QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

lunedì 10 settembre 2012

NO, SOTTO ASCOLI NO!!!!!

Come noto la spending review varata dal governo Monti prevede un corposo taglio di province in tutta Italia in base a criteri connessi alla superficie del territorio delle stesse province e ai relativi abitanti. Per le Marche, la provincia di Macerata sarà una di quelle che verrà soppressa.
E il destino di Porto Recanati, allo stato attuale delle cose, è quello di finire sotto la Provincia di Ascoli Piceno. Così a Porto Recanati, nelle settimane scorse, è nato un comitato di cittadini guidato da Giovanni Giri e Roberto Anibaldi con lo scopo di porre in essere una serie di iniziative (come una raccolta firme che ha avuto un buon successo) volte a far sì che, nel caso in cui la provincia di Macerata dovesse essere soppressa, la nostra cittadina finisca sotto l'egida della molto più vicina e molto più facilmente raggiungibile Ancona.
Invitiamo pertanto tutta la cittadinanza a firmare per questa soluzione.
Nel contempo ci stupiamo del fatto che una lotta simile, a nostro modo di pensare di straordinaria importanza, non abbia visto scendere in campo a Porto Recanati i partiti politici e i loro rappresentanti che in materia, finora, si sono contraddistinti per il solito, devastante silenzio. Non una nota, non un comunicato, non un'azione in appoggio all'iniziativa di Giri e Anibaldi.
Vi alleghiamo alcuni articoli del Corriere Adriatico usciti sulla questione negli ultimi giorni, affinché possiate avere informazioni più dettagliate.



17 commenti:

  1. Ma siete poi tanto sicuri di poter scegliere se andare con Ancona o con Ascoli?

    RispondiElimina
  2. Allora: riepiloghiamo. Non siamo sicuri di nulla. Ed ovviamente non possiamo scegliere. Altri, a quanto sembra, hanno scelto per noi. Ed hanno scelto Ascoli Piceno. E siccome la gran parte dei portorecanatesi giudica questa scelta assurda, è nato un comitato, si sta combattendo una battaglia, si stanno raccogliendo firme. E noi con questo post non vogliamo far altro che appoggiare questa battaglia. Chiaro ?

    RispondiElimina
  3. Non credo sia possibile scegliere quale provincia sia più comoda.
    Io sono nato in un paese che distava 94 Km da Ascoli Piceno e 27 da Macerata.
    Ritengo superfluo dirvi che ero sotto Ascoli.
    Sarebbe meglio invece cercare di modificare quale capoluogo sia più funzionale alla popolazione.
    Ascoli,che ritengo una delle più belle città d'Italia,è geograficamente troppo decentrato,rispetto alla sua stessa provincia.
    Prova ne sia che anche Fermo si è voluta staccare.
    Figuriamoci Porto Recanati.
    Credo più opportuno creare comitati che propongano soluzioni alternative ad Ascoli,ma che non pensino a più sedi distaccate,perchè altrimenti,saremmo punto a capo.
    Chiaramente cercare di cambiare provincia,è molto più complicato,ma da' più visibilità.

    RispondiElimina
  4. Perché semplicemente non portiamo Ascoli sotto Macerata ?
    Il baricentro sarebbe rispettato...

    RispondiElimina
  5. oh cocco del : 10 settembre 2012 14:12
    , mi risulta che qualche paese confinante con l'emilia -romagna abbia avuto il beneplacito dopo raccolta firme e referendum ....se si dovesse fare e a te nun te sta be' ....nun da' a firma' e nun da' a vuta'...io intanto ho firmato....anche perche' visto che vogliono resettare il tutto (province)...e vista la nostra particolare situazione....siamo praticamente "avvinghiati" con Loreto...abbiamo lo 071 telefonico che' e' gia' ancona ,distiamo solo 30 kmda ancona...ascoli ..100km....macerata...30 km..? lo vedi nun me ricordo manco a che distanza e' macerata.... diciamo che c'emo un dialetto ...che nun e' propriamente maceratese......e pe fenilla....quando ago a spasso ago in ancona...macerata o ascoli nun so ndu sta' !! ..... ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo scritto dimostra,se ce ne fosse bisogno,cosa sei.

      Elimina
  6. Ma Ancona lo vuole Portorecanati? Perche' come al solito, invece di dividersi e creare tanti movimenti, non ci si unisce alle altre iniziatiative per salvare la provincia di Macerata ? Ma l'art. 17 della spending review prevede la possibilita' di cessione dei comuni da una provincia all'altra? Sono passati 150 anni ma siamo sempre il paese delle mille divisioni.

    RispondiElimina
  7. qui le divisioni mi sembra che le stiano facendo solo poche persone poco informate...i Comuni a cui fa riferimento Antonio, hanno seguito il procedimento previsto dall'art. 132 Cost. che prevede il passaggio addirittura da una regione ad altra. Per i Comuni la procedura dovrebbe essere molto più semplice e consistere in un referendum popolare che disponga di delibera di apporvazione da parte del consiglio provinciale di Ancona! Altro che divisioni tra Ascoli e Ancona sono certo che il 99% dei cittadini sceglierebbe il capoluogo dorico...e poi basta co sta stroia di salvare Macerata...c'è una legge che dispone la riduzione delle province...applichiamola una volta tanto si parla di ridurre i costi della PA; ci lamentiamo tanto degli sprechi ma poi ce ne facciamo complici...BASTA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscriviamo ogni sillaba di questo commento.......

      Elimina
  8. antonio (qcnspb)11 settembre 2012 18:06

    ...e qualcuno dovrebbe spiegare ...cosa dimostra il mio scritto ...e cosa sono; perche'...l'anonimo qui sopra ha detto piu' o meno quello che ho detto io....se te la sei piata pel cocco....me dispiace ma me sa che c'hai la coda de paglia ... ;-))

    RispondiElimina
  9. Ascoli ha un elettorato a maggioranza di centro destra....ancona piu di centro sinistra.ecco secondo me i pro e i contro di questa situazione....

    RispondiElimina
  10. CREDO CHE SI POSSANO AVERE DUBBI, MAGARI IDEE DIVERSE DALLA MAGGIORANZA DEI VISITATORI DI UN BLOG O NON CONDIVIDERE LE CAMPAGNE DELL'ARGANO, SENZA DOVER ESSERE CONSIDERATI POCO INFORMATI O ADDIRITTURA COMPLICI DEGLI SPRECHI. OGGI E' MOLTO SEMPLICE INFORMARSI O CONOSCERE GLI ARTICOLI DELLA COSTITUZIONE, MOLTO PIU' DIFFICILE, ALMENO PER ME, DECIDERE CON UNA FIRMA DI CANCELLARE UN PEZZO DI STORIA. IL PROBLEMA DELLA "LONTANANZA" DA MACERATA NON E' DI ADESSO E ALLORA PERCHE' NON AVER PROMOSSO IL REFERENDUM 2, 10, 15 ANNI FA? QUALCUNO POTREBBE DIRE CHE ORA C'E' L'OPPORTUNITA' DI RISPARMIARE CREATA DALLA SPENDING REVIEW, MA ALLORA PERCHE' NON ADERIAMO AI VARI MOVIMENTI CHE VOGLIONO SOPPRIMERE TUTTE LE PROVINCE? SAI CHE RISPARMIO CON I COSTI DELLA PUBBLICA AMM.NE, ANONIMO DELLE 09:06!! IL TUO BASTA, RADDOPPIEREBBE DI INTENSITA'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse, cara Emanuela, che qui si parla di dover andare sotto un capoluogo di provincia che dista 100 Km da Porto Recanati...a sto punto mi verrebbe da dire: "bei tempi quelli di Macerata"...ecco perché reputo opportuno e quanto mai tempestivo parlarne oggi. La tua firma non cancella proprio niente, perché la Provincia di Macerata viene cancellata da una legge dello Stato indipendentemente dalla tua firma, che invece servirà evidentemente per proporre un referendum popolare ed esprimere la volontà o meno di andare sotto Ancona. Poi se si vuole fare demagogia su quello che potrà essere se...o ma... lo lascio ai teorici...oggi c'è una legge che parla chiaro, buona o insufficiente che sia, dobbiamo adeguarci a questa! A proposito l'anonimo delle 9:06 sono sempre io Stefano Pa. che ha risposto anche su altri post da te commentati. Ciao Emanuela

      Elimina
  11. Solo una precisazione: qui il problema non è la lontananza da Macerata. Ma la lontananza da Ascoli Piceno.

    RispondiElimina
  12. antonio (qcnspb)14 settembre 2012 14:34

    appunto !!

    RispondiElimina
  13. ringraziate il vostro presidente che ha pensato solo alla sua poltrona invece di cercare altre strade.Dai che forse non andate tanto lontani.

    RispondiElimina
  14. Vorrei sapere a proposito di distanze da Ancona, da Macerata, da Ascoli, quante volte la gente comune si reca in provincia nella sua vita. Io di anni ne ho abbastanza e vi dico che in vita mia non sono mai andato in provincia e non so neanche da che parte di Macerata stiano gli uffici. L'unico problema potrebbe essere che tolgano da Macerata gli uffici della questura che potrebbero servire per alcune pratiche tipo i passaporti etc. Per la prefettura se il prefetto è come quello di Napoli è meglio che venga eliminata. Tutto questo per dire ma che ci frega della provincia , battiamoci per avere dei servizi più razionali, efficenti e meno costosi.

    RispondiElimina