QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 24 ottobre 2012

REFERENDUM DE CHE ?

Riceviamo e pubblichiamo da Quirino FALASCHINI:
Ogni tanto, specialmente in primavere e in autunno (forse perche’ d’inverno e’ troppo freddo e d’estate si va in ferie),crescono come funghi i gazebo di questo o di quel partito per prendere le firme per qualche referendum e fin qui ci puo’ anche stare visto che il referendum e’ una delle poche cose di democratico rimaste in Italia. Anche qui a Porto Recanati ultimamente spuntano per il corso gazebo di vari partiti per un qualche referendum, ma adesso che mancano pochi mesi alle elezioni politiche nazionali ,sono valide queste richieste di firme? Allora sono andato a vedere la legge 352/70 che regola le norme sui referendum e sintetizzando ho scoperto questo:
 
-all’art. 3 si legge che una legge approvata entra in vigore appena viene scritta sulla Gazzetta Ufficiale.
-all’art. 4 c’e’ scritto che la richiesta di referendum per l’abrogazione di una legge o di una sua parte,deve pervenire alla Corte di Cassazione entro i tre mesi dalla pubblicazione della suddetta legge sulla GazzettaUfficiale.
-all’art.7 si legge che i fogli per raccogliere le firme per il referendum vanno presentati e vidimati alla Corte di Cassazione.
All’art.28 c’e’ scritto che le firme ottenute vanno riportate alla Corte di Cassazione entro i tre mesi successivi dalla data vidimata sui fogli per la raccolta delle firme.
All’art.31 si legge pero’ che non si puo’ fare richiesta di referendum nell’anno anteriore alla scadenza di una delle camere, cioe’ di elezioni politiche nazionali.
 
Siccome non c’e’ scritto da nessuna parte che le firme possono essere sospese fino a data da destinarsi la mia domanda e’ :
a che cosa servono tutti questi gazebo vari per la raccolta delle firme se l’articolo 31 e’ molto chiaro e invalida qualunque richiesta di referendum?
C’e qualche guadagno finanziario per i partiti che lo avvallano o serve solo come propaganda per le prossime elezioni elettorali e noi poveri ignoranti firmiamo ma poi non serve a niente?
 
Spero di essermi sbagliato e che qualcuno mi spieghi il perchè.
 
 
 

8 commenti:

  1. Fiaschetti Attilio24 ottobre 2012 08:29

    Incollo ciò che ho trovato su internet:
    Le firme sono valide solo per tre mesi, quindi tutte quelle raccolte finora (200 mila, secondo Di Prato) scadranno prima del gennaio 2013, il primo mese in cui sarà possibile depositarle in Cassazione Inoltre è un punto che è già stato chiarito il fatto che la legge non intende proibire la presentazione dei referendum nei 365 giorni precedenti lo scioglimento delle Camere, ma proprio nel corso di tutto l’anno solare precedente.
    Avendo la Lega Nord raccolto le firme il 21/10/12 possiamo consegnarle dal 01/01/2013 AL 20/01/2013,spero che la risposta sia sufficiente.

    RispondiElimina
  2. pia e porta a casa Quirino............
    da buon comunista che eri, ora sei diventato Montiano e ti danno fastidio perfino i referendum, ma perfavore!!!!!
    Anzi, quando si faranno quelli sull'articolo 18 e articolo 8, vienili a firmare, senza fare polemiche inutili.
    grazie!

    RispondiElimina
  3. non conosco i quesiti referendari proposti per i quali si stanno raccogliendo le firme, ma dall'articolo di giornale sembrerebbe comunque che ci sia la richiesta di abolizione della tanto odiata IMU. Ebbene l'art.75 comma 2 della Costituzione prevede questo:
    "Non è ammesso il referendum per le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, PER LA RISPOSTA HAI RESO SICURAMENTE UN SERVIZIO ALLA COMUNITA'.

      Elimina
    2. ORA CHE CI PENSO,E' STRANO,MA QUANDO QUALCUNO FA DOMANDE O CHIEDE DEI CHIARIMENTI SU ALCUNE QUESTIONI "CALDE" VIENE TACCIATO DI FARE POLEMICHE INUTILI E GRATIS!PROBABILMENTE E' INTERESSE DI QUALCUNO CHE NOI GENTE NORMALE RIMANIAMO IGNORANTI SU MOLTE COSE!

      Elimina
  4. grazie a Fiaschetti per avermi chiarito alcuni dubbi,resta il fatto pero' che l'articolo 31 non parla di anno solare ma di anno antecedente la scadenza delle camere,quindi a partire dal giorno che vengono sciolte fino a 12 mesi prima.
    Il fatto poi che sia dovuto andare su internet per trovare una risposta alla mia domanda,cioe' se il referendum fosse valido un anno prima delle elezioni o no ,mi fa pensare che nell'ultimo weekend quando stava seduto per l'ennesimo referendum proposto stavolta dalla lega non sapesse cosa stava facendo ed eseguiva solo gli ordini dall'alto e basta!
    All' anonimo delle 14.17 rispondo che prima di tutto deve leggere meglio gli articoli e pure capirli,avrebbe letto che io penso che il referendum e' una delle poche cose di democratico rimaste qui in italia quindi non mi danno nessun fastidio,anzi non voglio che venga usato inutilmente solo per accaparrarsi qualche voto.
    LA MIA NON ERA UNA POLEMICA INUTILE MA SOLO UN CHIARIMENTO PER TUTTI QUELLI CHE FIRMANO IN BUONA FEDE, MA NON VOGLIONO ESSERE PRESI PER I FONDELLI.
    Pero' siccome ha solo sparato le solite frasi prestampate e demagogiche denota che non ha i mezzi di base per rispondere ad una mia domanda piccola piccola!e neanche la faccia per firmarsi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che prima di tutto dovremo fare un referendum costituzionale per abolire TUTTE le restrizioni,di togliattiana memoria,(leggi gli atti della costituente prima di scrivere)che impediscono al "popolo sovrano" di esprimersi su alcuni tipi di leggi.
      Siamo l'unico popolo europeo a non poter votare sugli accordi internazionali.
      Ci avete messo nell'impossibilità di dire la nostra sull'operato dei politici,ma Vi riempite la bocca della parola DEMOCRAZIA.
      Voi non sapete nemmeno di cosa parlate,quando pronunciate quella parola.
      La costituzione italiana è nata dal compromesso.Doveva andare bene sia per un regime liberale che per un regime comunista.
      Per entrambi il popolo era un optional,e non doveva permettersi di discutere le decisioni prese dalla casta.
      Ora ci troviamo come ci troviamo,ma chiederci anche di dire che va bene mi sembra almeno sadico.
      Se veramente Vi sentite democratici,fate esprimere il popolo,sempre che abbiate questo coraggio.

      Elimina
  5. comunque con l'articolo, volevo togliermi dei dubbi e creare un dibattito su una cosa normale per tutti, ma su cui nessuno si fa mai domande,invece purtroppo devo constatare che ci sono sempre alcuni ideologisti a cui il dibattito da fastidio perche' non vogliono o hanno paura che possa cambiare qualcosa!

    RispondiElimina