QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 14 aprile 2014

SABRINA MONTALI: LA CONFERENZA STAMPA

Ieri mattina siamo intervenuti alla conferenza stampa di presentazione a candidato sindaco di Sabrina Montali tenutasi presso i locali del Bar "La Dolce Vita". Oltre a noi de L'ARGANO erano presenti Carbonetti per il Cittadino di Recanati, Addario per il Carlino e Bufalari per il Corriere Adriatico. La conferenza è iniziata con la proiezione di una serie di slides che riassumevano la nuova maniera di pensare del candidato sindaco per la coalizione di centrosinistra, così riassumibile: il cittadino va messo al centro dell'attenzione. Va coinvolto nelle scelte che determineranno la politica futura in caso di vittoria alle elezioni. Va seguito e mai abbandonato.


Siamo in grado di farvi vedere il nuovo simbolo della coalizione:

Al suo fianco Sabrina Montali ha voluto tutti i leader dei movimenti che compongono la sua coalizione. Erano infatti presenti, oltre alla candidata sindaco, Lorenzo Riccetti (UPP), Alessandro Palestrini (SEL) Attilio Fiaschetti (Alternativa Civica), Antonella Cicconi (PD) Gaetano Agostinacchio (Paese Vero), Giovanni Pierini (PSI).


La conferenza stampa vera e propria è iniziata con una domanda posta dalla cronista del Carlino Emanuela Addario, che ha subito messo sul piatto la questione della cementificazione del paese, ricordando la politica di forte contrarietà del gruppo di UPP ad ogni iniziativa che preveda un ulteriore consumo di territorio. Siamo insomma entrati subito nella "questione Burchio" e in tutto ciò che essa comporta. La Montali ha dichiarato di essere contraria a un ulteriore consumo di territorio. E sul Burchio ha inizialmente dichiarato di voler prendere atto, in caso di vittoria alle elezioni, di tutti i pareri delle autorità sovrintendenti. Al fine di poter poi decidere, visto che si tratta comunque di un provvedimento già deliberato, in itinere e pertanto pregresso rispetto all'ipotetica capacità decisionale della stessa candidata sindaco che scatterebbe, ovviamente, solo dal 26 maggio 2014. A noi la risposta della Montali è sembrata piuttosto vaga. Così abbiamo posto la domanda in maniera diversa. Abbiamo chiesto, infatti, cosa avrebbe fatto la Montali se fosse stata il sindaco di Porto Recanati due anni fa e gli investitori del Burchio si fossero presentati da lei con la proposta di edificare la collina con un Resort di lusso: questa volta la risposta della Montali è stata netta. Ci ha detto che avrebbe negato, in qualità di ipotetico sindaco, i permessi per edificare.

Abbiamo poi chiesto se una coalizione così eterogenea (che va da Fiaschetti a Palestrini) potesse avere un'identitá di vedute in materia, ad esempio, di politiche di immigrazione, considerando in primis la complessità di una questione rilevante come quella rappresentata dall'Hotel House e dai suoi abitanti. Volevamo altresì sapere se avremmo trovato nel programma cenni a politiche di integrazione da intraprendere. La risposta è stata quella che la coalizione, nei colloqui preliminari, le aveva dato una impressione di estrema unità nell'affrontare tutte le questioni sociali, dando fisiologicamente per scontato che questa eterogeneitá non avrebbe rappresentato un problema per il suo (ipotetico) governo cittadino.

Siamo poi passati ad affrontare il problema dei rapporti della Montali con UPP. E abbiamo chiesto esplicitamente se accordi già stabiliti prevedessero, in caso di vittoria alle elezioni, la nomina di Lorenzo Riccetti a vicesindaco e/o titolare di un importante assessorato. Ci è stato risposto dalla Montali che si sarebbe riservata la scelta delle persone una volta vinte le elezioni, tenendo conto ovviamente delle competenze dei candidati in lista. Abbiamo insistito chiedendo se, in lista, la Montali avrà dei suoi "fedelissimi". Ci é stato risposto che ha piena fiducia nel gruppo che si é creato e nelle persone che vi gravitano intorno.

Abbiamo poi continuato chiedendo alla candidata sindaco come giudicasse il fatto che il principale partito della sua coalizione, il Partito Democratico, fosse, a livello provinciale e regionale, molto legato al partito della sua principale contendente alle elezioni comunali. La candidata ha risposto dicendo che le specificità di Porto Recanati possono essere diverse da quelle provinciali o regionali e che qui si è ritenuto opportuno mettere in piedi alleanze diverse.

La Addario, per il Carlino, ha posto la domanda riferita al come mai fosse stata scelta lei come candidata e non, in continuità ad un'azione di opposizione, Lorenzo Riccetti. Il candidato sindaco Montali ha riferito che queste scelte erano state demandate ad altri e che forse il suo nome poteva rappresentare una svolta innovativa nello scenario politico della nostra cittadina.

Abbiamo poi chiesto di indicarci due o tre punti programmatici a forte impatto elettorale da poter realizzare magari in breve tempo e a costi limitati. La Montali ha posto la sua attenzione sulla mancanza di collegamenti tra i quartieri periferici ed il centro. Rimarcando il fatto che servono più parcheggi e più spazi verdi. Ha poi sottolineato la mancanza di laboratori per l'associazionismo giovanile. Problema a cui si dovrà metter mano.

Non potevamo poi non porre la domanda relativa alla sua "non appartenenza ideologica" in generale. E lei ci ha risposto che da sempre si sente appartenere alla società civile. Considerando appunto l'appartenenza ad una ideologia politica abbastanza "sorpassata".

Infine è stata la volta di una nostra domanda sulle politiche culturali: Porto Recanati si trova a un livello di desertificazione culturale impressionante (intendendo per "culturale" non solo le iniziative legate all'archeologia e all'associazionismo, ma anche a quelle che potrebbero attirare un turismo, invernale o comunque fuori stagione, complementare rispetto a quello estivo). La candidata ci ha risposto che la cultura è una sensibilità importante ma che la cittadinanza deve farsi anche "portatrice di richieste" presso l'Amministrazione.

Durante la conferenza stampa, il cronista del Corriere Adriatico non ha posto alcuna domanda.

 

Per riascoltare la registrazione della conferenza stampa potete trovare qua sotto il link alla pagina web di Radioerre con il file audio completo (51 min. - per aprire la pagina cliccare sul logo)

 

http://www.radioerre.net/notizie/index.php?option=com_k2&view=item&id=87688:sabrina-montali-presenta-il-suo-programma-e-la-coalizione-politica

 

 

47 commenti:

  1. Argano sei rimasto deluso ? E gli altri detrattori ?
    Mi spiace per voi ma non ha detto nulla 'di destra'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai un briciolo di onestà intellettuale, un qualcosa di rintracciabile al microscopio insomma, dimmi dove abbiamo detto o scritto che Sabrina Montali dice cose di destra.

      Elimina
    2. Ano delle 8.20 ma che stai a dire?
      L'Argano ha posto domande lecite che ci si aspettava facendo il cronista serio,cosa che non si può dire del bugiardo che ha fatto scena muta e poi oggi fa l'articolo alla sua maniera.

      Elimina
    3. Il cose di destra era rivolto a veri anonimi che giravano questi giorni.

      La prima era una domanda all'argano

      Elimina
    4. La Montali forse non ha pronunciato frasi di destra ma, a quanto pare, è stata piuttosto vaga nelle risposte a temi fondamentali. Sinceramente, da una conferenza stampa indetta a 45 giorni dalle elezioni, dopo un'infinità di polemiche sorte sul suo nome, sulla formazione delle liste, sui pareri discordanti usciti sulla stampa su temi caldi come il Burchio nati all'interno della lista, mi sarei aspettata una maggiore fermezza nelle risposte. Oltretutto, seduti a quel tavolo, vi erano persone con una certa esperienza che sapevano sicuramente quali sarebbero state le domande poste dai cronisti. Gli insegnanti, in occasione degli esami, consigliano agli studenti di prepararsi un argomento a piacere e di studiare soprattutto i punti cardini di ogni materia. Mi sarei aspettata questo dalla conferenza stampa di domenica, Aspetto con ansia la presentazione del programma e degli incontri con la cittadinanza in cui la candidata Sindaco, possa esprimere maggiore fermezza di intenti. Per parafrasare la frase di Nietzsche con la quale hanno iniziato la conferenza, vorrei dire che di caos ce n'è stato già tanto, e che è tempo che la stella inizi a mostrare dei decisi passi di danza....

      Elimina
    5. Che non abbia detto nulla "di destra" è un dato di fatto, come è un dato di fatto che non abbia detto nulla "di sinistra". Certo che se il suo modo di pensare è come il tuo e di altri piddiretini che hanno scritto qua sul blog nelle precedenti settimane, non c'è da stare allegri. Concordo con quanto detto da Manuela

      Elimina
    6. Se fosse stata lei il sindaco sarebbe stata favorevole al Burchio? NO ! Cosa deve dire per far capire che è contraria?

      Elimina
    7. Ano 9.45 ti ricordo che siamo arrivati sulla luna,il muro di Berlino è caduto,ma con te stavamo ancora alla ruota quadrata!

      Elimina
    8. E' la vaghezza alla domanda dell'Argano che lascia perplessi, perchè vuole prendere atto di tutti i pareri delle autorità sovrintendenti? Se la coalizione è contraria al Burchio dovevano dire che in caso di vittoria avrebbero fatto quanto possibile per bloccare il proseguo del progetto. L'esposto al prefetto è da un po' che non si sente più.

      Elimina
    9. Ometti che (se hai sentito la registrazione) Carbonetti, prima di noi, aveva posto la domanda inerente il fatto che se questa coalizione, qualora vincesse le elezioni, volesse in qualche modo "rivedere" il progetto Burchio analizzandone tutte le criticità (fino magari a bloccarlo) potrebbe farlo. Come già successo con analogo progetto a Recanati. La Montali ha risposto che comunque ad un certo punto potevano subentrare perfino responsabilità legali soggettive. Allora, noi, siccome volevamo una risposta a valenza politica, preso atto ciò che Carbonetti aveva già domandato, abbiamo chiesto cosa avrebbe fatto Sabrina Montali se fosse stata sindaco e l'imprenditrice del Progetto Burchio si fosse presentata da lei qualche anno fa. Volevamo, in sostanza, che la Montali si esponesse sulla opportunità "politica" di una decisione del genere. E lei ci ha risposto.

      Elimina
    10. Avrebbe dovuto rispondere immediatamente, senza essere pressata....I giri di parole, il liquidare la cosa come un progetto già avviato, "scurdammoce 'o passato..." non è chiarezza, perdonami.

      Elimina
    11. Cosa vuol dire "cittadinanza portatrice di richieste" presso l'Amministrazione, che dobbiamo raccogliere le firme per chiedere all'amministrazione di programmarci uno spettacolino ricreativo?
      Se il cittadino va coinvolto nelle scelte della politica, mi fa pensare che al cittadino venga proposto qualcosa e non che sia il cittadino a chiedere qualcosa.
      Una risposta del genere è davvero banale, mi spiace sentirla da una persona che ha studiato. Allora, l'assessore alla cultura lavorerà solo se gli perverranno richieste?
      Pazienza, continueremo ad andare nei teatri limitrofi ad ingrassare le casse di quei comuni che credono e spendono per la cultura.

      Elimina
    12. Doveva fare come pizzarotti ? No all'inceneritore piuttosto la morte ... risultato glie lo hanno fatto lo stesso

      A differenza degli strilloni la montali è una persona serie che prima di promettere l'impossibile vuole valutare la situazione.

      Dire no oggi e farlo fare domani perché non si può fermare chi ha le autorizzazioni , vi faceva contenti e cojonati ... se vi piace chi dice no a tutto c'è il 5 stelle tanto essendo perdenti non hanno problemi di governo...

      Emanuela dove eri quando cementificavano mezzo mondo ed ora sembra che il burchio sia la fine del mondo ? Non mi pare che hai fatto tanto per il rigassificatore , ma per il burchio ti stracci le vesti...

      Elimina
    13. Anonimo delle 11:57 non hai capito: il Burchio e' solo un esempio. Quello che non approvo e' la mancanza di coerenza, qualsiasi sia l'argomento. Se si fanno proclami per esprimere chiaramente la contrarietà ad un progetto (e lo ha fatto il Pd come tutti gli altri esponenti della coalizione) poi non si può diventare possibilisti accampando la teoria delle varianti approvate nel "passato". Se l'Avv. Montali era contraria cosi' come la sua coalizione, avrebbe dovuto dichiararlo apertamente e visto che sul Burchio ci sono ancora delle riserve, avrebbe dovuto dichiarare la sua volontà, in caso di vittoria, di fare il possibile per trovare un cavillo, che ne so io, per far decadere il progetto. Poi magari non riusciva a fare nulla, ma sarebbe stata coerente. I politici scafati dovrebbero rimanere possibilisti dall'inizio, ma nel caso del Burchio erano stati tutti tanto decisi..... Il rigassificatore? Dov'ero? Cosa ne sai che cosa ho pensato o fatto per il rigassificatore?

      Elimina
    14. Cosa hai fatto ? Nulla che pensavi ? Non lo so

      Elimina
  2. Il cronista del corriere adriatico non ha fatto nessuna domanda,un paio di foto,poi oggi l'articolo ha la solita vecchia foto e il titolo cubitale riporta che la Montali non vuole il porto(domanda fatta da un altro cronista che ha durato un minuto di risposta su un ora di conferenza) .
    chissà per chi tira la volata il corriere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non il corriere tira la volata, ma il "giornalista" (?), che viene visto all'interno del comune (precisamente nella sala giunta) quotidianamente a gambe accavallate a leggere la rassegna stampa. All'ano delle 10.47 voglio dire che se era per lui e per le sue piddiretine idee stile Marchese del Grillo (io so io e voi non siete un c**zo)eravamo ancora alle palafitte. Continua così, che con questo modo stalinista di fare hai voglia a fare coalizioni!

      Elimina
    2. Ti ricordo che ultimamente l'elettorato del Pd è cambiato e che se si faceva un candidato sindaco come volevi tu,oltre a PD +Sel non avresti avuto quindi era inevitabile il totale fallimento.

      Elimina
  3. Ancora con sto porto. .. e basta ! Qui neanche si tappano i buchi delle strade ... ed ancora qualcuno pensa al porto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ascoltato la registrazione?

      Elimina
  4. Sabrina Montali nella conferenza stampa di ieri è stata a mio avviso impeccabile, ha dato prova di una mirabile preparazione politica, toccando tutte quelle che sono le principali problematiche di PortoRecanati e dichiarando che intende metter mano fin da subito a viabilità, consumo abnorme del territorio nel rispetto delle autorizzazioni rilasciate, problematiche giovanili, associazionismo, quartieri, difesa della costa, turismo, ma sopratutto ha rimesso il cittadino al centro dell'azione politica, mi sembra un eccellente inizio nel segno della discontinuità con le precedenti giunte di centro destra.

    RispondiElimina
  5. Voterò la Montali e vorrei ringraziare i due cronisti dell'Argano per le aver dato fatto diverse domande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io proprio per le risposte date dalla Montali, non voterò questa accozzaglia, essere portatori di idee diverse è legittimo, ma non ci si può ritrovare in coalizione con chi la pensa diversamente e sperare che i cittadini si bevano quanto proclamato. Secondo me, questo è prendere in giro l'elettorato, offenderlo nella loro intelligenza.

      Elimina
  6. Ho visto le foto dei partecipanti alla lista su "Il Cittadino di Recanati" (probabilmente messe ad hoc...) e mi è venuta una curiosità:
    "Quando Fiaschetti si grattava il mento, la candidata Sindaco stava parlando dell'Hotel House e della comunione di intenti fra tutte le correnti della coalizione?" Il linguaggio del corpo di chi si gratta il mento è inequivocabile...così come chi guarda in basso
    ascoltando qualcun'altro parlare..... Un po' più di entusiasmo me lo sarei aspettata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma c'è ogni tanto qualcosa che ti va bene ? Grazie a quelli come te che la ubaldi spadroneggia da 15 anni.

      Elimina
    2. Emanuela,chi avresti voluto come candidato sindaco?
      Con quale coalizione?
      Rispondi a queste domande visto che fino ad adesso sai solo criticare!

      Elimina
    3. Pensava alle cose che scrivi tu Emanuela su questo Blog

      Elimina
    4. Se il Pd non avesse fatto tanti calcoli elettorali (100 voti qui e 100 là...), se avesse mantenuto i rapporti con UPP e non si fosse diviso internamente, cercando la rottamazione e il ringiovanimento forzato (più a parole che nei fatti), avrebbe potuto anche correre da solo. Anche la coalizione con Sel mi sarebbe andata bene perché le loro idee per P.Recanati sono assolutamente condivisibili e non estremiste. Trovo fortemente inopportuna e rischiosa per la tenuta, la coalizione con Fiaschetti e Agostinacchio. Come candidato sindaco non faccio un nome, ma traccio un profilo: persona onesta che conosce le problematiche del nostro paese, che sia pronta a girare per il paese per rendersi conto personalmente delle cose che non vanno, che si mischi alla gente, che abbia conoscenze giuridiche, che abbia una buona dialettica e non si lasci infinocchiare dalle domande scontate di cronisti ad una conferenza stampa. Pretendo troppo? Purtroppo quello che ho indicato è il minimo sindacabile in un paese come il nostro. Ti ho risposto?

      Elimina
    5. Brava Manuela, ma ai piddiretini che glielo spieghi a fare? Loro sono gli Unici Depositari della Verità. Hanno fatto casino per mesi sputando addosso a Riccetti per poi riabbracciarlo e portarlo con loro quando, facendo i conti della serva, si son resi conto che gli mancavano 200 e più voti. Loro credono che l'elettorato si sia scordato della fuoruscita di diversi membri del partito, delle loro divisioni interne, ma così non è. Siccome sono "vecchio" e mi ricordo le elezioni passate, questo fatto mi ricorda un po' quello che successe quando venne candidato Baldassarri (segretario pds)a sindaco. Si ammazzarono per quasi 3 anni sulla vicenda della casa del popolo con rifondazione, si unirono per battere fabbracci e vennero bastonati dall'elettorato. Dico la verità: personalmente voterò questa coalizione pur se turandomi il naso proprio per la presenza di certi individui che come tante zecche infestano questo blog, che tutto fanno e tutto disfano fregandosene altamente del pensiero dei cittadini.

      Elimina
    6. Tutto quello che hai detto sarebbe piaciuto anche a me,dal di fuori,però sai benissimo che da noi basta un voto in meno per perdere,da qui tutta una serie di riflessioni e problemi ormai detti in tutte le salse che ad una mente acuta come te non dovrebbero sfuggire.

      Elimina
    7. Emanuela a dar retta a te si prende meno voti dell'altra volta mi sa che te conosci poco porto recanati e soprattutto i porto recanatesi...

      Elimina
    8. In pratica, dolce Emanuela, hai tracciato il profilo di Riccetti, ma hai mancato clamorosamente alcuni tratti. Ad esempio quando parli di conoscenza dei problemi del paese; disposto a girare per il paese per rendersi conto personalmente delle cose che non vanno; che si immischi in mezzo alla gente. Come vedi gli hai dato i tratti della Ubaldi. Per il resto non ha bisogno di farsi infinocchiare da altri perché è bravo ad infinocchiarsi da solo. Basta seguire le sue vicende politiche. Ma brava lo stesso perché la gente di bocca buona può sempre servire nella vita.

      Elimina
    9. Buona osservazione, dolce Emanuela.

      Elimina
    10. Anonimo dell 13:43 non e' per gente come me che la Ubaldi spadroneggia da 15 anni ,ma grazie alle divisioni, ai voltafaccia, delle incongruenze, alla mancanza di ideologie dei "politici" di Portorecanati (e magari tu sei uno di quelli....). Io non sono un'elettrice pecora, che accetta tutti i dictat del partito. Ho una testa che pensa e forse il nostro paese avrebbe bisogno di elettori con un po' di cervello e senso critico.

      Elimina
    11. Allora fatti la tua lista basta che la smetti sempre di lagnarti che va tutto male.

      A criticare come fai te tutti son buoni , a provare a fare qualcosa ... invece no... molto più facile criticare che impegnarsi. ..

      Elimina
    12. Emanuela è grazie a chi come te che dice gaetano no , fiaschetti no ecc ecc che si fa la mini coalizione che poi perde... fatti un bagno di realtà ed un ripassino di matetmatica , upp alla fine se l'è fatto ... fallo anche te...

      Elimina
    13. I signori vogliono vincere a tutti i costi, ben per loro. Vedremo, in caso di vittoria, quanto durerà la coalizione al primo voto, ad esempio, per qualche provvedimento diciamo di "carattere sociale" che sta un po' sul naso al Sig. Fiaschetti, Upp purtroppo, non ha fatto solo un ripassino di matematica ma ha dovuto buttare giù un bel rospo, dopo aver ironizzato parecchio sulla presenza in una lista di destra dell'Avv. Montali.
      Ora si parla di grande senso di responsabilità. Lo spero e me lo auguro di cuore, proprio per il bene di P.Recanati. Purtroppo qualche dubbio mi è rimasto. Io però anonimo delle 08:23 posso permettermelo e non perché non conosco la matematica, ma perché, grazie a Dio, sono fuori da tutti questi bei giochetti. Quando sarò nel seggio (e lo stesso vale per tanti altri) non dovrò risolvere un equazione ma dovrò dare un voto e tutto quello che è successo in questa "non campagna elettorale", peserà.

      Elimina
  7. Madama Butterfly14 aprile 2014 14:36

    Emanuela avrebbe voluto il cognome Ubaldi in tutte e 16 le persone candidate? Se non sbaglio è la giornalista del carlino che ha presenziato alla conferenza, come fa lei quando intervista gli altri, guarda in basso. Un po di entusiasmo nel suo lavoro. E' che siete comunisti dentro ma non lo sapete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono Emanuela, la giornalista del Carlino. Volevo chiarire solo questo e lasciare eventualmente a lei la risposta sull'ironica affermazione dei sedici candidati Ubaldi.

      Elimina
  8. Leggendo qua e là, caro Argano, mi è rimasta l'impressione che tu non l'abbia raccontata tutta rendicontando quanto detto dalla Montali. Grave, gravissima omissione è infatti il non aver detto che la Montali si è praticamente pronunciata contro il porto. Che è l'unico argomento degno di nota di quanto riportato da un solo giornale, mi pare, e sul quale sembra che né tu né altre testate vogliate calcare la mano. Tu, caro Argano, hai parlato in altre circostanze di domande scomode, che io però non confonderei con domande le stupide. E mi sembra, leggendo il resoconto da te fatto, che del primo tipo non vi sia traccia. Domandare alla Montali se avrebbe risposto sì o no alla richiesta degli imprenditori del Burchio se fosse stata al posto della Ubaldi ti sembra una domanda scomoda? E che risposta ti saresti aspettato dalla Montali se non quella che ha dato? Hai visto il film Tutti a casa? C'è quella bella scenetta del treno con i salami rubati da mangiare che avresti dovuto tenere a mente prima di giudicare scomoda la tua domanda. Perché non avete chiesto se il Pd è favorevole al Burchio o no? Ecco un'altra interessante domanda che non è stata fatta. Almeno leggendo il tuo resoconto. Ma siccome non è riportata nemmeno sui giornali locali ne deduco che le cose siano andate proprio così. E a Fiaschetti, che vedo bello impettito nella foto di gruppo, perché non è stato chiesto quale coerenza ci sia tra la sua decisione di mollare la Ubaldi perché si era candidata con il centro sinistra alle provinciali e oggi considerare normale e forse anche morale (si dicono anche queste cose, quando il senno ci abbandona) allearsi con l'estrema sinistra di Sel e con i no global di Riccetti? E che dire del Pd che per tenere lontano Riccetti ha causato la fuga di ben sei suoi dirigenti? Poteva evitarlo abbracciando subito l'avvocato maschio invece dell'avvocato femmina. Ti sei chiesto se la Montali sia di destra o di sinistra ma non come sia finita a fare il candidato sindaco, come se fosse più scomoda la prima della seconda. Queste potevano essere alcune domande scomode che invece non vedo riportate da nessuna parte. .

    RispondiElimina
  9. Caro Professore. Non hai capito che non era la conferenza stampa della coalizione. Era la conferenza stampa di Sabrina Montali che si presentava a candidato sindaco. Non era possibile fare domande a Fiaschetti, Palestrini o Riccetti. Lo hai capito o devo farti un disegnino? Se le uniche domande le si potevano fare alla Montali noi con chi si doveva parlare in alternativa? Con il barista del piano di sopra? Siamo certi che ci saranno altre occasioni. Nelle quali si potrà domandare il tutto a Fiaschetti, Palestrini e compagnia bella. E lo faremo. Non ci serve il tuo suggerimento. O forse ti è sfuggito che su questo blog e solo su questo blog certe incongruenze vengono sottolineate da mesi? Riguardo alla mancanza di chiarezza, volevo dirti che abbiamo linkato la conferenza stampa in audio. In modo tale che ognuno la potesse ascoltare. Il che, notoriamente, è sinonimo di torbido, vero? Per cui il tuo commento e le tue osservazioni vanno respinte in toto. Per il semplice fatto, lo ripetiamo, che l'unica titolata a rispondere, ieri, era Sabrina Montali. Così è stato deciso. Non da noi. Ti piaccia o no. E quando vai ospite perché invitato, rispetti le regole di casa altrui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungiamo un'altra cosa: riassumere, in un post, tutto quello che si è detto in 52 minuti di conferenza stampa, ti piaccia o no, non è facile. Per questo abbiamo linkato l'audio. Perché non volevamo trascurare nulla. E soddisfare la curiosità di coloro che volevano saperne di più. Se dovevamo nascondere qualcosa, come sembra tu voglia accusare, non stavamo a linkare l'audio nel post. Non pensi?

      Elimina
    2. Eppoi,la domanda alla Montali ,come mai sia finita a fare il sindaco le è stata posta,quindi pure sordo sei?

      Elimina
  10. linkare o non linkare, che non so nemmeno cosa significhi, ci sono domande che non sono state fatte e andarsi a sorbettare quasi un'ora di filmato dopo che si è capito che le cose più piccanti che possono esservi trovate sono quelle da te riportate, caro Argano, non mi è sembrato proprio il caso. Posso farle io a te le domande non fatte alla Montali e soci? All'amico qui sopra,15.41, vogliodire che apprezzo la sua perspicacia, ma io la domanda l'avrei fatta a chi l'ha candidata. Che tutto sommato, alla fin fine, è la moglie dell'oste. Però sarebbe stato interessante sentire da ognuno di loro come sono andate le cose. Rovazzani, povero lui, ne sa qualcosa di come si manovra in certi ambienti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non ci siamo capiti proprio. Allora ribadiamo, a scanso di equivoci: in quella conferenza stampa non era possibile (negazione) fare domande a chi ha candidato la Montali. Non era possibile fare domande alla coordinatrice del PD. Non era possibile fare domande a Riccetti/Pierini/Agostinacchio/Fiaschetti/Palestrini. Era solo possibile fare domande al candidato Sindaco Sabrina Montali. L'alternativa, come detto, era andare a prendersi un caffé al piano di sopra. Noi, il caffé, lo avevamo preso prima di scendere,,,,

      Elimina
  11. quella messa in atto dal pd una volta si chiamava operazione di potere. che vuol dire intanto prendiamo le poltrone poi si vedrà. cosa vuoi combinare il diavolo con l'acqua santa se non hai un minimo di talento politico? mi dite quale tra quelli che stanno nella foto di gruppo ha sensibilità politica? comprereste da questa gente una macchina usata? ahimè dovesse capitare a loro governare la città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima volta che hanno scritto comprereste la macchina da questo qui ha governato l'Italia per 20 anni. Fa lo bono

      Elimina