QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

venerdì 17 febbraio 2012

A PROPOSITO DI PROTEZIONE CIVILE

Mai avremmo pensato che il mancato intevento sul nostro territorio della New Social Group avrebbe potuto scatenare un simile interesse e una mole impressionante di commenti quali quelli che ci sono pervenuti. Ne abbiamo pubblicati moltissimi, ne abbiamo cestinati altri anonimi (che comunque abbiamo individuato e conosciamo benissimo), che avanzavano teorie un po' bizzarre e lesive della reputazione altrui. Ma rimane il fatto che la notizia, nel nostro blog, è stata molto seguita.

Allora abbiamo pensato che forse è il caso di approfondire la problematica.

Perché in questo nostro paese operano due gruppi separati di Protezione Civile? Perché il dipartimento locale "ufficiale" ha un proprio sito internet che non aggiorna praticamente dalle ultime elezioni e che non riporta neppure il Piano Comunale aggiornato e approvato in Consiglio Comunale? Perché a Porto Recanati abbiamo questa sfrenata tendenza a dividerci in fazioni anche quando si parla di attività no-profit con importanti funzioni di assistenza alla cittadinanza?

Sono interrogativi a cui ci piacerebbe dare una risposta. Mettiamo dunque a disposizione il nostro blog a chi ne sa di più. A chi, militando o avendo militato in queste organizzazioni, può charirci le idee dicendo la sua. Siamo fermamente convinti che la politica, fin troppo invadente nelle italiche abitudini, debba avere l'intelligenza di poter gestire certe organizzazioni senza disperdere proficue risorse di umoni e mezzi, come sembra accaduto a Porto Recanati.

Ma dai commenti pervenuti al post precedente e dalle varie reazioni che abbiamo percepito, non ci sembra purtroppo che sia  così.


Grazie a : "il giornale della protezione civile"

41 commenti:

  1. Sarà mica un problema di poltrone????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è usata la protezione civile per scopi anche personali.solo gli addetti ai lavori sanno........ma è giunto il momento di far conoscere la verità

      Elimina
    2. Più che di poltrone sembra insaziabile appetito di comando fine a se stesso.Il sindaco dice di fatto "io sono io,comando io e voi non siete un c....".
      Complimenti per come tiene in considerazione il bene della cittadinanza.
      Comportamento puerile non consono alla carica che ricopre.

      Elimina
  2. non si è degnata nemmeno di rispondere alla mail. ma quanto schifa sto Telera?
    e soprattutto PERCHE'???
    chiarezza per favore da ambo le parti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho il sospetto che "qualcuno" alimenti artatamente la discussione al solo scopo di criticare o sme...re altri. Mi piacerebbe sapere cosa intende Anonimo delle 04,54 AM quando dice che "si e' usata la protezione civile per scopi personali". A chi si riferisce? Per il bene delle associazioni interessate sarebbe il caso di fare chiarezza e poi BASTA! Chiudiamola con questa storia perchè mi sembra di vedere il gatto che dice del miele che non e' buono solo perche' non arriva a prenderlo.

      Pasquino

      Elimina
  3. sig.stefano,sono pasquale telera.Credo seriamente che le mie risposte non devono essere date al Sindaco o all'amministrazione,ma a voi cittadini che vi state chiedendo il perchè.E' una storia che dura da qualche anno e le motivazioni sono tante.Il sottoscritto insieme ad alcuni volontari della mia associazione,sappiamo veramente cosa è successo dentro questo ente che in qualche modo dovrebbe essere neutrale politicamente e al servizio di tutti.Ma questo purtroppo non lo è.Il sottoscritto viene schifato come dice lei,semplicemente perchè ha tirato fuori tutte le cose negative che c'erano,partendo dal piano comunale di protezione civile,fino a chiedere ufficialmente le dimissioni dell'allora assessore leonardi e del coordinatore tecnico addario.Le mie iniziative sono state sempre pubbliche e non mi sono mai nascosto come fanno molti altri.Ho scritto pubblicamente,ho denunciato le cose irregolari e tutto questo al "sistema" non gli è andato giù.Sono e continuerò ad essere una persona onesta.

    RispondiElimina
  4. Alessandro Palestrini17 febbraio 2012 19:47

    Il fatto è che per molto tempo la Protezione Civile è stata un'istituzione protagonista di vicende ambigue, come la fantomatica inaugurazione della sala controllo comunale che nei fatti non esiste, come ha bene denunciato mesi fa il Gruppo Consiliare Uniti per Porto Recanati.
    Comunque è sbagliato dire che esistono due gruppi separati di Protezione Civile perchè in realtà esiste un solo gruppo di Protezione Civile e qui ha ragione la Ubaldi. L'altro gruppo è una associazione che niente ha a che fare con la Protezione Civile ma che si è messo a disposizione di fronte al propagarsi dell'emergenza neve. Se ci pensate bene è come se l'Associazione Diabetici (in questo caso ci sono veramente due associazioni distinte a Porto Recanati) si mettesse a disposizione per la stessa cosa.
    Quindi, secondo me il problema è quello di capire come mai esiste questo conflitto che rimane decisamente una questione politica.
    E qui si evidenzia la mancanza del Sindaco che non può o non vuole spiegarci cosa succede all'interno di alcune associazioni portorecanartesi che presentano segni di conflitto interni spesso legati a fazioni politiche che si contrappongono all'interno dei vari direttivi. Perchè la questione è assai simile anche per l'associazione dei commercianti, dei bagnini e in passato di alcuni comitati di quartiere. Io credo che il motivo sia sempre lo stesso,: le posizioni dominanti vanno difese all'interno di ogni organizzazione e l'amministrazione svolge sicuramente un ruolo importante in questo gioco delle parti.
    Per questo penso che la questione sia politica, o meglio sia legata al controllo politico delle più importanti associazioni della città.
    Non so chi abbia ragione ma so che questa situazione si protrae già da qualche anno. A questo punto inviterei il Sindaco, il presidente della Protezione Civile e il Sig. Telera a spiegarci cosa succede. Perchè ho l'impressione che dietro questa vicenda ci sia qualcuno che vuole evidenziare cose che altrimenti sarebbero taciute.

    Alessandro Palestrini
    Coordinatore Sinistra Ecologia e Libertà Porto Recanati

    RispondiElimina
  5. pasquale telera risponde:è uno dei discorsi più sensati che abbia sentito in questi due giorni.Io non so se il Sindaco o il Presidente della Protezione Civile abbiano qualcosa da dire in proposito,io di sicuro si.E devono diventare cose pubbliche,perchè tutti devono sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'associazione è anche di protezione civile,alessandro.ha gli stessi diritti e gli stessi doveri di altri.compreso l'ente comunale.

      Elimina
  6. ho appema letto la risposta del sig Telera a Lorenzo nel post della risposta del Sindaco.
    Pare che questo tizio abbia operato in giro sotto autorizzazione della regione e possa darcene le prove.
    Ora,miei cari sindaciassessoricoordinatoriequantaltro,ci volete spiegare(ennesima richesta) perchè abbiamo speso soldi per ditte private anzichè avvalerci almeno in parte di aiuto gratuito?
    Evitatevi una figuraccia,diteci...

    RispondiElimina
  7. Non conosco il Sig. Telera ma ha messo nome e cognome su un blog pubblico e quindi sono propensa a credere a quello che dice. Tutta questa vicenda è veramente molto triste e grave. Il nostro sindaco ha detto che esiste un'unica protezione civile "istituzionale" ed è quella a cui lei si è rivolta. Anche a Civitanova e Recanati esistono delle protezioni civili eppure i sindaci hanno chiesto l'aiuto dei volontari della new social group: forse loro hanno pensato che nei momenti di forte disagio chiunque possa dare una mano è ben accetto e gli aiuti non sono mai abbastanza. La neve è proprio la metafora di questa brutta storia: bianca, bella e pura quando scende, poi comincia a sciogliersi e diventa sporca e nera.

    RispondiElimina
  8. chi vuol sentire cosa ha da dirci Pasquale Telera alzi la mano!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Che Telera faccia un incontro pubblico sulla questione e noi co saremo a sentire le sue ragioni!

    RispondiElimina
  10. Scusate ma a quanto pare Porto Recanati gira intorno alla Protezione Civile e Pasquale Telera .... che tristezza e che povertà d'idee...ma per favore mi sembra ci siano problemi ben più grossi da valutare che distribuire soldi e " divise" ..... ne stiamo facendo un affare di Stato, scusate ma mica viviamo di Protezione Civile a Porto Recanati e se così fosse fatecelo sapere...siamo proprio ridicoli!!!! E se l'hanno chiamato altrove...amen, ha fatto il volontario, come dice lui, e basta .... mi sembra che sia un obbligo fare solo a Porto Recanati .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che Porto Recanati gira intorno alla Protezione Civile ed a Pasquale Telera.Si sta solo esaminando il rapporto che c'è tra chi esercita più un potere istituzionale piuttosto che una funzione pubblica, e la cittadinanza.
      Insomma pare che il sindaco manifesti comportamenti che sono il potere fine a se stesso,senza altra utilità.
      Sembrano atti posti in essere per l'affermazione della personalità piuttosto che finalizzati amministrare un comune.
      Non è cosa di poco conto se riferita a chi deve rappresentarci ed amministrarci.

      Elimina
    2. RISPOSTA AL 6.41

      QUANTE VOLTE ABBIAMO PARLATO DI QUESTO.........

      PASQUALE

      Elimina
  11. E' vero anonimo 641 al porto ci sono altri problemi irrisolti per tanti motivi. se Telera ci puù aiutare a venire a conoscenza e magari irsolverne anche uno benvenga.
    io alzo la mano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che il problema di Telera sia la gestione de sta benedetta Protezione Civile...ruota tutto intorno a questo. Ma quanti interessi ci sarannoingioco per fare tutto questo casino? Nonci pensiamo?? Volontariato...mhhhhhh

      Elimina
  12. Non si può mettere la testa sotto la "sabbia" bisogna sapere soprattutto in questo campo.....cioè chi ci aiuta quando la comunità è in difficoltà...qualcuno ha fatto il paragone con la neve candida che poi diventa sporca con il passare del tempo....mi pare appropriato, gente che esce di casa per volontariato e poi si ritrova con certe gestioni....in questa protezione civile ci hanno sguazzato in troppi a livello nazionale e locale...ma quanti volontari ci sono? con quali e quanti mezzi? fanno corsi di aggiornamento? da informazioni sono rimasti 5 o 6 e la qualità è quella che è...il responsabile se ne andato...l'assessore cambiato...ma chi affidiamo il nostro bisogno d'aiuto in caso di calamità? questo vale anche per il gruppo di telera..quanti sono? come sono organizzati? fortuna che in giro ci sono vigili del fuoco, carabinieri e vigili urbani..sicuramente meno improvvisati e fuori dai giochi politici...

    RispondiElimina
  13. Ho seguito con molta attenzione tutti i commenti fatti in questi giorni e sinceramente non mi apettavo tutto ciò.Io credo che i vari problemi,in genere,si possono risolvere in modo democratico,dialogando civilmente e cercando di costruire tutti insieme qualcosa di utile per la nostra comunità. la nostra società è malata di avidità,gelosia,invidia,odio.Anche per un buon medico è difficile scrivere la giusta medicina.
    Voglio ringraziare tutte quelle persone che si sono interessate alla soluzione del problema e che hanno dialogato in maniera civile.Ringrazio personalmente L'Argano ed il suo staff per l'ospitalità offertami.Ringrazio persino quelle persone da cui ho ricevuto insulti ed insinuazioni poco piacevoli,perchè hanno dimostrato che il problema esiste.
    Spero solo che tutti gli interessati si siedono ad uno stesso tavolo e che capiscano che chi ci rimette sempre è il cittadino.Grazie a tutti.

    PASQUALE TELERA. NEW SOCIAL GROUP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti aspettavi tutto ciò??? Ma sei l'hai fatto apposta... ma Telera, per favore..... hai bisogno di visibilità... poveri volontari,non vi vergognate di spacciarvi per santi????

      Elimina
    2. ma chi sei tu per giudicarmi?ci conosciamo?

      Elimina
  14. Come si nota da questi articoli e tutti i suoi commenti di seguito c'è molto interesse dietro un associazione di volontariato no profit!mi sembra strano! allora che il signor Telera ci racconti tutto da quando c'era anche una altra associazione parallela alla protezione civile di nome centro soccorso mare dove il presidente della protezione civile era il presidente del centro soccorso mare e oggi suo collega nella New social group forse anche ideatore dopo la espulzione dal gruppo comunale! il centro soccorso mare non credo sia stato no profit!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo delle 11:15 AM : mi hanno avvisato di questa nota e vorrei chiarire solo dei punti , faccio volontariato da piu di 20 anni con moltissimi grandi eventi e calamità naturrali alle spalle certificate con benemerenze del Presidente del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezine Civile , per quanto mi riguarda sono stato in forza al gruppo comunale fino a quando non ho deciso di passare alla New Social Group visto che il Dipartimento di P.C. regionale mi ha tolto dagli elenchi del gruppo comunale solo quando ho deciso di passare alla New Social Group gia iscritta in Regione e al Dipartimento Nazionale e aggiungo che fino ad aprile 2011 per la regione Marche risultavo ancora il Coordinatore Tecnico.

      per quanto riguarda il Centro Soccorso Mare sono stato presidente per 2 mandati di 3 anni su 20 anni di attività e l'associazione era iscritta in Regione come il gruppo comunale di Porto Recanati ed inquadrata con la Legge 266/91 legge quadro sul volontariato quindi un'associazione no profit .

      in merito al gruppo comunale sono stato il fondatore di esso e per tre anni sono stato il Coordinatore Tecnico raggiungendo ottimi risultati per lo stesso , uno dei migliori gruppi della Regione Marche .

      quindi caro anonimo se sono stato esauriente mi fermerei qua se vuoi altre risposte in merito dovresti presentarti con nome e cognome ..... Non temo confronti perche laddove abbia sbagliato sono pronto a prendermi le responsabilità ma dove sbagliano gli altri si assumeranno le loro

      Alfredo Agostinelli

      Elimina
    2. Ma tu a quanti volontariati aderisci???? Csm, comune, telera, soccorso montagne,bagnini... ti proporremo come prossimo bertolaso!!!!

      Elimina
    3. Tu sai bene a quanti aderisco ,forse ce una legge che lo vieta ? o forse sei invidiosa/o ? le tue provocazioni sono semplicemente al quanto squallide ma non hai la faccia di firmarti anche se si è capito chi sei quindi non ti darò risposta ..... non mi serve che tu mi proponga per un prossimo Bertolaso sono un volontario e tale rimango ..... tu invece ci saresti voluta/o diventare il bertolaso della situazione ma con le falsità non si arriva da nessuna parte ......

      Alfredo Agostinelli

      Elimina
    4. Mi hanno avvisato...ma se state sempre a scrivere qui...avete preso il dominio...per favore...unpo' di contegno

      Elimina
    5. lo conosci alfredo agostinelli? io si e penso anche tu.Però tu sei un vigliacco/a che ti nascondi noi no.
      Pasquale

      Elimina
  15. stiamo girando intorno ai benibravbis.
    Tirate fuori la verità.
    Telera o sindacoassessorecoordinatore vi giocate a credibilità.
    ormai è il momento di tirar fuori le palle

    RispondiElimina
  16. Scusa Stefano 3.30 ma se la credibilità del sindaco di deve giocare di fronte al volontariato.... non ho parole!!! Ma di che vivete???? Di aria fritta??? Gente questi sono figli del potere e dei soldi ohhhhhh... ma quale volontariato. Uno che lo fa, lo fa e sta zitto. Non usa giornali e blog per sbandierare la sua credibilità. E va bè, candideremo sto Telera a sindaco. Tanto mi pare di aver capito che ha già una lista di seguaci pronti. E faremo del Porto il quartier generale della Protezione civile. Ma quanto siamo ridicoli!!!!! Ma sta gente lavora o no???? Mezzi, uomini, lampeggianti e altre cavolate... solo qui da no artri tutta sta storia... ci facciamo prenderein giro da mezza Italia. Argano per favore, io mi occuperei di altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci siamo abbondantemente occupati "di altro". Ma pensiamo che funzionando la protezione civile con stanziamenti pubblici, sia il caso di capire bene cosa è successo e cosa succede a Porto Recanati all'interno di questa organizzazione. Se tu reputi tutto cià "ridicolo" possiamo tranquillamente farcene una ragione.

      Elimina
    2. caro/a anonimo del 05:06 adesso che uscirà fuori la verità vuoi che l'argano si occupi di altro?
      e no.avete letto attentamente cosa diceva il Sig. alfredo Agostinelli? Parole molto importanti e pesanti.......
      Ma tu lo conosci sto Telera? Cosa ti ha fatto? Se sei una donna eri la sua amante?Avrà visto delle ...cose tue che non doveva vedere?Presentati,se no sparisci.Lo farò anch'io.

      Elimina
  17. intanto il sottoscritto si ritiene fortunato perchè nella mia associazione aderiscono persone che con la loro esperienza ventennale hanno contribuito e continuano a farlo a dare una mano nelle emergenze a chi ne ha bisogno.
    Se l'anonimo/a continua a non interessarsi dell'argomento può tranquillamente non commentare,ma siccome preferisce istigare alcuni personaggi,compreso il sottoscritto,si può chiedere gentilmente alla direzione dell'argano di aprirci una pagina che serva a raccontare vita,morte e miracoli della protezione civile di porto recanati.L'unica condizione richiesta è quella che al dibattito possano partecipare solo persone che si identificano con tanto di nome e cognome e con tanto di verifica da parte della direzione.

    molti hanno chiesto chiarimenti e noi provvederemo.

    Si comunica inoltre che il sottoscritto userà tutti i mezzi a disposizione,per tutelare i volontari della New Social Group da insulti offensivi e screditamenti vari compreso l'onorabilità della associazione stessa.

    TELERA PASQUALE. PRESIDENTE DELLA NEW SOCIAL GROUP

    RispondiElimina
  18. abbiamo fatto volontariato 20 anni senza mai lavorare....che culo

    RispondiElimina
  19. Caro Argano io dico che siete ridicoli a dare credito a gente che è alla ricerca di visibilità ... e si nota bene, con elogi, benemerenze e altre cose che mi risulta essere in possesso di altra gente quanto loro... Bene, soldi pubblici, ci sto... allora iniziate come opposizione dall'inizio e non solo da quando fa a comodo a qualcuno, può essere che qualcosa di diverso verrà fuori... Frugate nel tempo, nelle vostre giunte,e chiedete pubblicamente ai responsabili la situazione come si è evoluta.... ma chiedete anche su quante divise alcuni portano e a quante associazioni fanno parte... tutte di volontariato, ehhhhh,ma una volta qua, una volta là.... si spizzica un po' ovunque....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bhe,se trovate delle divise in più potete darmele se non vi servono,ho nuovi volontari da vestire.
      Io credo che si stia andando fuori binario dall'argomento in oggetto.Siete entrati in questo dialogo,da giorni,solamente per screditare i miei associati e nello stesso tempo nascondere tutto il marcio che avete provocato nell'ultimo tempo.Avete affondato la protezione civile a porto recanati per scopi personali e coperture private(in seguito spieghero il significato).Avete fallito nel pubblico e nel privato e siete la vergogna di porto recanati.Qualcuno mi chiedeva di chiarirmi con voi?Volete che racconti cosa è successo in una riunione in una sede istituzionale?Vergognatevi.
      Screditare il mio volontario Alfredo Agostinelli non servirà a cambiare le cose,avete tutto da IMPARARE da lui e io mi ritengo fortunato che faccia parte della mia associazione.

      se siete uomini discutiamone.ma siccome siete dei mezzi uomini.....



      Pasquale Telera.

      Elimina
  20. cara anonima delle 12:59
    perchè non fai tu questa ricerca invece di istigare solo la gente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. all'anonimo delle 01 23 : sai a qualche anonimo/a non interessa andare a scavare sa gia !!!! generare un dubbio e istigare la gente provoca confusione e chiacchiere cio che certi personaggi sanno far bene e ci sguazzano ...... comunque ho notato che chi prende le parti dell'amministrazione puntualmente non si firma non è per caso che questi anonimi non hanno la faccia per farlo ? mentre il presidente della new social group lo fa a viso aperto come un suo associato sig Agostinelli Alfredo quindi a buon intenditor poche parole ..... forse qualcuno si arrampica sugli specchi perche non sa piu dove andare a parare ?

      Elimina
  21. mi scuso con il sig.Telera ma è vera la storia dei sacchi presi dalla New Social Group in provincia per il comune di Porto Recanati ? ma eravate autorizzati dal Sindaco a fare quel servizio ? magari anche con il lampeggiante !!!! Ci chiarisce questo aspetto GRAZIE!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  22. Stavamo operando ad Offagna quando la soi di macerata(la sala operativa) mi chiamò dicendomi se potevo andare a Tolentino a prendere dei sacchi di yuta.Quando chiesi dove portarli,urgentemente,mi fu detto a Porto Recanati.Potevo rispondere in tre modi:no,siamo impegnati.Chiama il gruppo comunale.Si ci vado.ed è stata quella la scelta.Effettivamente ho avuto un solo dubbio e cioè quando sono entrato a Porto Recanati,chiedendomi se ero autorizzato.I dubbi sono stati rimossi perchè ho spento il cellulare..........

    pasquale telera

    RispondiElimina