso della strada. Non dimentichiamoci poi che quelle erano le spiagge del villaggio che si trova dietro il locale Mya. Cosa racconteremo a quei turisti che affittavano o avevano un villino di proprietà in quel villaggio e non troveranno più una spiaggia? Ancora più a sud, dalle parti della Rotonda e dello Chalet Mauro, la situazione é altrettanto drammatica. Strutture divelte, strada divorata, spiaggia inesistente.

Il nostro mare e la stessa nostra spiaggia hanno alimentato per anni la nostra economia. Ci hanno dato benessere. Ora punti di PIL cittadino se ne stanno andando sotto i nostri occhi. Di pari passo ad una devastazione che sta compromettendo dal punto della morfologia urbana la nostra cittadina.

Non sappiamo chi avrà l'onere e l'onore di governare Porto Recanati dal 26 Maggio. Sappiamo però che, preso atto di una Regione che ha finalmente deciso di cambiare radicalmente politiche nella difesa della costa, l'affrontare questa problematica dovrà essere assolutamente prioritario. Ne va del futuro di questa cittadina e dei nostri figli. E da questo punto di vista forse, non per buonismo, ma per senso di pura responsabilità, dovremo impegnarci tutti. Destra, sinistra, Ubaldiani, Montaliani o Riccettiani, 5stellini o astenuti. Qui ci si gioca qualcosa di troppo importante. Qualcosa per cui é indispensabile mettere da parte strumentalizzazioni e odiose diatribe. Per remare tutti dalla stessa parte. Non é importante chi si prenderà i meriti per aver fatto qualcosa per difendere le nostre strutture e le nostre coste.

É semplicemente molto più importante che a chiacchiere simili a castelli di sabbia si sostituiscano fatti solidi come perduranti scogliere.

 

 

 

21 commenti:

  1. Va bene tutto,ma se il colore della casa "Comune" avesse lo stesso colore della casa "Regione",la strada sicuramente avrebbe meno ostacoli.
    Brutta a dirlo,ma ha sempre funzionato così e sfido chiunque che non lo abbia pensato almeno una volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che dici? Non mi sembra che altre cittadine rivierasche marchigiane abbiano avuto trattamenti preferenziali perchè della stessa composizione politica della Regione... Il problema semmai è costituito da dirigenti inetti e spesso incompetenti molto sensibili alle lusinghe dei 5 Stelle e con cui dividono lo stesso fervore Khomeinista.
      Viva le scogliere!! (ottenute per prima dalla Ubaldi ricordatelo...)

      Elimina
    2. Scogliera con bandierina.6 maggio 2014 10:09

      Le scogliere della Ubaldi?
      Con tanto di cartello anche lì?
      Dopo anni e anni di sfracelo,dove ha vissuto il sindaco fino ad adesso?

      Elimina
    3. Per prima dalla Ubaldi?.Ma lo conosci il piano regionale per la difesa della costa riguardo a portorecanati?
      Bisognerà approvare una variante specifica per il nostro paese,quindi il tuo sindaco non ha ottenuto ancora niente.
      Invece di aspettare l'ultima tragedia per ottenere qualcosa,poteva andare anni addietro ad incatenarsi ad uno scoglio di fronte la sede regionale,ma non è il suo stile,preferisce farsi ricordare per altre opere più grandi ed inutili.

      Elimina
    4. Tranquillo anonimo delle 07:29 a casa "Regione" si arriva tramite casa "Provincia"

      Elimina
  2. Peccato che le provincie fra poco spariranno, l'impegno c'è ed è chiaro è stato pronunciato dal segretario regionale del partito democratico Comi nel tour elettorale fatto assieme alla Bonafè e alla Bora " La regione cambirà la politica della difesa della costa per Portorecanati" è arrivata l'ora delle scogliere, stesso impegno preso dalle candidate al parlamento europeo sopraccitate nei riguardi del cambiamento della Bolkestain.

    RispondiElimina
  3. Grazie al Pd e Riccetti, volete dire. Per cinque anni Riccetti e per quindici il Pd non hanno aperto bocca. Il Pd sembra si sia mosso per il porto, ma per affossarlo. La vergogna proprio non la conoscete. In campagna elettorale si parlerà di tutto e speriamo che chi sa parli apertamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Ubaldi non ha fatto il porto? È colpa di Riccetti! Il mare distrugge gli stabilimenti balneari? È colpa di Riccetti! Non abbiamo piu' la bandiera blu? E'colpa di Riccetti! Commissariano le banche locali e falliscono le imprese edili E' colpa di Riccetti! Piove? E' colpa di Riccetti! Per carita', mandiamolo al governo che se rimane all'opposizione ci aspettano altri 5 anni di disgrazie!

      Elimina
  4. la responsabilità della mancanza delle scogliere è dell'amministrazione di centro destra degli ultimi 15 anni e da 50 che combattiamo con l'erosione quelle precedenti sono sempre state dello stesso colore della regione quindi potevano fare qualcosa già da allora e non c'era neanche la crisi e la mancanza di fondi odierna ......ma come sempre si da la colpa a chi ci fa più comodo darla .......fate tutti un mea culpa ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le amministrazioni Fabbracci e Ubaldi hanno portato a casa 6 milioni in un periodo di vacche magre che di più si muore. E per la prima volta ha ottenuto dalla regione di mettere sul tavolo degli interventi le scogliere. Domandatelo a Paccamiccio quanto può essere facile parlare di scogliere in regione, lui che come presidente dei bagnini ci ha sbattuto la faccia per una decina di anni di fila. La Ubaldi merita un grande apprezzamento da parte dei suoi concittadini, mentre non si perde occasione per insultarla. Ditemi un nome migliore di lei, anche guardando al passato. Oggi che con la Montali è tornato Impegno per Porto Recanati non sappiamo dove andremo a finire, se Dio non voglia vincesse.

      Elimina
    2. Sempre meglio che lei, il paese è sprofondato ed ingessato, non c'è sviluppo alcuno.
      Chi amministra, deve avere le capacità e la volontà di farsi carico presso le istituzioni superiori al fine di far realizzare determinate opere come le scogliere, mi sembra che ne il PD e ne la Montali erano in amministrazione in questi ultimi quindici anni, sprecati a lottizzare aree, mentre la spiaggia spariva inghiottita dal mare e con lei ora anche gli chalet, sparisce una impresa sparisce una parte della ricchezza di un paese, che doveva essere tutelata, questa ricchezza, da chi era in amministrazione è facile scaricare le colpe agli altri..........

      Elimina
  5. la bandiera blu avuta per dieci anni? ......: i commenti delle opposizioni: l'ha comprata .........ora che non ci è stata assegnata. la colpa è dell'amministrazione locale e non dei paesi che scaricano nei fiumi che sfociano a portorecanati senza depuratori e o per la mancanza di pulizia dei fiumi da parte delle provincie di ancona e macerata .Fate pace con il cervello ogni tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se tu sai, amministratore che i comuni del maceratese scaricano le loro acque, "poco chiare", nel potenza e finiscono nel tuo mare, perchè non ti fai sentire nelle dovute sedi al fine di sollecitare un intervento per risolvere il problema?, erano impegnati in altro.......
      Adesso cara sindaco alza "bandiera bianca", la blu non la puoi alzare!!!!!!

      Elimina
  6. Ma voi portorecanatesi,dovete sempre dividervi su tutto ?
    E' così importante sapere chi fa il bene del paese ?
    Pensate una volta tanto che chiunque ci sia al comune faccia il VERO bene per i cittadini,poi che sia di destra,di sinistra o di tuttedue va bene lo stesso.
    Oggi c'è una situazione drammatica,e voi state a disquisire se la colpa è della maggioranza o dell'opposizione.

    RispondiElimina
  7. iere nun capia un c....u gnisciuna...oggi tutti politici enne dientati!!!aeeeee tirasse ia...

    RispondiElimina
  8. Le responsabilità sono da suddividere equamente tra la Ubaldi ed il PD, intanto il paese è morto. Quindi la colpa è di tutti quelli che per paura del vero cambiamento si accontenteranno della ripulitina che entrambi gli schieramenti si sono dati.

    RispondiElimina
  9. C'erano più bandiere blu nella riviera adriatica che in tutta la Sardegna al cui confronto il nostro mare è un acquitrino.diciamo la verità anche se non ci fa piacere

    RispondiElimina
  10. chi ha governato per venti anni ha dormito è brutto dirlo ma è cosi questi sono i risultati, si parla del turismo poi non ci sono piu le spiagge e se continuano a dormire probabilmente partono un paio di strade, altro che ripacimento subito e scogliere a settembre, forse i ns amministratori si devono altro che incazzare ma incatenarsi ed urlare per fare l incontrario un saluto

    RispondiElimina
  11. Chi mi chiederà il voto... (Già successo) dirò testuali parole... In primis andate a fanxxx...poi se insistono ...3000 euro in contanti... Avete mangiato fino ora... Adesso mangio io.....

    RispondiElimina
  12. Bene, visto il valore più simbolico dell'effettivo valore...Con l'augurio che con la bandiera blu se ne vada pure questa amministrazione comunale

    RispondiElimina
  13. Vedrete che tra qualche giorno daranno la bandiera blu a porto recanati. Potrebbe essere una astuta tattica della Ubaldi per mettersi piu in evidenza: fa in modo di escludersi e poi fa venir fuori dai giornali che, grazie al suo intervento porto recanati ha riottenuto la bandierina blu……Ma come, la Leonardi dice che la Provincia ha risposto picche? E’ come mai? Risponde cuori solo quando si parla di Burchio ed interessi russi-americani? L’intervento del Sindaco adesso non è servito? Sono tanto amici….cosa è successo ?

    RispondiElimina